,

giovedì 20 maggio 2021

FAR FROM THE TREE, I DISNEY ANIMATION STUDIOS SVELANO IL TITOLO DI UN NUOVO CORTO

Logo ufficiale di Far From the Tree

Dopo la graditissima valanga di corti usciti nel contenitore Cortocircuito su Disney+, i Walt Disney Animation Studios non fermano la produzione di cortometraggi animati che servono per testare e allenare nuovi talenti che cercano di emergere nello studios, regalando a noi spettatori nel frattempo storie e mondi interessanti portati sullo schermo con animazioni che spesso non sono quelle canoniche dei lungometraggi.

In occasione del rinomato negli ambienti dell'industria dell'animazione Annecy Festival, che si terrà nella città francese quest'anno dal 14 al 19 giugno, i Disney Animation, oltre che presentare la prima occhiata alle serie animata Iwájú co-prodotta con lo studio africano Kugali e in arrivo su Disney+ nel 2022, proietteranno per la prima volta Far From the Tree, il loro nuovo cortometraggio.

Di Far From the Tree, lontano dall'albero, un titolo che lascia presagire una storia di genitori e figli visto il richiamo all'espressione la mela non cade mai troppo lontano dall'albero, non sappiamo davvero nulla, se non che si tratterà di un corto cinematografico, e che quindi debutterà con tutta probabilità con il prossimo classico Disney, il sessantesimo, in uscita questo novembre nei cinema, Encanto.

Una still da Per sempre noi

L'ultimo cortometraggio cinematografico dello studios, Us Again, in italiano Per sempre noi, è uscito al cinema negli Stati Uniti con Raya e l'ultimo drago, ed in Italia in digitale con le copie del film sulle piattaforme di noleggio e acquisto film online, e debutterà su Disney+, insieme alla versione di Raya per tutti gli abbonati, il 4 giugno.

A breve dovrebbe essere annunciato il team creativo dietro il cortometraggio e, in occasione dell'Annecy, sicuramente vedremo una prima immagine e un assaggio delle animazioni.

E a proposito di corti, venerdì 28 su Disney+ uscirà Launchpad, un altro contenitore di cortometraggi, questa volta live-action, che darà spazio a voci di filmmaker che fanno parte di minoranze negli Stati Uniti.