venerdì 11 dicembre 2009

A Christmas Carol - La Nostra Recensione

REGIA: Robert Zemeckis
SCENEGGIATURA: Robert Zemeckis
CAST: Jim Carrey, Colin Firth, Christopher Lloyd, Bob Hoskins, Daryl Sabara, Jacquie Barnbrook, Molly C. Quinn, Gary Oldman
PRODUZIONE: ImageMovers Digital
DISTRIBUZIONE: Walt Disney Pictures
PAESE: USA
ANNO: 2009
USCITA ITALIANA: 03 Dicembre 2009
USCITA USA: 06 Novembre 2009
GENERE: Drammatico, Fantasy
SCHEDA MNAL: A Christmas Carol

Londra, periodo vittoriano, Ebenezer Scrooge, un anziano e ricco finanziere della città, pensa che il Natale sia solamente una perdita di tempo, che intralcia il commercio e il guadagno.
Alla notte della Vigilia di Natale, Jacob Marley, vecchio suo collega in affari morto sette anni prima, gli fa visita in veste di fantasma, accerchiato da pesantissime catene che è destinato a portare con se per l'eternità; punizione divina per la sua vita terrena. Il terrificante fantasma avverte il suo compagno Ebenezer, che se non vuole finire nelle sue stesse condizioni, dovrà pentirsi dei suoi peccati. Riceverà infatti durante tre notti, tre spiriti, rispettivamente del Natale Passato, Presente e Futuro, che mostraranno a Scrooge la via delle redenzione.

A Christmas Carol, terza pellicola in performance capture diretta dal premio Oscar, Robert Zemeckis, ci offre il più riuscito adattamento cinematografico del capolavoro letterario di Dickens, Canto di Natale, in una chiave classica del romanzo, seppur sia una delle più moderne pellicole mai viste al cinema, con il 3D e il performance capture.
Robert Zemeckis ha dato spettacolarità al film, senza rovinare la storia, che è una dei più riusciti aspetti della pellicola. Il livello visionario del film è altissimo, le scenografie sono accurate e rispettose del periodo storico, gli amanti del romanzo di Dickens saranno soddisfatti di A Christmas Carol, molti personaggi, come Feeziwing, sono rappresentati proprio come John Leech aveva disegnato nella prima edizione del romanzo, come nella foto affianco.


Dal punto di vista cinematografico la pellicola tocca quasi il titolo di capolavoro, forse senza Jim Carrey il film non sarebbe mai riuscito, è riuscito a dare a Scrooge una delle migliori interpretazioni di sempre relativi al personaggio, e Robert Zemeckis, soprattuto nei titoli d'inizio film, che mancavano da un pò nei film Disney, è riuscito a ricreare una Londra Ottocentesca perfetta, ma non solo dal punto di vista architettonico, quando il Big Ben aveva appena scoccato i primi suoi primi minuti, ma anche dal punto di vista sociale, numerose le citazioni ad altre opere di Dickens, come non a caso Oliver Twist.
Con un inizio molto drammatico, la morte di Marley, si passa, in un modo assolutamenete geniale, al fantasy/horror, con la visita del fantasma del defunto compagno di Scrooge, interpretato da un bravissimo Gary Oldman, fino alla visita dei tre spiriti, Passato, Presente e Futuro.
Nella visita dello spirito passato forse assistiamo ad uno dei momenti più commoventi del film, vediamo, sempre grazie allo straordinario motion capture, uno Jim Carrey qui al massimo della sua interpretazione in tutto il film, non voglio svelarvi niente ma in quel pezzo che dico io qualche lacrimuccia si scapperà pure.
Passiamo quindi alla visita del Natale Presente, ed all'ingegno di Robert Zemeckis di far girare un'intera stanza per spostarsi per Londra, col 3D diventa una soluzione perfetta e che stupisce.
Quando però lo spirito così allegro e robusto finisce il suo compito, ecco che Zemeckis ci dimostra che questo film non è affatto adatto ad un pubblico immaturo, non infantile però, mostrando i due figli degli uomini, l'ignoranza e la miseria. Ed è qui che entra in scena lo spirito del Natale futuro a cui Scrooge risponde con una rocambolesca fuga, che non mi ha tanto convinto, non che non funzionasse però.


Il film non è niente di più, ma attenzione non che fosse una critica, A Christmas Carol rispecchia alla perfezione il lavoro di Dickens, e non aggiunge al racconto trucchetti che attirino un pubblico più infantile, che si possono notare in tutti gli altri adattamente di questo romanzo.
Non concordo nelle recensioni di questo film che parlano male del motion capture, che non è assolutamente "uno stupido trucchetto di ultima generazione che serve per abbellire il film", e qui vi cito testuali parole di un commento letto in rete. Il motion capture in A Christmas Carol è essenziale per la riuscita della pellicola stessa, daccordo che Jim Carrey è uno dei volti più espressivi ad Hollywood, ma come avrebbe potuto interpretare senza questa tecnologia un bambino di sei anni ed un anziano di ottanta?
Il motion capture ti aiuta in una delle imprese più ardue se realizzi un progetto che ne richiede l'ausilio, James Cameron ha usato il motion capture nel suo nuovo film Avatar per dare un volto umano ad una popolazione aliena, i Na'Vi, e chissà quanti altri registi useranno questa tecnica in futuro, per questo bisogna ringraziare Robert Zemeckis per aver creduto ed investito, sia soldi che ingegno, nel motion-capture.


Ritornando al film, io credo che l'"insuccesso" della pellicola negli Stati Uniti sia dovuto ad una cattiva propaganda da parte della critica, che ha classificato il film come dark, cupo ed addirittura horror, ma in realtà non è affatto così, sono dell'idea che i bambini adorino essere spaventati, così come i grandi, ma ammetto che in molte scene qualche brivido di paura ce l'ho avuto anch'io, anche grazie alla Colonna Sonora di Alan Silvestri, perfetta in ogni singola scena.
Il finale comunque è bellissimo e pieno di speranza, se la uniamo anche alla canzone di Bocelli, Dio ci benedirà, abbiamo ottenuto il film natalizio Disney per eccellenza.



Personaggio del film preferito:
- Scrooge, ovviamente!

La cosa che hai apprezzato di più:
- I titoli di inizio, spettacolari!

La cosa che hai odiato di più:
- Il logo della Imagemovers, ma quanto è brutto!

Momento del film preferito:
- Quando il fantasma di Marley "bussa" alla porta di Scrooge.


Citazione del film preferita:
- Scempiaggidi!

Canzone del film preferita:
Dio ci Benedirà.

Guidizio Finale del film:
8 1/2

Voto Recensione:
Questo tocca a voi darlo, tramite facebook, twitter, i commenti del post, via mail, se volete pure via poste, però voglio una cartolina natalizia con un bel augurio come ci ha fatto Scrooge :)



"A Christmas Carol, un eccitante viaggio immaginato dal realizzatore vincitore dell’Academy Award® Robert Zemeckis, coglie l’essenza fantastica del classico racconto di Dickens e la trasporta in un rivoluzionario evento cinematografico in 3D. Ebenezer Scrooge (Jim Carrey) inizia le festività natalizie mostrando il suo solito disprezzo, urlando al suo fedele impiegato (Gary Oldman) e al gioviale nipote (Colin Firth). Ma quando gli spiriti del Natale Passato, Presente e Futuro lo portano in un viaggio che gli rivela delle verità che il Vecchio Scrooge non ama affrontare, capisce di dover aprire il suo cuore per compensare anni di cattiva condotta prima che sia troppo tardi."

A Christmas Carol è prodotto dalla Imagemovers e distribuito dalla Walt Disney Pictures e uscirà in Italia il 3 Dicembre 2009 anche in Disney Digital 3D.
Il film è diretto da Robert Zemeckis e interpretato da Jim Carrey, Gary Oldman e Colin Firth.
La Colonna Sonora è composta da Alan Silvestri.

Ragazzi credeteci o no, ma questo è il millesimo articolo! Traguardo importante per My New Animated Life, che ne dite ne auguriamo altre cinquemila a questo splendido blog? :)
MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email