sabato 17 ottobre 2009

Up - La Recensione


Carl Friedricksen, un arzillo vecchietto stanco della vita di tutta i giorni, realizza il sogno della sua vita, esplorare il Sud America, e con la sua casa attaccata a milioni di palloncini vola verso Tepui e la sua natura incontaminata, ma non sa che al portico di casa sua lo aspetta il piccolo esploratore della natura, Russel, che accompagnerà Carl nel suo fantastico viaggio.

Difficile, ma veramente difficile trovare delle parole per descrivere Up, decima fatica Disney/Pixar.
La prima cosa che mi viene in mente da dire, è che la Pixar ha superato se stessa, ma penso che solo grazie a film d'animazione come Gli incredibili, Toy Story, Monsters e Co ed altri, Up sia potuto uscire fuori, c'è un pò di tutto in questa pellicola, ma non solo Pixar.
I primi film citati che mi vengono i mente sono Il Castello Errante di Howl, Gran Torino, Indiana Jones, Il vecchio e il mare, e chissà quanti altri ancora che sono saltati in mente mentre i realizzatori del film lavoravano alla sceneggiatura.

L'inizio, praticamente muto un pò alla WALL-E, è una delle migliori scene non soltanto del film, ma di tutte le pellicole del 2009 messe insieme, ovviamente non mi riferisco a quelle non ancora uscite.
Questo grazie all'alternanza di momenti allegri e tristi, quasi spiazzanti, Michael Giacchino, in questa parte della colonna sonora, è magnifico, questo di Up è il suo migliore lavoro.
Il 3D nel film funziona tantissimo, perchè al contrario di pellicole tridimensionali come Mostri contro Alieni, non disturba continuamente il pubblico con della roba che ti viene in faccia, ma viene usato più professionalmente, sopratutto per la profondità delle scene.

Un grande aspetto del film è il realismo, anche se una casa volante attaccata a milioni di palloncini può sembrare tutto tranne che scienza, la Pixar ti dimostra il contrario. Hanno addirittura confrontato e simulato tutti i fattori che rendono possibile il volo, la gravità, la forza ascensionale, i moti di spinta, la resistenza aereodinamica, e chissà quant'altro. Sono dei veri perfezionisti in quello che fanno, e quello che fanno è fantastico.

La storia ha commosso tutti in sala, non a caso alla fine del film avevo la maglietta completamente inzuppata. Ma attenzione il film non è drammatico, anche se affronta dei temi che non si sono mai visti nei film d'animazione prodotti in occidente, ma al contrario è uno dei più divertenti che la Pixar abbia mai realizzato, e anche uno dei più violenti, sarà stato il 3D ma molte scene verso il finale sono un pò alla Indiana Jones.
Tutti questi fattori comportano la riuscita, sia di critica che di pubblico, del film, adatto dai 3 fino ai 100 anni forse.

Grande e fantastica interpretazione vocale di Giancarlo Giannini, non a caso uno dei migliori doppiatori italiani in circolazione, che è riuscito alla perfezione a ricalcare le tonalità del personaggio di Carl, bravi anche gli altri. In fin dei conti sarebbe il minimo, in sei mesi di distanza dall'uscita originale la Disney Italia ha avuto tutto il tempo di perfezionare il doppiaggio.

La forza del film più che nella storia, è nei personaggi, Carl, Russel, Dug. Kevin, ma sopratutto Ellie; questi rimarranno, una volta terminato il film, nel vostro cuore forse per sempre.

Nota speciale per Partly Cloudy, divertentissimo cortometraggio diretto da Peter Sohn, qui per la prima volta, l'accoppiata corto+film della Pixar funziona alla perfezione, due lavori che si somigliano molto, anche se i soggetti nel film sono diversi, neonati nel primo, e vecchietti nel secondo.
Visti anche i primi tre minuti di A Christmas Carol, sempre in 3D, e la neve mi fa completamente impazzire, ma anche il resto non affatto male, ma di una cosa sono sicuro Robert Zemeckis col performance capture e 3D si è sbizzarito, e pure parecchio ;)
Tra i tanti trailer in tre dimensioni mostrati all'inizio del film, quello più suggestivo è sicuramente, Alice nel Paese delle Meraviglie di Tim Burton, anche se il film è stato riconvertito in digitale 3D, molte scene sembrano fatte apposta, quella dello Stregatto è senza respiro.

Voto: 11/10

"Carl Fredricksen è un anziano signore che per tutta la vita ha sognato di girare il mondo, ma ha dovuto scontrarsi coi problemi della realtà quotidiana come le bollette e gli acciacchi dell'età. Quando a 72 anni la vita sembra non offrirgli più tempo per realizzare il suo sogno bussa alla sua porta Russell, un boyscout di 8 anni che deve fare la sua buona azione. Sarà con lui che Carl Fredricksen intraprenderà il viaggio dei suoi sogni in Sud America, dove incontreranno animali selvaggi e persino degli inaspettati nemici."

Up è prodotto dalla Pixar Animation Studios e distribuito dalla Walt Disney Pictures, e uscirà in Italia il 15 Ottobre 2009 anche in Disney Digital 3D.
Il film è diretto da Pete Docter e prodotto da John Lasseter.
Up è doppiato in italiano da Giancarlo Giannini - Edward Asner, Arturo Valli - Jordan Nagai, Arnoldo Foà - Christopher Plummer e Neri Marcorè - Bob Peterson.
La Colonna Sonora è composta da Michael Giacchino.
MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email