martedì 2 luglio 2013

The Lone Ranger - Il Tracking

Domani uscirà finalmente in Italia e in molti altri territori esteri, tra cui ovviamente gli Stati Uniti, The Lone Ranger, attesa nuova collaborazione tra la Disney e il produttore Jerry Bruckheimer, il regista Gore Verbinski, gli sceneggiatori Ted Elliott e Terry Rossio e l'attore Johnny Depp, il team che, come la campagna marketing suggerisce, ha dato alla luce la saga multimiliardaria di Pirati dei Caraibi.
Se Pirati dei Caraibi è ispirato all'attrazione del parco Disney, Magic Kingdom, The Lone Ranger è liberamente tratto da ottanta anni di storie dedicate all'eroe mascherato e alla sua spalla Tonto, tra serial radiofonici e televisivi, quattro film, diciotto libri, e numerosissime collane di albi a fumetti, tra cui una ancora in corso nominata anche ad un Eisner.

Johnny Depp ad una proiezione speciale del film con alcuni membri della Comanche Nation Indian Tribe, comunità indiana che ha adottato tra le sue schiere l'attore l'anno scorso
Il progetto ha avuto una burrascosa storia nel reparto della pre-produzione, è arrivato negli studi Disney nel 2007 grazie a Jerry Bruckheimer, che si assicurò subito Johnny Depp nel progetto nella parte però del sidekick del Ranger Solitario, l'indiano Tonto, un ruolo che ha interessato l'attore dato che condivide con il personaggio le origini native americane. Depp ha più volte dichiarato che probabilmente la sua famiglia deriva dalle popolazioni dei Cherokee o dei Creek, entrambe native americane.
Il film però riceve subito dei blocchi da parte di Rich Ross, precedente chairman dei Disney Studios, che riteneva il progetto troppo costoso, ma grazie a delle riduzioni nello stipendio di Bruckheimer, Verbinski, Depp e Hammer e a sgravi fiscali, The Lone Ranger entra finalmente in produzione con un budget di 250 milioni di dollari, lo stesso di John Carter.
Il budget sopra elencato si riferisce però solamente alla produzione, ovvero quanto è costato il film tra stipendio degli attori e della crew, le riprese, gli effetti speciali e tutta la post-produzione, e non al marketing, ovvero alla pubblicità impiegata globalmente, di cui una cifra anche in Italia, per promuovere al meglio il film, che si stima sia di 150 milioni di dollari, secondo Variety.

Johnny Depp, Armie Hammer e Saginaw Grant, famoso attore nativo americano che è presente anche nel film, alla premiere di The Lone Ranger al Disney California Adventure
Quindi se vogliamo vedere la saga di The Lone Ranger proliferare come accaduto per Pirati dei Caraibi, dobbiamo aspettarci un risultato al botteghino mondiale di almeno 800 milioni di dollari, oppure di almeno 500 milioni per evitare il flop. Infatti bisogna ricordare che gli incassi vanno divisi tra la casa di distribuzione e gli esercenti, e il botteghino va quindi spartito a metà. Si è fatto l'esempio di 500 milioni di dollari come cifra minima per non rientrare nel rischio flop del film, perchè i soldi del marketing, che per essere recuperati il film dovrebbe incassare 800 milioni, di solito vengono idealmente ripresi con le vendite dell'home video, quindi DVD, Blu-Ray, ma anche merchandising.

Manca un giorno per sapere i primi dati di incassi, in America questa sera si terranno anche delle anteprime serali, ma gli analisti hanno già stilato un tracking probabile del film, ovvero di come The Lone Ranger dovrebbe comportarsi al botteghino statunitense, soprattutto in vista dell'Independence Day del 4 Luglio, famosa festività americana dove gli incassi al cinema e l'affluenza di pubblico generalmente aumenta, si tratta infatti del "periodo più caldo" al cinema americano.
Ma The Lone Ranger non gioca da solo, ha dinnanzi e dietro di sè una dura concorrenza al cinema. Innanzitutto dovrà vedersela con l'invasione dei Minions del sequel di Cattivissimo Me, che esce in contemporanea al film della Disney, e dovrà vedersela con kolossal già presenti sul mercato come World War Z e L'uomo d'acciaio, e la settimana dopo uscirà Pacific Rim, il nuovo attesissimo film di Guillermo del Toro.

Quindi gli analisti prevedono in America un weekend lungo, dal 3 al 7 Luglio, che dovrebbe vedere The Lone Ranger al secondo posto dietro Cattivissimo Me 2, con 70 milioni di dollari.
Bisogna specificare che il film non è in 3D, e quindi non potrà contare sul sovrapprezzo, e, a giudicare dalle prime recensioni americane, neanche su di un buon passaparola, ma la presenza di Johnny Depp nei panni del mattatore della situazione, nonostante il recente insuccesso di Dark Shadows che lo vedeva protagonista, dovrebbe portare il pubblico al cinema e far reggere il film anche nelle prossime settimane negli Stati Uniti.
Dopotutto Depp è ancora l'attore che ha reso possibile il successo di Alice in Wonderland e di Pirati dei Caraibi, anche se potrebbe far preoccupare il recente insuccesso non solo di Dark Shadows ma anche di Pirati dei Caraibi 4 in madre patria, il film incassò di meno di 300 milioni negli Stati Uniti, l'incasso minore della saga, ma poi ben 800 milioni all'estero, che fece diventare Oltre i Confini del Mare il secondo incasso più redditizio su quattro film, superando il miliardo di dollari.
E' proprio sul mercato internazionale che il film potrebbe contare, anche se, come fa notare The Hollywood Reporter, il genere western non è ben visto all'estero. Ma Johnny Depp è ancora idolatrato come una star in mercati internazionali come il Giappone, dove Pirati dei Caraibi 4 e Alice hanno superato entrambi i 100 milioni di dollari, o la Russia, in cui Oltre i Confini del Mare è il film con più incassi nel 2011.

Insomma il flop di John Carter è ben lontano per The Lone Ranger, che ha molte carte in tavola da giocare, noi speriamo ancora che il film sorprenda come fece Pirati dei Caraibi nel 2004, dove tutti si aspettavano un insuccesso, ma comunque i 70 milioni pronosticati in cinque giorni sono un buon risultato iniziale per un film che all'estero potrebbe fare faville e aprire la strada ad una saga molto interessante.

Per tutte le vostre curiosità sugli incassi dei film, budget e altro consultate BoxOfficeMojo.com, oppure chiedete nei commenti :) e appuntamento a domani e per i prossimi giorni per i primi dati sul Box Office e altro ancora!

Hi-Oh, Silver, Away! :)
MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email