sabato 9 maggio 2009

Rapunzel - Parlano Byron Howard e Natahn Greno + Nuovo Concept

Il nuovo megazine D23 è veramente ricco di novità, anche visto l'enorme prezzo di 70 dollari, e finalmente stanno arrivando nuove informazioni dai film Disney trapelate da scannerizzazioni dellla rivista.

Rapunzel - Nuovo Concept Art:

Parlano Byron Howard e Nathan Greno, i registi:
"Il film promette di trasmettere di più rispetto alla storia originale, ed è anche molto più divertente. Raperonzolo è già fuori dalla torre e in cerca di avventura alla fine del primo atto.
"La storia si concentra su ciò che accade quando lei lascia la torre", ha detto Byron Howard. "La morale della storia è che in realtà non si riuscirai mai a goderti la vita chiuso in una torre. Dobbiamo percorrere il mondo e vivere la vita. Anche se la nostra eroina è fisicamente al di fuori della torre, è in realtà ancora psicologicamente lì dentro. E' bello avere un personaggio così innocente e intelligente."

Il film è ancora in piena produzione, nessuno sa ancora la vera trama, apparte D23 ovviamente:
"Gli animatori hanno dato il fascino anni '50 a questa nuova fiaba Disney.
Byron e io siamo grandi fan di Disneyland e Fantasyland - afferma Nathan Greno - Infatti ci siamo ispirati proprio a questi parchi a tema. E' uno stile utilizzato in film come Cenerentola, intorno al quale abbiamo condotto la nostra ricerca. John Lasseter è molto meticoloso su questo punto, sullo stile tecnico sopratutto. Perciò ci veramente messi al lavoro.
Dobbiamo concentrare la nostra ricerca case per piccoli oggetti di vita quotidiana, come cavalli, vestiti, castelli, tutto..."

Hanno anche ricordato come sono arrivati a questo progetto:
"Una delle cose che abbiamo imparato da Bolt è che vi è un limite con il CGI, dove a volte i personaggi non sono realistici - spiega Nathan Greno - Dobbiamo garantire che non sia troppo troppo reale o cartone animato. Tutto deve essere sincronizzato alla perfezione.
Byron aggiunge: "E' strano che in un vero e proprio film, si utilizzano software specializzati per cancellare alcune linee o macchie sul viso e che nell'animazione, sia al computer che tradizionale, vi è una tendenza a voler concentrarsi su questi difetti.

E cosa sarebbe un favola Disney senza una memorabile colonna sonora?
"Sapevamo che quando abbiamo iniziato questo progetto, sarebbe stato un musical - dice Byron - Per effettuare questa delicata operazione abbiamo voluto il talento di Alan Menken e del paroliere Glenn Slater. "Alan è stato grande - dice Nathan - Ha composto questa fantastica melodia che fa scattare ancora di più la magia nei capelli di Rapunzel.
Il testo dice: "Tu sei mio per sempre", che, in base a come si canta, può avere un significato completamente diverso. A volte è una canzone d'amore tra il nostro principe, Flynn, e la nostra principessa, Raperonzolo, a cambiare totalmente una scena."

Una delle operazioni più difficili è stata quella di creare Flynn, il principe:
"Abbiamo avuto diverse versioni, poi John Lasseter è venuto e ha detto: "Lui è lì, ma non so dove - poi disse - Chiedete a tutte le donne in studio di scegliere il loro uomo ideale, mettete tutte le foto di questi bei ragazzi in camera, scegliete il meglio di ciascuno e rendetelo un personaggio incredibilmente dinamico. Una cosa fondamentale è dare il tocco giusto al film - dice Nathan - in modo che anche se lo riguarderai tra 50 anni il film sarà sempre lo stesso, e questo è tipico di John Lasseter.

Fonte: Disney/Pixar.fr

"In Rapunzel, il 50° film d'animazione Disney, si rispetterà la fiaba originale dei Fratelli Grimm, ma sarà reso sottoforma di musical."

Rapunzel è prodotto dalla Walt Disney Animation Studios e distribuito dalla Walt Disney Pictures, e uscirà in Italia il 25 Dicembre 2010.
Il film è diretto da Byron Howard e Nathan Greno, e doppiato in originale da Kristin Chenoweth, Dan Fogler e Kevin Linehan.
La Colonna Sonora è composta da Alan Menken e Glenn Slater.
MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email