,

domenica 22 settembre 2019

MALEFICENT - SIGNORA DEL MALE, INTERVISTA A ELLEN MIROJNICK SUI COSTUMI DI MALEFICA, AURORA E DELLA REGINA INGRITH

Manca poco meno di un mese all'uscita di Maleficent - Signora del male, sequel di Maleficent che avrà la sua anteprima europea presenziata da Angelina Jolie e Michelle Pfeiffer proprio in Italia il 7 ottobre nel festival Alice nella città che si tiene nella Festa del Cinema di Roma.

The Disney Blog ha pubblicato un'intervista alla costumista del film, Ellen Mirojnick, acclamata per aver lavorato a Wall Street (1987), Basic Instinct (1992), e recentemente a The Greatest Showman, in cui parla della sua esperienza nel lavorare per la prima volta in trent'anni di carriera in un film fantasy, e di come i costumi di Malefica, Aurora e della regina Ingrith influenzino la loro caratterizzazione e il loro status di potere.

Ellen Mirojnick con i costumi di Dietro i candelabri (2013), grazie ai quali vinse un Emmy
Nell'intervista tradotta che trovate di seguito, Mirojnick parla anche dei nuovi personaggi i dark fey, di cui fa parte il personaggio di Chiwetel Ejiofor, che sono divisi in diversi tipi a seconda del luogo in cui risiedono; giungla, tundra, foresta e deserto.

Quali sono i tuoi obbiettivi principali come costumista?

Il mio ruolo è dare vita ai personaggi visivamente. Quando leggo una sceneggiatura la prima cosa che mi viene naturale fare è cercare di concepire delle immagini. Lavorando con il regista, gli attori e tutti gli altri artisti coinvolti nella realizzazione, ideiamo un tema che rappresenti la visione del film. Io comincio nell'applicare quella visione nei costumi per mostrare come un personaggio si senta, come si muova attraverso la storia e come cambi. I costumi raccontano delle storie. Possono subliminalmente trasmettere le emozioni dei personaggi e le loro personalità al pubblico ed aiutarli nella comprensione della loro caratterizzazione.

Cosa ti ha appassionato di questo progetto?

C'era una nuova storia da raccontare, e non ho mai lavorato in questo genere quindi mi attirava molto. Lavorando con Angelina è stata un'esperienza interessante perché lei è davvero ma davvero intelligente e ha una visione globale del progetto e un'abilità di lavorare su una storia in una maniera che è veramente eccezionale.

Malefica è un personaggio complicato e difficile da definire. Lei ha un enorme arco nella storia che alla fine la porterà di nuovo all'amore. Di questa storia ho sempre pensato che sia sull'amore puro e incondizionato.

Come hai iniziato a lavorare su questo film? Che tipo di preparazione c'è stata?

Ho ricercato l'arte da molti periodi diversi, così come la moda contemporanea, e ho creato un lookbook con le immagini di tutti i personaggi in tutti i vari scenari del film. Da questo libro il regista e gli altri artisti del film hanno potuto vedere qual era la mia visione. Il lookbook è diventato un pilastro e uno strumento indispensabile per il reparto dei costumi. Abbiamo dovuto realizzare ogni cosa dal nulla per questo film, dalle scarpe ai copricapi. Quello che non abbiamo creato, lo abbiamo noleggiato dai magazzini sparsi per tutto il mondo.


In che periodo è ambientata la storia e come questo ha influenzato i tuoi design?

Bè, quello che avevo in mente era un regno nuovo, fortificato e vivace. Quindi ci siamo chiesti come potessimo dare una nuova interpretazione ad una fiaba moderna che è ambientata a cavallo tra medioevo e rinascimento. Con questa libertà di poter creare il nostro periodo storico, abbiamo ampliato l'uso di tessuti disponibili, diverse colorazioni e silhouette. Sicuramente molto di più di quelle che potevamo usare se avessimo scelto un periodo storico preciso.


Cosa puoi dirci sul look di Malefica?

Malefica è il personaggio più forte nel film... ha bisogno di spiccare in mezzo a tutti gli altri e di mai confondersi; ha una sua forma e una silhouette unica. Malefica è iconica, quindi come costumista devi essere in grado di portare alla realtà quest'idea e, allo stesso tempo, di aumentare la posta in gioco. Lei è la star in bianco e nero del mondo fatato: è questa l'immagine con cui abbiamo cominciato. La sua pelle è molto bianca, le sue labbra sono rosse e il suo corpo è improntato su una linea molto forte. I suoi accessori cominciano come naturali e si evolvono per includere le ossa e l'oro per diventare poi diamanti neri e smeraldi.


Il suo vestito nella scena iniziale è dorato e verde, quest'ultimo colore con un motivo leggermente rettile. In questo film Malefica ha le ali, che sono diversi dal primo film, quindi i suoi costumi sono realizzati in tessuti fluidi che ondeggiano meravigliosamente al vento. Quando entra in scena, la semplicità della sua silhouette con i dettagli delle ossa, la rigidità del bianco e nero con dei dettagli dorati, e le sue labbra rosse sono suggestive. La sua forma è molto glamour, ha uno splendore da star del cinema, un copricapo meraviglioso con una corona di diamanti neri e smeraldi. Gli smeraldi danno un'idea di potere. Il suo bastone con la sfera è verde smeraldo, come sono tutte le sue tonalità del vestito.



Raccontaci del vestiario di Aurora.

Il vestiario di Aurora è etereo con un tocco di sofisticatezza, perfettamente adatta a qualcuno come lei che regna su un impero di creature mistiche. Il suo è un look da fiaba moderno con una palette di colori impressionistica con colori prevalentemente blu e rosa pallido. Sapevo che come regina della Brughiera era essenziale che cominciasse il suo viaggio in un vestito blu con un design da fiaba molto naturale realizzato nella foresta. Il risultato sembra qualcosa cucito a mano dalle fate... estremamente magico, diverso da tutto quello che abbiamo visto finora. Il suo look è molto diverso dai suoi vestiti da corte formali.


Adoro anche i suoi vestiti rosa perché hanno un elemento rivisitato del design classico del costume de La bella addormentata nel bosco. Ha un tonalità di rosa più chiaro ma ha la stessa forma del colletto del classico originale. Abbiamo ricamato il tulle e sostituito i toni dorati con dei fiori.


E invece sul vestiario di Michelle Pfeiffer nei panni della regina Ingrith?

Il confronto con Malefica è come il giorno e la notte. Il look della regina Ingrith è regale e si può dire moderno, e indica un'aria di ricchezza e privilegio in questo regno vivace. Abbiamo usato il platino, l'oro e colori allo champagne accoppiati a tantissimi gioielli per farla davvero splendere e darle un tono spavaldo. Ha una presenza che è sia dolce che forte allo stesso tempo. I suoi colori non danno l'idea che sia una cattiva... in realtà è quasi l'opposto. Quando la vediamo per la prima volta è in un vestito dal colore champagne pallido e bianco crema, che indossa con un mantello di perle. In totale, la regina Ingrith ha otto vestiti diversi. Sono tutti relativamente della stessa forma ma ognuno ha diversi tessuti e accessori.


Quando va in battaglia il suo vestito è stupendo, e veicola potere, bellezza e audacia. Somiglia ad un'armatura con guanti e spalline adornate con perle e argento. Sembra realizzato in metallo, ma è in realtà tessuto con del platino.


Cosa ci puoi dire invece sui dark fey?

Nella nostra storia, Malefica scopre da dove viene, la sua origine. Questo ci introduce i dark fey. I dark fey sono creature alate con delle corna simili a Malefica che vengono da molti posti diversi della terra ma che sono in realtà originari dalla Brughiera. Il loro look è ispirato dal loro bioma geografico: giungla, tundra, foresta e deserto. La bellezza di questa sfida è stata rappresentata dalla semplicità e di conseguenza dall'eleganza che è stata creata dal non poter usare niente di artificiale; è tutto puro e naturale e proveniente dal loro posto di origine, includendo le loro ali e corna. Quindi la palette per i fey della giungla è composta da molti colori; il deserto è secco e quindi le ali di quei fey sono di un coloro molto asciutto, come per la loro pelle. I fey della tundra è invece bianca, quasi artica e pennuta con alcuni toni blu chiaro e grigio chiaro, e i fey della foresta sono verdi e marroni con delle qualità molto naturali e simili a degli alberi.

Come credi che il pubblico reagirà al film?

E' stata una vera e propria montagna russa realizzare il film, ma ciò ha creato un gran divertimento e per me è stato un viaggio creativo, appagante e soddisfacente. Credo che il pubblico rimarrà travolto dalla storia e sarà intrigato dai nuovi personaggi del film che sono diversi, diversificati e misteriosi, E, dopo tutto quello che è stato detto e fatto, spero che tutti capiranno che l'amore conquista tutto e che noi tutti possiamo vivere insieme in armonia senza sacrificare la nostra terra.

Malefica e Aurora devono affrontare la complessità dei legami famigliari quando le loro strade vengono separate da un matrimonio imminente, alleanze inaspettate e dall’ingresso di nuove forze oscure. Il tempo è stato gentile con Malefica e Aurora. Il loro rapporto, nato da un tradimento, dalla vendetta e infine dall’amore, è cresciuto ed è forte. Ciononostante c’è ancora dell’astio tra gli uomini e le creature magiche. Il matrimonio di Aurora con il Principe Filippo è motivo di festeggiamenti in tutto il Regno e nelle terre vicine poiché le nozze uniranno i due mondi. Un incontro inaspettato però darà vita a una nuova potente alleanza: Malefica e Aurora si ritroveranno sui fronti opposti di una Grande Guerra che metterà alla prova la loro lealtà e le porterà a chiedersi se potranno essere davvero una famiglia.
Maleficent - Signora del male è un film live-action diretto da Joachim Rønning, scritto a sei mani da Linda Woolverton, Micah Fitzerman-Blue e Noah Harpstere, sequel di Maleficent del 2014, e adattamento del classico Disney La bella addormentata nel bosco del 1959.
Il film dei Walt Disney Pictures è interpretato da Angelina Jolie (Malefica), Elle Fanning (Aurora), Michelle Pfeiffer (regina Ingrith), e uscirà il 18 ottobre negli Stati Uniti e il giorno prima in Italia.
La colonna sonora è composta da Geoff Zanelli.