giovedì 18 luglio 2013

David Fincher rinuncia all'adattamento di Ventimila Leghe sotto i Mari

Recente poster Mondo del film Disney del 1954
Il remake di Ventimila Leghe sotto i Mari, celebre film del 1954 prodotto da Walt Disney, ha avuto una travagliata produzione.

Era il 2009 quando McG (Charlie's Angels, Terminator Salvation) era stato incaricato dalla Disney di dirigere il film, che sarebbe stato più incentrato sul Capitano Nemo e fedele al romanzo di Verne, con Bill Marsilii (Deja vu) e Justin Marks (Street Fighter) alla sceneggiatura. Poi la regia nel 2010 è passata a David Fincher, acclamato regista di Fight Club e The Social Network, che avrebbe diretto la sceneggiatura di Scott Z. Burns (Contagion). Ma il problema è sempre stato l'attore protagonista che avrebbe interpretato il Capitano Nemo, ovvero chi sarebbe riuscito a portare più pubblico possibile nelle sale per recuperare un budget stimato di 200 milioni di dollari. Nel corso degli anni si sono fatti i nomi di Will Smith, prima scelta di McG, Brad Pitt, fedele collaboratore di Fincher e Channing Tatum, Daniel Craig, e Matt Damon, ma nessuno di loro si è mostrato interessato non tanto al film, ma allo spendere 140 giorni di riprese in Australia, in cui il governo locale ha agevolato le tasse che diminuivano il budget di almeno 20 milioni.

Recentemente, rivela The Playlist, che Chris Hemsworth, attore australiano al momento con due franchise come The Avengers e Biancaneve all'attivo, era stato contattato dalla Disney per il ruolo del Capitano Nemo, ma David Fincher ha deciso di dedicarsi ad altro, ed ora non è più ufficialmente collegato all'adattamento del romanzo.

Non è chiaro se il progetto andrà avanti senza di lui, The Playlist esclude la cosa, anche visti i recenti insuccessi dello studio come John Carter e The Lone Ranger, e dichiara che la Disney non sarà più tanta propensa nel futuro a dare il via libera a progetti rischiosi come questo.

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P. L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email