mercoledì 20 giugno 2012

La prima immagine di 7D, la nuova serie d'animazione Disney sui Sette Nani di Biancaneve

Seguendo la scia di Jake e i pirati dell'isola che non c'è e della nuova serie Sophia The First, basati rispettivamente sui classici di Peter Pan e della Bella Addormentata nel Bosco, la Disney ha messo in produzione una nuova serie d'animazione per Disney Junior, 7D, basata su Biancaneve, o meglio sui sette nani. Il nome della serie infatti sta a indicare i 7 Dwarfs (nani).

La prima immagine che ci arriva ci mostra il nuovo look aggiornato dei nani, da sinistra verso destra, vediamo Mammolo, Pisolo, Cucciolo, Gongolo, Brontolo, Dotto, e Eolo.


Lo stile ricorda un'altra serie Disney, Fish Hooks, infatti dietro il progetto c'è la mano di Noah Z. Jones, creatore della serie.
Nella nuova serie apparentemente non comparirà Biancaneve (si era detto lo stesso anche di Peter Pan per Jake, che poi è comparso in uno special), perchè la storia è ambientata prima che i nani incontrassero la sfortunata principessa.
La serie sarà ambientata nel mondo fiabesco contemporanea di Jollywood e seguirà le avventure del settetto che aiuta la Regina Delizia (Queen Delightful) a mantenere la pace e a proteggere il regno dai cattivi Grim e Hildy Groom.
Anche se il target della serie è dai 2 ai 7 anni, sono coinvolti nel progetto nomi come Alfred Gimeno, Sherri Stoner e Tom Ruegger, veterani di serie come Gli Animaniacs e I favolosi Tiny, che fanno sperare anche in una comicità indirizzata verso gli adulti, oltre che ai bambini.

Fonte: Jim Hill Media

Ovviamente il paragone con il classico Disney è totalmente fuori luogo, qui si è cercato di dare un'aria più fresca e divertente ai sette nani, creando una serie che per ora promette veramente bene.
Anche se dovremmo aspettare a lungo per vederla, la data in onda su Disney Junior è fissata al 2014.
MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email