lunedì 12 gennaio 2009

Disney Awards - 66th Golden Globes

I Jonas Brothers consegnano il premio come miglior film d'animazione ad Andrew Stanton, regista di WALL-E

Non dovrei scrivere Disney Awards, bensì Pixar Award perchè l'unico premio che si porta a casa la Disney quest'anno ai Golden Globes è per il miglior film d'animazione, per WALL-E, premio scontatissimo, ottenuto battendo Bolt e Kung Fu Panda, gioiellini d'animazione del 2008, ma nemmeno minimamente paragonabili a WALL-E.
Il miglior film d'animazione però ha perso una delle categorie a cui era il favorito, alla miglior canzone, Down to Earth, che ha perso contro The Wrestler; la musica è soggettiva, ma non fino a questo punto.
Grandi vittime della follia di questa edizione dei premi d'orati sono Il Dubbio (Disney) e Benjamin Button (Warner), 5 nomination perse contro The Millionarie di Boyle, film, secondo me, mediocre, che spero venga apprezzato agli Oscar quanto lo ho apprezzato io :x.
Come migliore commedia o musical, vince Vicky Cristina Barcelona, che una commedia non è, nemmeno un film per questo.
In questa categoria poteva essere premiato Mamma Mia!, film con Meryl Streep (Il Dubbio), e dove una nomination per High School Musical 3 poteva essere fatta, ma ovviamente hanno preferito un Razzie.
L'unica cosa di cui sono contento è la categoria per il miglior attore, e non protagonista, dove trionfano Mickey Rourke e Heath Ledger, inoltre alla vittoria di Valzer con Bashir come miglior film straniero, cosa che si potrebbe ripetere anche agli Oscar, due film d'animazione al titolo di miglior film (WALL-E) e miglior film straniero (Bashir appunto), sarebbe un sogno...
Insomma i Golden Globes non ti emozionano più come una volta, quando aspettavi le 5 di mattino sonnambulo davanti al computer in attesa di sapere chi verrà premiato, questa volta non mi è capitato, per le notte insonne almeno ci sarà l'Oscar il 22 Febbraio...
MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email