lunedì 6 luglio 2015

Sanjay's Super Team, Prime immagini dal cortometraggio Pixar e nuovi dettagli

Concept art di Sanjay's Dream Team
USA Today ha pubblicato due immagini e altri dettagli sulla trama del nuovo cortometraggio Pixar, Sanjay's Super Team, in occasione della sua presenza al San Diego Comic-Con questo giovedì.
Il cortometraggio, diretto da Sanjay Patel qui alla sua prima regia dopo aver lavorato principalmente in Pixar come story artist, è ispirato alla storia personale del regista da bambino, che, cercando di avvicinarsi al mondo americano dei suoi amici, inizialmente allontanò la cultura dei suoi genitori immigrati dall'India. Nel corto infatti, il piccolo Sanjay spende il suo tempo libero dopo scuola guardando i cartoni in televisione, mentre il padre prega, come illustrato nel concept art a inizio articolo.

Il piccolo Sanjay
Sanjay però si avvicinerà alla cultura del padre in un modo tutto suo, immaginando i dei indiani, che come rivela l'articolo di USA Today saranno Hanuman, un vanara (dall'aspetto scimmiesco) protagonista nel poema epico indiano Rāmāyana, la regina sia della creazione e della distruzione Durga, raffigurata nella tradizione indiana a cavallo di una tigre e con diverse braccia che impugnano numerose armi, e Vishnu, dio con la pelle blu protettore del Dharma; come dei veri e propri supereroi alla Avengers, o come la trinità fumettistica formata da Superman, Batman e Wonder Woman.
Ma il regista rivela che saranno diversi dalle tipiche figure supereroistiche "Ho un certo punto di vista  molto personale quindi li vedo un po' diversi da questi personaggi."

Quando Sanjay sentiva il padre suonare la campanella per la meditazione mattutina era il segnale che il bambino doveva chiudere la televisione e seguire il padre. "Sapevo esattamente cosa significava: 'Chiudi la televisione, Sanjay, e vieni qui.' Avremmo dovuto cantare e contare le perline del mālā per mezz'ora." Il regista così ricorda, ridendo. "E io, 'Veramente non lo voglio fare. Vorrei davvero continuare a guardare Voltron.'" Ma il piccolo Sanjay nel Super Team trova qualcosa di più forte della sua serie tv quando si unisce al padre, per l'appunto le tre divinità Indù che prendono vita per occuparsi di un mostro fastidioso. 

Le divinità Durga, Vishnu e Hanuman vengono in aiuto di Sanjay
Il regista ha anche rivelato che il corto, della durata ormai classica di ogni corto Disney o Pixar, 7 minuti, sarà muto, non ci sarà alcun dialogo, e che quindi sarà dedicato maggior spazio alla musica, composta da Mychael Danna, vincitore dell'Oscar alla miglior colonna sonora per Vita di Pi, e candidato alla miglior canzone per la meravigliosa Pi's Lullaby. Questa sarà la terza volta che un corto e un film Pixar accompagnati insieme al cinema avranno lo stesso compositore, in quanto Danna comporrà la musica anche de Il viaggio di Arlo, che sarà al cinema questo Novembre con appunto Sanjay's Super Team. 
Come Vita di Pi, anche la musica del corto avrà uno stile che richiama le sonorità indiane. Infatti l'articolo rivela che dal momento in cui il piccolo Sanjay incontrerà le divinità, il compositore utilizzerà un bansuri, un flauto traverso indiano e accomunato spiritualmente al dio Vishnu. A proposito Patel ha detto "E' una scelta che non solo chi che comprende profondamente la cultura avrebbe potuto fare, ma è un qualcosa che mio padre apprezzerebbe davvero tanto."

Grazie alle due immagini, si può notare lo stile dell'animazione del corto molto pronunciata. Si uniscono infatti la cultura americana dei supereroi e quella indiana delle divinità, un'operazione simile a quella di Big Hero 6 con San Fransokyo che univa Giappone e Stati Uniti, "sento che il corto è come un ponte grazie al quale posso portare queste due cose insieme" dice il regista.

Nicole Paradis Grindle, qui al suo primo lavoro come produttrice dopo essere stata produttore associato in Toy Story 3 e Monsters University, aggiunge che, nonostante gli artwork e il filmmaking dei corti Pixar è sempre provenuto dalla storia personale di ogni singolo artista, "qui molto chiaramente proviene da un posto culturale diverso da tutte le altre storie che abbiamo raccontato precedentemente... E per i ragazzi che vengono da questo background e che quindi si vedranno sullo schermo, è estremamente eccitante per noi."

Sanjay Patel
E infatti non c'è niente di simile negli altri cortometraggi Pixar, specialmente di recente. Gli ultimi corti dello studios, L'ombrello blu e Lava, quest'ultimo lo vedremo al cinema a Settembre con Inside Out, che hanno come protagonisti entrambi degli oggetti che prendono vita, sono stati criticati perché non permettevano al pubblico di identificarsi molto, sembrando solo meri esercizi di stile. La scelta di produrre Sanjay's Super Team sembra quella buona, e continua la strada iniziata con Parzialmente nuvoloso e La Luna, che hanno permesso a giovani artisti Pixar internazionali, rispettivamente Peter Sohn di origini coreane, adesso regista de Il viaggio di Arlo, e il nostro Enrico Casarosa, di esprimersi come registi con una loro storia, portando diversità nello studios, che mai come oggi ad Hollywood è ricercata.
Oltre ad avere una storia estremamente personale, sembra che anche l'animazione del film sia di alto livello, e che cerchi di sperimentare. Lo stile dei personaggi da queste immagini sembra molto stilizzato, un'aspetto che condivide con Il viaggio di Arlo, e che abbia un certo bidimensionalità. Non si tratta chiaramente della stessa tecnica usata da Paperman e Winston, i recenti e premiati corti Disney Animation, che utilizzano un mix di CGI e animazione tradizionale, ma superficialmente li ricorda. Potrebbe trattarsi dell'utilizzo del nuovo metodo, pubblicato da Pixar a Marzo 2014, grazie al quale i contorni di una superficie tridimensionale possono ammorbidirsi per ottenere una stilizzazione, che da queste immagini pare evidente che sia presente nel corto.

Un'illustrazione da Ramayana: Divine Loophole
Sanjay Patel è stato anche autore di un libro illustrato edito da Chronicle Books, editore degli Art of dei film Pixar, chiamato Ramayana: Divine Loophole (Amazon), adattamento del poema epico e testo sacro Rāmāyana, in cui vediamo le divinità indù rappresentate anche qui con un'evidente stilizzazione.
Anche nel film d'animazione indiano prodotto da UTV, conglomerato indiano di proprietà Disney, e Walt Disney Pictures, Arjun: The Warrior Prince, uscito nel 2012, ricorda questo stile bidimensionale.

A breve un resoconto di tutti gli appuntamenti Disney al San Diego Comic-Con di quest'anno, che seguiremo con approfondimenti e notizie.

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P. L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email