sabato 10 novembre 2012

'Paperman' tra i 10 cortometraggi animati considerati per l’Oscar

Paperman' Video Thumbnail

Paperman, il corto animato dei Walt Disney Animation Studios che è uscito nelle sale la settimana scorsa davanti a Ralph Spaccatutto, è uno dei 10 corti d’animazione che rientrano nella cerchia di quelli che l’Academy ha preso in considerazione per la nomination all’Oscar.

Sono stati presentati 55 corti per la categoria del miglior cortometraggio animato, e l’Academy ieri ha diffuso la lista dei 10 che sono entrati nella categoria finale e tra di questi la giuria ne selezionerà dai tre a cinque che verranno nominati per quella categoria.

Le nomination saranno annunciate il 10 gennaio prossimo, mentre l’85^ notte degli Oscar si terrà il 24 febbraio.

La lista dei 10 cortometraggi che potrebbero essere nominati all’Oscar sono:

“Adam and Dog," Minkyu Lee, regista (Lodge Films)

"Combustible," Katsuhiro Otomo, regista (Sunrise Inc.)

"Dripped," Leo Verrier, regista (ChezEddy)

"The Eagleman Stag," Mikey Please, regista, e Benedict Please, colonna sonora e sound design (Royal College of Art)

"The Fall of the House of Usher," Raul Garcia, regista, e Stephan Roelants, produttore (Melusine Productions, R&R Communications Inc., Les Armateurs, The Big Farm)

"Fresh Guacamole," PES, regista (PES)

"Head over Heels," Timothy Reckart, regista, e Fodhla Cronin O’Reilly, produttore (National Film and Television School)

"Maggie Simpson in 'The Longest Daycare,' " David Silverman, regista (Gracie Films)

"Paperman," John Kahrs, regista (Disney Animation Studios)

"Tram," Michaela Pavlatova, regista, e Ron Dyens, produttore (Sacrebleu Productions)

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email