martedì 25 settembre 2012

La Walt Disney Company taglierà significativamente le spese nel 2013

La Walt Disney Company ha speso molti soldi per migliorare i suoi parchi tematici e la sua linea di navi da crociera, ma il conglomerato dei media vedrà un significativo calo delle spese nel 2013, secondo quanto affermato giovedì dal direttore finanziario Jay Rasulo.

Prendendo la parola alla Goldman Sachs Communacopia Conference a New York, Rasulo ha affermato che dopo che Fantasyland in Florida sarà aggiornato, “il prossimo grande progetto in Florida sarà Avatarland che verrà costruita nel Disney’s Animal Kingdom.”

“Vedremo un significativo calo delle spese nel 2013”, afferma il direttore finanziario. “Naturalmente, a Shanghai si sta lavorando intensamente per raggiungere l’obiettivo di un’apertura per il 2015. Così su base controllata comincerete a vedere nuove spese in futuro per il parco di Shanghai Disneyland, e ricordate, che quel progetto costerà circa 4.3 miliardi di dollari, di cui noi stiamo investendo il 43 percento e il governo cinese il 57.”

Come tutti gli altri dirigenti Disney, Rasulo ha elogiato i miglioramenti al Disney California Adventure, affermando che circa metà dei visitatori di Disneyland vanno anche nel parco più piccolo, un aumento consistente rispetto al 30 percento del periodo pre-rinnovamento, e cosa ancora più importante gli ospiti passano nel parco tra le sei e le sette ore invece delle quattro/cinque di prima.

CarsLand e gli agli aggiornamenti del Disney California Adventure “fondamentalmente hanno cambiato la dinamica del parco”, ha affermato Rasulo.

Se c’è un punto debole nel business dei parchi a tema e dei resort, è l’Europa, dove l’economia è “estremamente imprevedibile”, secondo Rasulo.

La presentazione di Wall Strett di Rasulo, la sua seconda in una settimana, giunge dopo che le azioni Disney hanno raggiunto un livello da record. Il valore delle azioni viaggia sui 53 dollari ciascuna.

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P. L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email