martedì 4 settembre 2012

Arjun: The Warrior Prince, il primo film d'animazione indiano della Disney

Risale allo scorso febbraio l'acquisizione da parte della Disney del media indiano, UTV, compagnia d'intrattenimento con sede a Mumbai, che si occupa della produzione di film, contenuti per la televisione e videogiochi.
Il primo team up Disney/UTV è stato con un film d'animazione, prodotto dalla UTV e distribuito, per ora solo in India e negli USA, dalla Disney, chiamato Arjun: The Warrior Prince.
Il film in CGI è basato su una leggenda presente nell'intreccio narrativo del Mahābhārata, uno dei più grandi poemi epici indiani e narra la storia della vita di Arjun, cominciando da quando era solo un bambino di 9 anni, e seguendo la sua crescita per diventare il guerriero diventato poi mito. Esplora la sua vita con suo fratello ad Hastinapur, il suo allenamento e la sua educazione e la scoperta della forza del guerriero dentro di sè.

Arjun: The Warrior Prince è uscito in India (con un incasso di all'incirca 10 milioni di dollari) e in poche sale americane il 25 Maggio, e farà il suo debutto all'El Captain Theatre di Los Angeles dal 3 al 9 Settembre, in versione sottotitolata, in tempo per essere elegibile alle nomination all'Oscar per miglior film d'animazione.
Infatti un film per essere candidato nella categoria d'animazione, ma anche in quella di miglior film, deve aver almeno avuto una settimana di distribuzione in un cinema di Los Angeles.
Vi ricordiamo che l'Academy nella scorsa edizione ha nominato nella categoria d'animazione due film stranieri (A Cat in Paris e Chico e Rita), e recentemente ha celebrato Bollywood premiando The Millionaire, e viste le recensioni positive in madrepatria per Arjun, la mossa potrebbe non essere inutile.
Anche se, parlando della categoria dei film d'animazione, il film indiano ha dei concorrenti anche tra i "colleghi". La Disney per quest'anno ha altri quattro titoli papabili: Ribelle - the Brave, Ralph Spaccatutto, Frankenweenie e Tinker Bell: Secret of the Wings (quarto film della serie di film su Trilli previsto in DVD/BD per questo autunno che uscirà proprio come Arjun al cinema solo per una settimana all'El Captain Theatre per essere elegibile).

Intanto ecco il trailer indiano di Arjun, con sotto la nostra traduzione in italiano.
Si è fermata la madre della Terra a regalare la nascita a uomini coraggiosi?
C'è un arciere che può farcela? C'è?
Drona: Yudhishtira, che cosa vedi?
Yudhishtira: Dieci alberi di mango, tre di Bohdi e uno di Audumbar.
Drona: Scansati! Arjun?
Arjun: Il mio occhio vede solo l'occhio del pennuto, maestro.
Drona: E allora lancia la freccia!
Se devi sconfiggere i Pandavas, allora per prima cosa attacca... Arjun!
Draupadi: Dammi la tua parola, che mi vendicherai per l'umiliazione causata dai Kauravas!
Disponetevi a cerchio!
Drona: Preparatevi per la battaglia!
Dimenticati della vittoria e combatti, concentrati sull'azione e non avrai paura di nulla.

Ovviamente una delle cose che notiamo subito è la qualità della CGI, di certo non paragonabile ai recenti film Disney o Pixar, questo perchè il progetto è stato in sviluppo da anni alla UTV e solo ultimamente, lo scorso febbraio, la Disney è entrata a pieno nella produzione.

La storia promette di essere davvero epica e ricalca la struttura generale dei film d'azione indiani, in cui c'è un protagonista guerriero, e una principessa o un popolo da salvare.
Comunque nessuno ha notato che dopo Merida in Brave, Occhio di Falco in The Avengers e Katniss in The Hunger Games, questo è il quarto film dell'anno in cui il protagonista usa arco e freccia? :-)

Riguardo ad una distribuzione italiana del film, l'arrivo del film in Europa sembra molto difficile, ma una nomination all'Oscar sarebbe utile a spingere la Disney a distribuirlo anche qui da noi.
Comunque se ciò non dovesse accadere, noi non escludiamo di realizzare i sottotitoli in italiano del film.
Quindi rimanete sintonizzati :-)
MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email