venerdì 4 maggio 2012

I Jonas Brothers lasciano la Disney

Jonas Brothers Portrait by Peggy Sirota - H 2012

Dopo sei anni con l’etichetta Hollywood Records, i fratelli hanno reclamato i loro master e ora sono liberi.

I Jonas Brothers hanno lasciato la Hollywood Records dopo aver pubblicato tre album con l’etichetta discografica della Disney.

Il trio dei fratelli di Nick, Kevin e Joe Jonas, che hanno venduto 17 milioni di album in tutto il mondo, si sono anche portati via i diritti dei loro master, del merchandising e della pubblicità per una totale non reso pubblico.

“Questa è una decisione che abbiamo preso come gruppo,” racconta Nick Jonas all’Hollywood Reporter. “Naturalmente, come con qualsiasi rapporto, quando ci si lascia, c’è dell’emozione legata all’avvenimento. Siamo stati fortunati ad avere molto successo con la Hollywood Records e la Disney, ma parlando per conto dei miei fratelli e della nostra squadra, stiamo tutti cercando di guardare avanti verso il prossimo capitolo. Siamo pronti per quel prossimo passo come gruppo, e essere in grado di portare il nostro lavoro con noi è stato così importante.”

Quando contattati, un portavoce della Hollywood R. ha commentato: “La Hollywood Records e i Jonas Brothers hanno amichevolmente terminato un rapporto incredibilmente di successo dopo sei anni. … Non avremmo potuto chiedere dei partner migliori o delle persone più in gamba con cui lavorare. Auguriamo a Nick, Kevin e Joe tutto il meglio nelle loro avventure future.”

E’ una rarità di questi tempi per una band dal successo del livello dei Jonas – il tipo di successo che fa riempire arene, di tour mondiali, di album di platino, di film e speciali TV per intenderci – riuscire a reclamare con successo il loro catalogo (per un prezzo massiccio, tipicamente una percentuale basata sulle vendite passate e le stime per i guadagni futuri.) Ma a sentire il manager Johnny Wright raccontare la vicenda, l’opportunità non poteva essere tralasciata. “Potevamo restare, o potevamo andare,” afferma parlando delle negoziazioni, che sono avvenute dopo che la band aveva ottemperato ai suoi obblighi nei confronti dell’etichetta discografica. “Questo permetterà loro di scrivere il loro destino.”


“L’industria e i canali di distribuzione stanno cambiando così rapidamente, che non sappiamo nemmeno più che cosa significa far uscire un disco.” — il manager dei Jonas Brothers Johnny Wright

Permetterà altresì alla band di cercare delle entrate aggiuntive dalle iniziative digitali come le applicazioni e lo streaming live dei concerti, tecnologie che a mala pena esistevano quando i tre fratelli Jonas firmarono con la Hollywood Records nel 2007 (con i master che hanno lottato per riavere dalla Columbia Records dopo che l’etichetta della Sony li aveva sganciati). E poi  c’è il canale più lucrativo di tutti: le pubblicazioni, che possono portare la forma di melodie di valore e piazzamenti cinematografici, i territori stranieri, i brani.

“L’industria e i canali di distribuzione stanno cambiando così rapidamente, che non sappiamo nemmeno più che cosa significa far uscire un disco,” afferma Wright. “Se volevamo portare un altro accordo con una major, sarebbe stato un accordo diverso da quello firmato con la H.R. Non dobbiamo diventare soltanto un artista per l’etichetta, potremmo essere un partner o fare da soli e poi tornare più tardi. Non ci sono piani – il piano è qualsiasi cosa che decidiamo di fare.”

Wright ammette prontamente che i Jonas Brothers sono diventati troppo grandi per la Disney, qualcosa che è diventato evidente mentre stavano contemplando la loro uscita. “Avendo una conversazione a proposito del proseguire, sapevamo che non avremmo fatto uno show dei Jonas sul Disney Channel e che la possibilità di fare film in quello stile non era nei fatti, così le grandi piattaforme non erano più accessibili per noi,” afferma il manager veterano, che ha rappresentato Justin Timberlake sin dai giorni in cui era con gli 'N Sync. 

A parte questo, i ragazzi volevamo prendersi un po’ di tempo con il loro nuovo album (il loro album più recente, Lines, Vines and Trying Times, uscì nel 2009) senza la pressione di una scadenza. “Non dobbiamo avere un disco pronto sotto nessuna costrizione di tempo, così sono liberi solo di creare e esplorare e di farlo al loro ritrmo,” afferma Wright. “E apprezzano questo ritmo di lavoro.”

Davvero, aggiunge Nick Jonas: “In questi tre ultimi anni, i miei fratelli e io non abbiamo fatto uscire un album, ma ci siamo mossi da soli come adulti. E abbiamo anche vissuto, che è una parte importante del realizzare un album … Ho allestito uno studio nel mio appartamento a New York dove possiamo ritrovarci tutti a metter giù le nostre idee. E’ una sensazione davvero liberatoria essere in grado di creare e scrivere qualsiasi cosa hai nel cuore.

Wright dice di aspettarsi un nuovo album dei Jonas Brothers entro la fine del 2012 o nei primi mesi del 2013. Nel frattempo, i ragazzi stanno mettendo in moto i loro piani per l’immagine, presentando persino un nuovo logo (vedi immagine a sinistra). Ma nel passaggio da “ragazzi ad adulti, per usare quel cliché,” saranno in grado di non perdere per strada il pubblico che finora li ha sostenuti con passione?

“Quello che i Jonas Brothers hanno già fatto nel business della musica la maggior parte delle persone non lo raggiungeranno mai,” afferma Wright. “Ora si parte con il secondo capitolo, nel quale i ragazzi prendono le loro esperienze e le loro lezioni e la loro musica e hanno tutto il controllo nel mettere tutto insieme e nel creare un ottimo piano per il futuro che li attende..”

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email