giovedì 1 dicembre 2011

Lanny & Wayne – Missione Natale: recensione DVD


Lanny & Wayne – Missione Natale
Registi : Stevie Wermers-Skelton, Kevin Deters /Sceneggiatori : Stevie Wermers-Skelton, Kevin Deters (copione), Chris Williams (storia), Robert L. Baird, Daniel Gerson, Reid Harrison (materiale aggiuntivo storia ) / Produttori esecutivi : John Lasseter, Chris Williams / Produttore : Dorothy McKim Cast Vocale : Dave Foley (Wayne), Derek Richardson (Lanny), Sarah Chalke (Magee), Morgan Sheppard (The Big Guy), Mason Vale Cotton (Timmy Terwelp ), Nathan Greno (Dasher), David DeLuise (Dancer), Hayes MacArthur (Thrasher), Peter Jacobson (Watterkotte), Kasha Kropinski (Miss Holly), Lino DiSalvo (Gristletoe Joe / Nancy), Adam Shapiro (Elfo del Carbone # 1) , Kevin Deters (Brian), Stevie Wermers-Skelton (Ap-up Elf)  Data trasmissione originale : 8 dicembre 2009 / Durata : 22 minuti / Rating : TV-G
Caratteristiche tecniche : 1.78:1 anamorfico widescreen, Dolby Digital 2.0 (italiano, francese, olandese, tedesco, polacco) Sottotitoli: italiano, francese, inglese, olandese, tedesco, polacco; Data di uscita DVD: 22 novembre 2011 (USA) 9 novembre 2011 (Italia) / Singola lato, singolo strato (DVD-5) / Amaray nera

I fan della Disney o sanno o ricordano un tempo non troppo lontano, quando ogni cosa animata dello studio che veniva toccata si trasformava in oro. Sia che si contrassegna il 1988 o 1989 come l'inizio e il 1994-1999 come punto di arrivo, il periodo rappresentato è quello che oggi viene considerato un rinascimento della Disney, e tutto, dalla consapevolezza della critica, alla risposta del pubblico e all'acquisto di merchandising legato ai prodotti sembrava essere giunta al massimo storico. Questo boom creativo ha dato luogo a molti altri prodotti, anche spin-off, serie TV, adattamenti cinematografici e sequel direct-to-video. Un formato non più utilizzata fin dall'inizio di quel periodo è stata proprio la featurette animata.
Se si considera una featurette come una semplice estensione di un corto animato, allora la sua assenza era tutt'altro che strana. Con alcune eccezioni di rilievo, i corti sono praticamente scomparsi negli anni ‘60. Ma anche dopo la fine di questi cartoon da 5-10-minuti, la Disney ha continuato a produrre alcuni film d'animazione di circa un terzo della lunghezza di un film animato standard. Ci sono state le featurette di Winnie the Pooh, la seconda delle quali ha fatto vincere a Walt Disney il suo ultimo Oscar. Ci sono stati cartoni animati di 25 minuti a tema natalizio come The Small One (1978) e Il Canto di Natale di Topolino (1983), nominato all’Oscar. Negli anni di Michael Eisner sono stati impiegati ulteriormente i personaggi classici di Pippo in Soccermania (1987) e di Topolino ne Il principe e il Povero (1990).
Diciannove anni dopo, il formato è risorto con Prep & Landing, un mediometraggio originale di mezz'ora per la ABC, uno speciale di Natale prodotto direttamente dai Walt Disney Animation Studios. Questo è stato motivo di festeggiamento: la divisione d’animazione stava finalmente facendo qualcosa e qualcosa di diverso anche. Sfortunatamente, Prep & Landing sembra essere un prodotto del periodo in cui il dipartimento era alla scoperta di sé. Dopo aver appena toccato il fondo sia dal punto di vista creativo che di quello finanziario con Mucche alla riscossa , la Disney ha cercato di reinventarsi,  lasciandosi alle spalle le tecniche tradizionali di animazione a mano e optando per le tecniche d’animazione computerizzate che stavano prendendo sempre più piede. Il primo film interamente in CGI dello studio è stato Chicken Little, risultato in un buon successo finanziario ma anche un insulto dal punto di vista artistico.
Subito dopo che uscì questo film, Robert Iger è succeduto ad Eisner come amministratore delegato dell'azienda e tra i suoi primi compiti c’era quello di comprare la Pixar e di mettere il suo capo creativo John Lasseter come responsabile anche dello studio di animazione della Disney. Il film d’animazione in CG che seguirono, I Robinsons e Bolt, erano di gran lunga migliori rispetto a Chicken Little, ma entrambi e soprattutto quest’ultimo davano la sensazione di uno studio all’oscuro della propria identità e inconsapevole della sua eredità storica. Questi problemi da allora sono stati soddisfacentemente affrontati tre volte negli ultimi tre anni, con la pellicola in animazione tradizionale La principessa e il Ranocchio, Rapunzel, molto più tradizionale di quanto volessero pubblicizzarlo, e il semplice ma dolce Winnie the Pooh. La Disney Animation sembra essere di nuovo sulla strada giusta, senza né riposare sugli allori, né all’inseguimento delle nuove tendenze.
Neo-assegnati partner Lanny e Wayne si incontrano per la prima volta.    High-tech di preparazione e gli elfi approdo sicuro il soggiorno e tagliamo l'albero per adattarsi presenta sotto.
Anche se ha debuttato solo tre giorni prima che La principessa e il Ranocchio uscisse nei cinema americani, Prep & Landing ha la stessa sensazione di aver ricevuto un tocco dalla Pixar come Bolt. Questo non è un caso perché in effetti erano in produzione nello stesso momento e anche per il fatto che questo speciale è stato ideato e prodotto dal co-sceneggiatore di Bolt e anche dal co-regista Chris Williams.
Prep & Landing ci parla di alcuni aspetti delle consegne annuali di Babbo Natale finora trascurate nella tradizione del Natale: l'unità di elfi ad alta tecnologia che svolgono le missioni di ricognizione sulle case, di preparazione all'interno di esse e che sul tetto predispongono l’atterraggio di Babbo Natale e delle sue renne. Il tutto consiste nel fare un controllo sulle creature presenti assicurandosi che ci sia spazio sufficiente sotto l'albero per lasciare i regali, ed è un lavoro che Wayne (voce di Dave Foley) vede come un trampolino di lancio per cose più grandi e migliori per la sua carriera. Ma quando non ottiene la promozione che si aspettava ed è invece messo in coppia con l'entusiasta Lanny (Derek Richardson), Wayne non è nel migliore degli stati d'animo per questa festa. Sciatto e stanco, rompe il protocollo e durante il lavoro di preparazione si fa sorprendere da Timmy, un bambino che si è svegliato. Con Babbo Natale dirottato e il Natale di questo ragazzino che molto probabilmente sarà rovinato, Wayne e Lanny decidono di fare il possibile per salvare la situazione.
In questi giorni, una rete televisiva richiede nove minuti di spot pubblicitari per ogni mezz'ora di trasmissione. Questo lascia Prep & Landing con soli 21 minuti e 32 secondi contando i crediti e i loghi dello studio. Non è molto tempo per fare poter fare qualcosa, soprattutto perché prima ci devono presentare il loro universo e i personaggi che sono nuovi e sconosciuti. Mi sembra che un po' di tempo in più avrebbe fatto beneficiare l'intera produzione in modo piuttosto considerevole. Anche se 43 minuti è da ritenersi un tempo eccessivo, sette di quei minuti avrebbero potuto immediatamente essere utilizzati mostrando il cortometraggio del 1952 L’albero di Natale di Pluto.
Visto che lo speciale è così corto, si deve per forza optare per un ritmo parecchio sostenuto. Non c'è mai un attimo di riposo in questo insieme di giochi di parole e battute sul Natale. E' abbastanza gradevole, ma è così veloce e sottile che è difficile elaborare una reazione con una sola visione. Prep è davvero sullo stile di Bolt, in quanto si ride per tutto e non provate mai antipatia per quello che state vedendo sullo schermo, ma non c'è altro che soddisfa davvero l'occhio. Questo è più perdonabile di certo in uno speciale televisivo animato rispetto ad un film intero, ma se pensate che non ci possa esser molto posto per l’intensità in un programma di mezz'ora, allora provate a ricordare A Charlie Brown Christmas, uno dei primi e forse il più grande di tutti gli speciali natalizi. Certo, la banda dei Peanuts beneficiava di quattro minuti in più nel 1965 e avevano il vantaggio di essere giudicati da una certa distanza e dopo innumerevoli visioni di quei personaggi in altri cartoni animati. Anche considerando questo, non vedo Prep & Landing come il tipo di spettacolo che venderà ancora del merchandise legato ad esso a mezzo secolo da oggi, nel modo in cui invece Charlie, Rudolph e il Grinch fanno ancora oggi.
Wayne lotte addentando un biscotto stantio Natale.    Polo Nord comando centro coordinatore Magee (doppiato da Sarah Chalke) è in vantaggio rispetto al dramma casa Terwelp, come lei deve dare il codice usato raramente Pudding Figgy di reindirizzare il Big Guy.
Proprio come A Charlie Brown Christmas, anche Prep & Landing ha avuto una vittoria agli Emmy. In realtà, Prep ha vinto quattro premi Emmy, tre per l'eccellente realizzazione dell’animazione e, soprattutto, il premio 2010 come miglior programma di animazione, una categoria che inspiegabilmente lo ha messo a confronto con singoli episodi dei "The Simpsons", di "South Park", e del "Ricky Gervais Show". (Charlie Brown aveva una concorrenza altrettanto variegata nella categoria Miglior Programma per bambini, dove ha battuto artisti del calibro del "Captain Kangaroo" e Walt Disney in tre episodi della miniserie "Wonderful World of Color" e "Le avventure di Gallegher".)
Wikipedia indica - senza citazione alcuna – che il budget di Prep & Landing si aggira intorno ai 14 milioni, quasi la metà della cifra del budget del film di quest'anno, Winnie the Pooh. Come fa la Disney a riavere indietro quei soldi investiti? Beh, ci sono stati gli spot durante la trasmissione originale del 2009 sulla ABC, che hanno potuto beneficiare di un totale di 12 milioni di spettatori (valido per conquistare il secondo posto nella sua fascia oraria anche se ben lontano dai numeri di Shrek the Halls di due anni prima, sempre trasmesso dalla ABC). Poi, c’è il merchandise, dai peluche dei personaggi fino ad un ornamento Hallmark, anche se dubito che possa portare ad una fonte di reddito significativa.



C’è un sequel: l'anno scorso infatti  hanno prodotto un nuovo corto di 7 minuti e questo mese un nuovo speciale di mezz'ora verrà presentato in anteprima sul canale ABC. E infine, c'è questo DVD, che è un anno o due in ritardo per essere definito tempestivo e se si vuole anche un mese o un anno troppo prematuro per includere il nuovo speciale, sottotitolato Naughty vs. Nice. Prep & Landing è uscito da poco in DVD, senza l’opzione di un'edizione Blu-ray (nemmeno in USA), nonostante la Disney e il resto del settore stia continuando a dare una forte spinta per il passaggio a quel formato.
VIDEO e AUDIO
Il DVD può offrire una risoluzione inferiore rispetto alle trasmissioni in HD, ma Prep & Landing sembra comunque incredibile e funziona bene anche in definizione standard. La presentazione in 1.78:1 anamorfico widescreen, come era da aspettarsi, è impeccabile per quanto consente il formato, vanta una bella chiarezza e dei colori sono davvero vivaci. Si deve constatare che nonostante sia un prodotto destinato alla tv, Prep è più che presentabile, e vanta delle immagini degne di un film cinematografico. Per la prova di quanto davvero sia elevata la qualità del CGI, confrontate questo prodotto con Topolino Strepitoso Natale!, il modesto tentativo in direct-to-video di cinque anni prima e credo ne resterete storditi.
La colonna sonora in Dolby Digital 2.0 è vivace e abbastanza coinvolgente, mettendo insieme un paio di belle canzoni natalizie e unendole a dei buoni effetti sonori in generale. L’unico inconveniente è che non è presente la traccia in 5.1 in italiano come nel dvd americano. L’audio ne avrebbe beneficiato immensamente.
Lanny e Wayne prendono ordini dai Mamma Natale (Betty White) in questo calza stuffer breve "Operation:. Secret Santa" Piccolo piccolo raggiunge elevati nel breve una battuta corta "Tiny Big Adventure". Attrezzature Elf intervistati in tre video spesso sfocato formazione.
CONTENUTI SPECIALI, MENU, PACKAGING e DESIGN
Prep & Landing ha una mediocre dotazione di bonus, ma non abbastanza da giustificare un mediometraggio che viene venduto da solo (come dimostra il misero spazio da 2,87 GB utilizzati sul disco).
I primi e più significativi contenuti speciali sono due corti extra. Operazione Babbo Natale (6:53) in cui Lanny e Wayne vengono nominati da Mamma Natale (doppiata da Betty White e mantenuta all’oscuro, proprio come lo speciale originale non fa vedere Babbo Natale) per recuperare furtivamente un box di legno di gran significato dall'ufficio del marito. La Piccola Avventura di Scricciolo (01:09) è solo un corto che ha un elfo silenzioso come protagonista (che è per di più fuori dalla cornice) che fa una gran confusione nella sala pausa durante il tentativo di fare un caffè per il suo capo, Maggie, la coordinatrice del centro di comando (da "Scrubs" 'Sarah Chalke, riprendendo il suo ruolo nello special).
Realizzazioni Elf sono dettagliati in questa bobina Notizie Kringle. Sebbene Disney ElfDate.com acquistato il dominio, che non ha acquistato Elf-Date.com, rendendo questo annuncio di lieve valore potenziale a chiunque industriosa. Lanny controlla la situazione nel menu Prep & Landing DVD principale.
Nella stessa ottica c’è un graffiante cinegiornale in bianco e nero del Polo Nord (1:28) che getta luce su alcuni avvenimenti degli elfi.
Gli extra si concludono con tre spot da elfo (1:40), che non sono doppiati ma soltanto sottotitolati in italiano. Queste pubblicità di ElfDate.com (sì, la Disney ha acquistato davvero il dominio, ma non la versione con il segno meno che compare sullo schermo alla fine. Credo che tutte queste siano state prodotte in un solo pomeriggio, perché è quello che sembra.
Avrebbe dovuto davvero esserci un vero making-of per enfatizzare questo special come un successo dei Walt Disney Animation Studios e il primo prodotto a vincere un premio importante dai tempi di Tarzan.
FastPlay avanza e il disco si apre con i trailer per Lilli e il vagabondo: Diamond Edition e altri del nuovo film di Trilli. Poi dal menu si possono visualizzare altri trailer delle future uscite.
Come ci si aspetterebbe, il menu offre delle gag high-tech in una scena con il camino, mentre Lanny e Wayne si muovono nel soggiorno di Timmy, assicurando la zona e quant'altro.
C'è una netta mancanza di allegria nell'imballaggio. Infatti la confezione è vuota (se non per il classico foglietto Disney Movie Rewards). Il disco è all’interno di una keepcase nera amaray, senza sleepcover e il disco è grigio (per risparmiare!).
Prep & Landing veterano Wayne non è divertito dall'entusiasmo dei newbie Lanny, Magee, che ha fatto il suo partner.
IN CONCLUSIONE
Bello da vedere, Prep & Landing è proprio un ottimo mediometraggio assai divertente. Tutti gli appassionati dell'animazione Disney dovrebbero vederlo, ma una visione sola dovrebbe essere sufficiente, piuttosto che una regolare rivisitazione come di solito il genere animato invita a fare.
Inoltre, il DVD è abbastanza scialbo, la presentazione degli extra è soltanto accettabile, e la maggior parte degli extra sono deboli.
Si tratta di un caso in cui la Disney avrebbe dovuto guardare all’orientamento della concorrenza; Fox e Blue Sky hanno pubblicato Ice Age: A Mammoth Christmas Special, appena due giorni dopo la messa in onda dello special, con la vendita del DVD per la metà del prezzo di quello della Disney e anche in Blu-ray + DVD + Digital Copy nel combo pack che costa meno, perdi-più.
MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email