martedì 8 novembre 2011

Disney e Youtube alleati per la prima volta

Creeranno un canale online per diffondere cartoni animati

<br />      AFP<br />

Walt Disney e YouTube hanno trovato l'accordo. Il gigante dei media e intrattenimento e la piattaforma di Google per la condivisione di video online si alleano per rinforzare la loro posizione sul web, specialmente verso il pubblico dei più giovani. Secondo l'accordo, Disney e YouTube spenderanno assieme dai 10 ai 15 milioni di dollari per creare otto serie di cartoni animati che saranno distribuite su un canale web, presente sia sul sito Disney.com che su YouTube. Il canale trasmetterà anche video amatoriali provenienti da YouTube, selezionati da Disney.

Sebbene l'investimento da parte delle due società non sia ingente, ciò che rende l'accordo interessante è la strategia adottata da Disney e da YouTube per cercare di superare i loro punti deboli sul mercato. Disney, la cui divisione Disney Interactive attiva nel digitale ha perso oltre 300 milioni di dollari nell'ultimo anno, vuole rinnovare l'offerta: il suo sito Disney.com recentemente ha visto un calo del numero di visitatori unici. E Youtube può beneficiare della raccolta pubblicitaria portata dal prestigio del nome Disney.

La casa di produzione spera che la partneship con YouTube le permetta di attirare il pubblico dei giovanissimi internauti e di portarli a passare più tempo sul sito di Disney. "E' un imperativo categorico andare dove si trova il nostro pubblico", ha detto al New York Times James Pitaro, condirettore generale di Disney Interactive. Grazie all'alleanza con Disney, Youtube spera di attirare più bambini sul sito e anche di aumentare la propria credibilità con i genitori, che temono il fatto che sul sito si trovano contenuti non filtrati.

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email