lunedì 28 novembre 2011

'Breaking Dawn' vince il weekend del Ringraziamento; 'I Muppet' partono alla grande!

Il teaser poster di Breaking Dawn - Parte 1Nonostante un corposo numero di nuove uscite, gli incassi del weekend del Ringraziamento sono calati di circa il 12% rispetto a quelli di un anno fa negli USA, proseguendo un trend che vede il 2011 in svantaggio rispetto al 2010 (va detto che un anno fa erano usciti sia Harry Potter 7 che Rapunzel).

Rimane saldamente in testa The Twilight Saga: Breaking Dawn - Parte 1, con altri 62.3 milioni di dollari nel weekend lungo (mercoledì-domenica) e mantenendosi ancora sotto i risultati di New Moon (realizzati nello stesso periodo, due anni fa). Il film ci ha messo 10 giorni a raggiungere i 200 milioni complessivi negli USA, e ora è a quota 221.3. Prosegue la corsa anche a livello internazionale, dove ha raggiunto i 489 milioni di dollari in dodici giorni.

Il teaser poster internazionale dei muppetAl secondo posto esordiscono I Muppet, con un risultato convincente di 42 milioni in cinque giorni: per un franchise che si credeva morto, è un ritorno in grande spolvero soprattutto perché il film è costato solo 45 milioni di dollari (escluso il marketing) e grazie a un cinemascore di grado "A" avrà vita lunga nelle prossime settimane.

Al terzo posto troviamo Happy Feet 2, che incassa 18.4 milioni nei cinque giorni perdendo, nel weekend di tre giorni, quasi il 40% rispetto all'esordio. Il primo film, uscito nello stesso periodo, incrementò notevolmente gli incassi nel suo secondo weekend, e questo dimostra quanto questo secondo episodio stia andando male negli Stati Uniti. 44 i milioni incassati finora, quando il primo film stava già sfiorando i 100 nello stesso lasso di tempo (e senza 3D).

Il poster francese di Hugo CabretDebutta al quarto posto un altro film in animazione 3D, Il Figlio di Babbo Natale (Arthur Christmas), che in cinque giorni incassa 17 milioni di dollari. Un risultato davvero poco esaltante per il cartoon della Aardman distribuito dalla Sony, tuttavia è opinione comune che con un titolo così legato al Natale il film abbia la possibilità di marciare settimana dopo settimana fino alle vacanze (anche grazie al Cinemascore A-).

Chiude il weekend lungo con 15.4 milioni di dollari in soli 1.277 cinema Hugo Cabret, con una media di 8.888 dollari per sala (la terza migliore della top ten). Gli 11.3 milioni tra venerdì e sabato rappresentano il terzo miglior esordio di sempre per Martin Scorsese (!). La Paramount intende sfruttare il passaparola prima di distribuire in un maggior numero di sale il film a partire dal 9 dicembre, sperando che poi prosegua la sua corsa lungo il Natale (è costato 170 milioni di dollari e dovrà andare davvero bene per recuperarli).

The Descendants

Il resto della classifica vede cali più o meno diffusi, e si chiude con una sorpresa: i 9.2 milioni di dollari in cinque giorni di The Descendants, il nuovo film di Alexander Payne che ha ottenuto la media stellare di 21mila dollari (nei 5 giorni) in soli 433 cinema.

Scivola invece all'undicesimo posto J. Edgar: il film di Clint Eastwood non è il successo che alcuni pensavano potesse diventare, e finora ha incassato 28 milioni di dollari (ne è costati 35).

Tra le altre uscite minori, My Week with Marilyn ha esordito in 123 cinema mercoledì (raddoppiando le sale nel weekend), incassando 2.1 milioni di dollari in cinque giorni. 241mila dollari in quattro cinema, invece, per i primi cinque giorni di A Dangerous Method. Infine The Artist è uscito venerdì in quattro cinema, incassando 210mila dollari in tre giorni.

Qui sotto trovate la classifica dei tre giorni (venerdì-domenica):

image Fonte: BadTaste, BoxOfficeMojo

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email