mercoledì 16 novembre 2011

Dieci cose che probabilmente non sapete del Re Leone

Con Il Re Leone 3D per la prima volta nelle sale in 3D e in arrivo in Disney Blu-ray e Blu-ray 3D il 30 novembre, facciamo un passo indietro nel tempo per scoprire alcune curiosità e segreti di questo blockbuster animato.


1. Il titolo originale del film non era Il Re Leone.
"Quando inizia a lavorare a Il Re Leone, il film era chiamato King Of The Jungle", rivela Don Hahn, produttore del film. "Il Re della giungla era una metafora per questa storia allegorica sul comportamento umano. Stavamo pensando all'idea di come è una giungla e l’esistenza di Simba in questa giungla. Tuttavia, non c'era nessuna giungla nella nostra storia: era ambientato in una savana. Un altro titolo che abbiamo esaminato è stato Il Re delle Bestie, che ha più senso perché il leone è il re degli animali, ma che poi abbiamo scartato perché abbiamo voluto mettere a fuoco una storia semplice di un re leone. In questa fase abbiamo pensato: 'Perché non chiamarlo Il Re Leone? 'La storia parla di un cucciolo ragazzino che vuole essere re e di suo zio che lo esilia per un omicidio che non ha commesso, così cresce nel deserto e poi deve tornare a reclamare il suo trono. Questa è tutta la storia, ed è tutta incentrata su un re leone, così il nome rimase."

2. La Rupe dei Re è stata creata a Burbank!
"Abbiamo intrapreso un viaggio in Kenya alla ricerca degli animali e del paesaggio per il film" spiega Roger Allers, co-regista de Il Re Leone. "Non c'era molto tempo per disegnare durante il viaggio, perché gli animali erano sempre molto veloci, ma abbiamo fatto un sacco di ricerche fotografiche e abbiamo assorbito la sensazione del paesaggio e del clima. Nel film, le Terre del Branco sono modellate dopo aver visitato diverse aree del Kenya. Ci sono certe cose sollevate dal paesaggio intorno al distretto di Samburu, ma abbiamo usato una varietà di ispirazioni. Molte persone cercano di dire, "La Rupe dei Re è basata su questa montagna qui. "Ma si sbagliano. Un artista a Burbank ha inventato la Rupe dei Re.

3. Zazu in origine era una specie di uccello più piccolo.
"Nelle prime fasi di sviluppo, Zazu era un uccello dal becco a punta," afferma Roger Allers, co-regista del film. "Non ricordo la specie esatta, ma abbiamo deciso di cambiarlo in qualcosa di molto diverso dopo il nostro viaggio di ricerca in Africa. Continuavamo a vedere questi meravigliosi uccelli bucero saltellare in giro per il posto e avevano così tanto carattere. La curva verso l'alto del loro becco suggerisce un senso di orgoglio per loro, e allo stesso tempo avevano delle meravigliose piume delle zampe che sembrava che indossassero dei pantaloni del pigiama. Sembrava così divertente e avevano tanta personalità che sapevamo che Zazu avrebbe dovuto essere un bucero. Ha davvero aggiunto molto al suo personaggio".

4. Ci sono voluti nove mesi per convertire il film in 3D.
"Quando ho sentito che Il Re Leone stava per essere convertito in 3D, non ero sicuro che si potesse fare", afferma Don Hahn. "Tuttavia, mi sono ricreduto guardando i risultati. Sembra fantastico! Tutto sommato, ci sono voluti circa nove mesi per completare il processo. Abbiamo passato i primi tre mesi per la preparazione e verificando le immagini, seguito poi da sei mesi di lavoro della produzione effettiva."

5. Il team creativo ha portato dei leoni reali nello studio d’animazione per la ricerca dei loro movimenti.
"Quando Walt Disney stava lavorando a Bambi, ha portato una varietà di animali della foresta nello studio d’animazione per la ricerca," rivela Rob Minkoff, co-regista, de Il Re Leone. "Gli artisti hanno potuto vedere gli animali da vicino e hanno potuto osservare come si muovevano in giro, quindi è stato un ottimo modo per studiare la fauna selvatica. Il che ci ha ispirato a portare i leoni veri e i cuccioli in studio per la ricerca degli animali del Re Leone. Un esperto di animali molto famoso chiamato Jim Fowler, che era il conduttore di uno show televisivo chiamato Mutual Of Omaha’s Wild Kingdom, che portò gli animali per noi. E' stato molto emozionante e molto istruttivo per tutti gli animatori da lavorarci."

6. Rafiki era un personaggio molto diverso nelle prime versioni della storia.
"Nelle prime fasi della produzione, il personaggio di Rafiki era molto diverso dal personaggio che si vede nel film finito," ammette Roger Allers. "Nelle prime versioni della storia, Rafiki era un serio consigliere del re. Era un uomo molto saggio, così abbiamo ingaggiato l'attore Robert Guillaume per dargli la voce. Tuttavia, al momento in cui Robert arrivò per registrare la voce, il personaggio era completamente cambiato. Ce ne siamo usciti con l'idea di Rafiki che doveva essere più di un monaco eremita pazzo. Adesso era un personaggio stravagante e misterioso con un lato mistico e una saggezza che traspare di tanto in tanto - ma con un lato molto giocoso. Robert è una persona molto dignitosa e questo non era ciò per cui aveva firmato il contratto, quindi abbiamo trascorso la prima sessione di registrazione cercando di trovare la voce e la risata di Rafiki. Robert l’ha tirata fuori per noi quel giorno e il resto è storia."

7. Nathan Lane e Ernie Sabella originariamente fecero un provino per il ruolo delle iene.
"Il processo di casting per Il Re Leone è stato molto lungo e molto coinvolgente", spiega Rob Minkoff. "Siamo passati attraverso tante idee diverse per i vari ruoli nel film, ma due dei grandi successi sono stati Timon e Pumbaa. Nathan Lane e Ernie Sabella si sono esibiti in una produzione di Broadway dal titolo Guys and Dolls nel 1992, quando Il Re Leone era in corso di lavorazione. Sono venuti per un provino a New York e si sono ritrovati nella hall, che è quando hanno scoperto che erano entrambi lì per le audizioni per i ruoli delle iene. Hanno chiesto al direttore del casting se potessero ascoltare insieme ed erano esilaranti mentre leggevano le loro battute, ma non mi sembravano giusti per le iene. In quel momento abbiamo pensato, 'Che cosa succede se li usiamo come Timon e Pumbaa?' E 'stata la perfetta soluzione."

8. La canzone "Hakuna Matata" non era nella sceneggiatura originale.
"Nelle prime fasi di produzione, avevamo una canzone chiamata “He’s Got it All Worked Out” nel film, rivela Rob Minkoff. "Volevamo una canzone divertente, una canzone mentre lui mangia il suo primo insetto perché volevamo trasmettere l'idea che Simba non è un leone quando incontra Timon e Pumbaa, sta lasciando la sua vita da cucciolo e sta entrando in questa nuova vita lontano da casa sua. Tuttavia, non siamo riusciti a convincere tutti che rendeva un'intera canzone sul mangiare gli insetti o che fosse una buona idea. Poco dopo, il team di ricerca è tornato da loro viaggio in Africa con la frase 'Hakuna Matata'. Ne abbiamo parlato in un incontro con Tim Rice e quell'idea lo colpì. Mi ricordo Tim che diceva: 'Hmmm ... Hakuna Matata. E' un po' come Bibbidi-Bobbidi-Boo. 'Una canzone era nata!"

9. Lo sfregamento del ventre di Pumbaa è stato ispirato dalla moglie di un animatore.
"Mia moglie era incinta del nostro primo figlio durante il tempo in cui stavo lavorando a Il Re Leone", spiega l’animatore Tony Bancroft. "Se si guarda una donna incinta, avrete modo di notare che a loro piace strofinare la pancia. Le fa stare tranquille. E' appagante. Beh, avevo l'abitudine di guardare mia moglie strofinarsi la pancia e ciò mi fece pensare: 'Questo sarebbe un elemento così divertente da mettere in Pumbaa siccome è un tipo grassoccio. 'Quando vedete Pumbaa sdraiato sulla schiena che guarda le stelle nel film, noterete che fa quel gesto. Ho animato quella scena e ho fatto in modo che si accarezzasse dolcemente la pancia come una donna incinta perché mi sembrava così naturale. Lo rende più umano e facilmente riconoscibile."

10. I realizzatori volevano originariamente Cheech e Chong a interpretare le iene nel film
"Abbiamo avuto un momento veramente difficile nel trovare la voce giusta per il iene nel film", dice Rob Minkoff. "Gary Trousdale, uno dei registi della Bella e la Bestia, ci ha aiutato nelle prime fasi di sviluppo e ha creato un intero storyboard delle iene come se fossero interpretate da Cheech e Chong. E' stato divertente, ma Cheech e Chong non lavoravano insieme al tempo, quindi sapevamo che non saremmo stati in grado di avere la coppia per i ruoli. Intorno a quel tempo stesso abbiamo saputo che era interessata al film Whoopi Goldberg, e quando le abbiamo chiesto se volesse la voce di una iena, ha affermato, 'Sì, grandioso.' Così abbiamo potuto avere Cheech e Whoopi invece di Cheech e Chong!"

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email