sabato 8 ottobre 2011

La morte di Steve Jobs: la Pixar gli rende omaggio sulla sua homepage

 

Pixar Omaggio Homepage di Steve Jobs - H 2011

Ed Catmull, a sinistra, Steve Jobs e John Lasseter

La Pixar ha trasformato la sua homepage in un omaggio al co-fondatore di Apple Steve Jobs, che mercoledì è morto all'età di 56 anni.

Molto simile a quello che Apple ha fatto sul suo sito web, la Pixar ha dedicato la sua intera home page a Jobs, ex CEO di Pixar e membro del consiglio d’amministrazione Disney.

La homepage presenta l'immagine di Jobs affiancato dal responsabile creativo John Lasseter e dal presidente Ed Catmull seduto in una fila di quella che sembra essere una sala cinematografica.

Sotto di loro c’è la dichiarazione congiunta di Lasseter e Catmull sulla morte di Jobs che è stata pubblicata mercoledì:

"Steve Jobs è stato un visionario straordinario, il nostro carissimo amico e la luce guida della famiglia Pixar. Vide il potenziale di ciò che la Pixar sarebbe potuta essere prima di tutto il resto di noi, e al di là di quello che chiunque potesse mai immaginato. Steve ci ha una chance e ha creduto nel nostro folle sogno di fare film in animazione computerizzata, l'unica cosa che ha sempre detto era semplicemente 'rendetelo grande.' E’ il motivo per cui la Pixar si è rivelata nel modo in cui l’abbiamo fatta e la sua forza, integrità e amore per la vita ha reso tutti noi delle persone migliori," prosegue il comunicato. "Sarà per sempre una parte del DNA della Pixar. I nostri cuori vanno a sua moglie Laurene e ai loro figli durante questo periodo incredibilmente difficile".

Jobs, la mente dietro iPhone della Apple, iPod, iPad, iMac e iTunes, ha costruito il primo computer Apple nel garage di casa Jobs con il compagno del college Steve Wozniak.

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email