giovedì 20 ottobre 2011

John Lasseter difende 'Cars 2'

In tempo per l’uscita di Cars 2 su DVD e Blu-ray, John Lasseter ha parlato al New York Times del 17 ottobre a proposito della ricezione del film e le varie difficoltà nel supervisionare tutti i film della Pixar e Disney Animation. "Quando c'è un sacco di soldi in gioco, come con questi film, c'è la tendenza a cercare di fare qualcosa si sicuro, di non rischioso", ha affermato il regista premio Oscar e Capo Creativo della Disney e della Pixar. "Noi semplicemente non lo facciamo."

Alla domanda sulle pressioni nel dirigere un sequel, Lasseter ha osservato che "E 'un po' come per un trapezista. Non solo non esiste una rete, lo fai anche sopra a delle punte con le estremità avvelenate! "

Cars 2

L'articolo riferisce che, sebbene il film abbia incassato 551 milioni dollari al botteghino mondiale, il 20 per cento in più rispetto al primo Cars, i critici erano meno entusiasti e molti l’hanno visto come un'opportunità per vendere più giocattoli per bambini. Riguardo ai giudizi negativi, Lasseter afferma: "Non so cosa dire su questo. Beh, credo che lo so invece. Non è affatto vero. E' la gente che non conosce i fatti che si affretta a giudicare. Riconosco che il mio lavoro, la mia attenzione, il mio desiderio più profondo è quello di intrattenere la gente facendo grandi film, e questo lo abbiamo fatto anche con Cars 2 ".

A proposito di recensioni, Lasseter aggiunge, "Io di solito non leggo le recensioni. Faccio film per quel bambino che ama i personaggi così tanto che vuole mettere i suoi vestiti in una valigia di Saetta McQueen. Ho raggiunto in profondità me stesso e ho visto quello ciò che è questo film, e penso che è chiaro che il pubblico ha risposto. E 'un film davvero molto speciale per me. "

Cars 2

John Lasseter durante l’anteprima di Cars 2 a Londra questa primavera.

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email