sabato 29 ottobre 2011

John Lasseter apre la sua cantina segreta per la prima volta

John Lasseter e Nancy a Vineyard Sonoma - P 2011

Responsabile creativo della Pixar e di sua moglie, Nancy, raccontano della loro decisione di entrare nel business della vinificazione 11 anni fa, il modo in cui stanno portando i valori Pixar ai loro vigneti di Sonoma - e perché hanno mantenuto il basso basso per così tanto tempo

Tutti sanno che  John Lasseter, che il 1° novembre riceverà una stella sulla Hollywood Walk of Fame, ha costruito il colosso dell'animazione Pixar. Il fatto che lui e sua moglie Nancy, hanno creato il Family Winery Lasseter nella Sonoma Valley è stato una sorta di segreto - fino ad ora. Solo pochi anni fa, i vini della coppia sono stati regalati a eventi di beneficenza e venduti in piccole quantità attraverso una mailing list. Nel mese di luglio, la coppia sono andati oltre, con l'assunzione di un pubblicista, ottenendo la rappresentanza da parte di distributori che coprono otto stati e parlano dei loro affari per la prima volta. Ma dopo ben 11 anni di attività, la domanda è: perché togliere ora l'embargo? "E' come con i film di John, lui non dice una parola finché non trova tutte le parti della sua storia", spiega Nancy. "John scherza dicendo che la cantina è il mio film. Adesso possiamo parlare dei nostri vini perché sono pronti. Conosciamo la storia."

L’attività di produttore di vini non è un fenomeno nuovo tra i produttori-registi, soprattutto tra gli amici di Lasseter. Francis Ford Coppola è il caso più visibile, che produce circa un milione di prodotti l'anno, e il suo Estate Winery, Inglenook, ha circa 45.000 visitatori ogni anno. George Lucas è il più velato, con la sua Skywalker pinot avvolta nel mistero. Non cerca pubblicità, non permette che ci siano dei visitatori e rende solo 600 prodotti l'anno. I Lasseter sono a cavallo della linea. Hanno recentemente intensificato la produzione di una boutique su scala di 6.500 bottiglie l'anno e hanno silenziosamente costruito un seguito, sempre servito alla Cena dell'Associazione e sulle eventuali liste di Los Angeles come i corrispondenti della Casa Bianca. Ma i loro vigneti possono essere visitati solo da quelli del commercio di vino su appuntamento.

Sulla loro proprietà a Glen Ellen, con i suoi 27 ettari di vigne, un tocco di design fantasioso di Nancy (ha studiato graphic design presso Carnegie Mellon) si è dimostrata la sua idea selvaggia di trasformare un serbatoio in acciaio inox per la fermentazione in una dependance di lusso. John, 54 anni, è stato per il 100 per cento responsabile per il treno a vapore d'epoca, la Marie-E, che sbuffa tra i vigneti Syrah - che una volta apparteneva al suo mentore, Ollie Johnston , uno degli animatori della Disney originale conosciuto come la Nine Old Men. Continua anche sul sito della Ford Falcon del 1964 che ha ispirato Cars. "Sono un ragazzo grande", afferma John, che guida la sua Mercedes-Benz E55 circa un'ora ogni giorno per andare al lavoro ad Emeryville. "Ho imparato che non avrei mai dovuto crescere. Ho una delle collezioni più grandi di giocattoli – Pixar - e Nancy è molto tollerante dei miei giocattoli in casa"  

Vendere il vino è una sfida per la coppia, la privacy è un altra. "Dobbiamo impedire alla gente di gettare sceneggiature oltre la siepe", afferma Nancy, 51 anni. "Il mio staff sa che qualsiasi cosa che viene indirizzata a John viene restituita".

Uno dei cambiamenti dei Lasseter di cui possono vantarsi sono le loro nuove etichette."Ognuno racconta una storia del vino", dice Nancy. "Il syrah c’è Marie-E." Essa sottolinea l'etichetta floreale per una miscela a base della loro uva preferita, Malbec. "Sono la selvatica rosa irlandese", dice Nancy. "E l'ape - beh, questa è prima animazione di John, Wally B ".

Per lei, che evoca il momento in cui lo ha incontrato nei primi anni ‘80 in una conferenza Siggraph mentre John stava lavorando per la Lucasfilm. E 'entrata alla Apple qualche anno più tardi, e divennero molto vicini a Steve Jobs ("Eravamo come fratelli", afferma John.)

Nel 1992, quando la famiglia (che crescerà fino ad includere cinque bambini) venne a vivere a Sonoma, la governante di Nancy la portò a casa per la sua stessa collina piena di vigne Zinfandel. Nancy tornò e disse al marito: "John, devi venire con me. E 'favoloso!" Si sono trasformati in viticoltori amatoriali, grazie ai loro buoni amici Marcy e Tom Smothers della vicina cantina '. Dieci anni più tardi, Nancy ha suggerito di iniziare a lavorare al loro hobby e hanno comprato l'antica vigna Grand Cru, il sito di un noto omicidio di massa nel 1989. Alla domanda se hanno mai messo in dubbio la loro decisione, Nancy dice: "Certo, eravamo preoccupati, ma avevo così tanta energia nell’entrare e nel controllare il luogo".

I Lasseter hanno assunto l’organico di Phil Coturri per convertire il terreno. "Dopo Grand Cru, la terra era andata al Gruppo Chalone", afferma Coturri a proposito del vasto vigneto multi-operazione."Mi piace che una famiglia con valori come i Lasseter abbiano riacquistato una cantina aziendale. Sono interessati alla qualità e alla tradizione, non solo alla linea di fondo."

Fanno il vino con il veterano di Sonoma, l’enologa Jiulia Iantosca, che riflette ulteriormente la sensibilità dei Lasseter - è nota per fare vini classici. "I Lasseter vogliono fare miscele", afferma la Iantosca. "Questo è coraggioso perché la saggezza convenzionale è quella di rendere i vitigni unici.

Nella misura in cui può, John è molto coinvolto nelle scelte di miscelazione, progettazione e lavorazione del raccolto. "Quello che per lo più piace di questa vita è l'equilibrio che essa porta," dice. "Mi piace essere così vicino al settore agricolo - è molto terra terra. Le persone lo sono anche. Amo la comunità vinicola di Sonoma. E' come la Pixar - Niente di competitivo, ma solo di supporto. Fanno sempre il tifo per te".

WALK OF FAME
Quando
: Martedì 1 novembre Dove: Al 6834 sull’Hollywood Blvd., di fronte all’El Capitan Theatre. Presenta: Bonnie Hunt

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email