venerdì 14 ottobre 2011

Alice nel paese delle meraviglie festeggia 60 anni di arte surreale

Il poster originale di Alice nel paese delle meraviglie(1951) ha dato al cast vocale ampio spazio. Mentre Walt non lo aveva fatto prima con i suoi film d’animazione, come Pinocchio (1940), aveva sottolineato i grandi nomi della pubblicità per il suo "film package" come Musica Maestro (1946). Ed Wynn, la voce del Leprotto Bisestile dietro al Mad Tea Party, ha ospitato un altro famoso "tè", nei panni dello zio Albert, con il tea party sul soffitto in Mary Poppins (1964).

Luglio è un mese di sole fantastico per i pic-nic sulla spiaggia, i barbecue nel cortile di casa, e le partite di baseball, ma per gli appassionati Disney significa anche un momento speciale per celebrare Alice nel paese delle meraviglie (1951). Il 28 luglio infatti, il 13° classico animato di Walt Disney ha celebrato il suo 60° anniversario, sei decenni di azioni stravaganti, canzoni frizzanti e incanto surreale che si può avere solo attraverso l'arte dell'animazione Disney.

"Nessuna storia nella letteratura inglese mi ha incuriosito più di Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carrol", dichiarò Walt Disney. "Mi ha affascinato la prima volta che l'ho letta da studente, e non appena mi è stato possibile, dopo che ho iniziato a fare cartoni animati, ne ho acquisito i diritti cinematografici." Il racconto sottosopra che Walt ha definito "uno dei classici più amati di tutti i tempi" è stato concepito il 4 luglio 1862, quando il matematica di Oxford don Charles Lutwidge Dodgson ha tessuto un filo fantastico "con un sacco di sciocchezze in esso" per Alice Liddell di dieci anni e le sue due sorelle nel corso di una piacevole gita in barca sul Tamigi. In onore di quel pomeriggio dorato di luglio, Le Avventure di Alice nel Paese delle Meraviglie, con le illustrazioni del famoso cartoonista politico Sir John Tenniel è stato pubblicato il 4 luglio 1865, esattamente tre anni dopo la gita in barca, e non è mai stato fuori stampa da allora. Per la pubblicazione di quello che ben presto sarebbe stato venerato come un classico, il distinto matematico utilizzò lo pseudonimo di Lewis Carroll.

Con i suoi personaggi meravigliosamente stravaganti, le immagini vivide e il giocoso Jabberwocky (una parola coniata da Carroll - che significa senso umoristico), la storia e il suo sequel Attraverso lo Specchio e quel che Alice vi trovò del 1871 ha creato un grande fascino in Walt Disney. Walt acquistò i diritti per le illustrazioni del famoso Tenniel nel 1931 e ha registrato il titolo con la Motion Picture Association of America nel 1938. Nella seconda guerra mondiale interruppe lo sviluppo e la produzione non è iniziata sul serio fino al giugno del 1947 come una lungometraggio completamente animato.

Come è appropriato solo per un film basato su uno dei grandi classici della letteratura del mondo, Alice nel paese delle meraviglie ha ispirato un buon numero di pubblicazioni, tra cui questo Big Golden Book. Illustrato dall’artista Disney dello sfondo Al Dempster, questo volume sontuoso è uno dei preferiti di generazioni, essendo stato in stampa per anni e sta ancora attraversando decine di stampe. Inoltre sono stati pubblicati tre Golden Book, ciascuno dei quali è stato in stampa per anni. Il libro illustrato da Dempster di Alice nel paese delle meraviglie incontra il Bianconiglio conteneva anche dei concetti artistici del Jabberwock, la creatura curiosa eliminata dal film.

Nel corso degli anni, il sogno a episodi sulla natura si è rivelato difficile per Walt e i suoi artisti della storia. Sono stati fatti dei tentativi di imporre una struttura drammatica alle peregrinazioni meravigliose di Alice, come l'uso del Cavaliere Bianco e il Jabberwock come eroe e cattivo, rispettivamente, ma anche se una canzone, "Attenzione al Jabberwock", è stata messa a punto dal musicista Disney Oliver Wallace e dall’umorista e artista della registrazione Stan Freberg è stata lanciata come la voce del mostro, l'idea e i personaggi sono stati abbandonati. "Era indispensabile che si creasse una struttura della trama," ha rivelato Walt più tardi. "Abbiamo deciso che la curiosità di Alice era l’unico motore principale possibile per la nostra storia e il generatore della suspense necessaria. Il risultato è uno schema di base di un inseguimento che culmina quando Alice, dopo le sue strane avventure, torna al mondo della realtà".

Walt giustamente ha descritto il Paese delle Meraviglie come "un meraviglioso mondo di personaggi pittoreschi." I libri originali di Lewis Carroll avevano  80 personaggi insieme ad Alice, e la Disney ha portato 33 degli eccentrici demenziali sullo schermo. "Il trucco è stato quello di condensare due libri, che ci si mette circa dieci ore per leggere, in 75 minuti di film. Abbiamo combinato le quattro regine e la Duchessa in una sola figura, la Regina di Cuori", ha spiegato Walt, aggiungendo che un personaggio supplementare, la maniglia della porta, è stata creata" per evitare un lungo monologo esplicativo all'inizio della storia e per dare ad Alice qualcuno con cui parlare."(Disney aveva inizialmente dato la voce e la personalità per la famosa "bottiglia Drink Me” nella camera bloccata, in sostituzione di un oggetto inanimato con la creazione della maniglia della porta parlante.)

In posa con il golden book di Alice nel paese delle meraviglie, Kathryn Beaumont, l'artista vocale dietro la protagonista del film, in costume col suo abito di Alice, con cui ha fatto molte apparizioni per promuovere il film. Una delle favorite dei fan Disney ovunque, Kathryn ha continuato a dare la voce a Wendy Darling nel film di Walt Disney Peter Pan (1953), ed è stata nominata Leggenda Disney nel 1998.

Il cast del film di animazione della Disney era davvero grandioso, e molte interpretazioni visive sono state esplorate per ciascuno di questi personaggi. In un primo momento, un adattamento letterale dei famosi disegni di Tenniel è stato esplorato. Ma i disegni non si prestavano all’animazione. Invece, gli animatori hanno utilizzato i disegni originali come punto di partenza ma hanno dato l'ordine eclettico di svitati ai personaggi-fedeli nello spirito dell’artista e dello scrittore, ma inequivocabili. "Le caratteristiche della nostra Alice sono che è un po' più giovane rispetto a quelle della cameriera interpretata da Victoria [Tenniel]," ha descritto Walt."Siamo un po' meno realistici nel ritrarre alcuni dei personaggi animali. Abbiamo reso le caratteristiche del tricheco più umane, per esempio. Il nostro Leprotto Bisestile è più umano e quindi lo è anche il nostro coniglio bianco".

Per trovare la voce di una delle eroine più accattivanti della letteratura, più di 200 giovani attrici sono state sentite per un provino prima che la dodicenne Kathryn Beaumont venisse selezionata come l'ideale Alice. Kathryn non solo ha dato la voce all’affascinante ragazza con gli occhi spalancati che vagabonda per il paese delle meraviglie; ha anche recitato il ruolo di Alice nei riferimenti per gli animatori girati in live-action, indossando un costume creato appositamente per Alice.

 

Kathryn Beaumont nel Paese delle Meraviglie dello studio d’animazione della Disney con il leggendario animatore Marc Davis, uno dei tre Nine Old Men (gli altri sono Milt Kahl e Les Clark) che hanno supervisionato l’animazione dell’eroina del film, che si trova in quasi ogni scena. "Quando guardo il film ora" Kathryn ha poi sottolineato: "Sono in grado di riconoscermi in alcuni dei movimenti. E' un po' come vedere me 30 anni fa. Riesco a vedere alcuni dei manierismi che ho usato, che gli animatori hanno catturato per dare al personaggio una naturalezza nel movimento."

La maggior parte delle voci udite nel film provenivano dal mondo della radio, dove gli attori qualificati hanno creato delle caratterizzazioni attraverso soltanto il suono delle loro voci, un luogo ideale da cui attingere talenti vocali per l'arte dell'animazione Disney. Ed Wynn era il nome più famoso del cast, e aveva recitato nel show radiofonico di successo Texaco comandante dei pompieri nel 1930, e aveva già conquistato il nuovo mezzo con uno show televisivo con la CBS per cui è stato festeggiato con lui uno dei primi Emmy Awards mai presentato ad una personalità più eccezionale. Jerry Colonna la voce di marchio forte e lungo aveva intrattenuto il pubblico in radio con Fred Allen, Bing Crosby ed il più famoso con Bob Hope, Jerry aveva continuato a sostenere Speranza e gli altri sia sul grande e piccolo schermo, e persino apparso su un classico episodio di The Monkees nel 1966. Croccante britannico Richard Hayden era ben noto per le apparizioni in radio The George Burns-Gracie Allen Show e per le sue caratterizzazioni audio come la poesia di germinazione Edwin Carp, un ruolo che ha ricreato per una puntata della serie TV classica The Dick Van Mostra Dyke . Richard anche eseguito in una serie di film di successo tra cui The Sound of Music (1965) e Frankenstein Junior (1974), tornò alla Disney come attore shakespeariano Quentin Bartlett in Le avventure nel Far West (1967). Kathryn Beaumont ha bei ricordi di lavorare con Hayden: "Essere una bambina di lavoro con gli adulti, potrebbe essere intimidatorio. Ma Richard era estremamente disponibile. Lui mi prese sotto la sua ala ed era molto accomodante. Lavorare con lui è stato solo un piacere. "

Walt Disney e suo fratello e socio in affari Roy O. Disney giocosamente esaminare una serie curiosa diAlice merce. Una miniera d'oro per gli appassionati di giocattoli meraviglioso e cimeli memorabile, questa abbondanza incluso palloncini, giocattoli, giochi, abbigliamento e altro ancora. Alcune delle più incantevoli --- e ambita dai collezionisti --- merce incluso le figure in ceramica creato dalla società Evan K. Shaw, che comprendeva quattro teiere fantasiose, tra cui il "Tea for Three", ispirato alla teiera tre germogliato nel film --- un orologio da polso incantevole incantevole racchiuso in una confezione a forma di tazza di tè.

Un performer radio popolare a causa della sua voce roca e distintiva e le sue capacità di attore, Sterling Holloway ha contribuito alle voci di molti personaggi Disney; il calmo, e sottovalutata Stregatto è uno dei suoi migliori. Il prolifico Bill Thompson ha mostrato la sua flessibilità, interpretando sia il Coniglio Bianco che il Dodo. Bill è diventato una delle voci più impiegate dalla Disney, creando le vocalizzazioni per una varietà di personaggi, da Spugna in Peter Pan allo Zio Waldo ne Gli Aristogatti (1970). Verna Felton è stata tra i più compiuti attori radiofonici e ha dimostrato la sua versatilità, seguendo la sua dolce e geniale Fata Madrina in Cenerentola (1950) con la sua performance roboante nella Regina di Cuori dall’enorme bocca. Frank Thomas, supervisore dell’animazione della Regina di Cuori, ha trovato ispirazione per il litigioso personaggio in una donna che vide a Disneyland. Spesso mentre suonava il pianoforte - come parte della famosa banda jazz The Firehouse Five Plus Two composta dai membri dello staff - a Disneyland, Frank studiava le folle per individuare alcuni personaggi unici. Una donna particolare si distinse immediatamente fra tutte le altre persone. "Era seduta a un tavolo ... Era molto autocratica: ha capito che era la regina," ha detto. "Ma era poco scrupoloso nei suoi modi e sciatta nel modo in cui mangiava, e c'era qualcosa di divertente in lei."

Sentita come adatta sorella di Alice, la performer britannica Heather Angel era conosciuta per le sue apparizioni sul grande schermo in classici come l'adattamento della MGM di Orgoglio e pregiudizio (1940) e nel film Alfred Hitchcock Prigionieri dell’Oceano (1944). Heather si è riunita con Kathryn Beaumont nei panni della signora Darling in Peter Pan (1953), e poi è stata nella classica serie televisiva Family Affair. Nel cast vocale c’è anche Jimmy Macdonald, esperto di sound dello Studio degli effetti audio e la voce di Topolino (il ruolo di vocale originale era di Walt Disney) e dei topini di Cenerentola Gus e Jaq, esprimendo la voce di un altro topo, quello un po’ sonnolente del ricevimento del te; Pinto Colving, la voce originale di Pippo, ha contribuito ad alcune risate nei panni dello strambo flamingo del gioco di croquet con la Regina.

"Finalmente!" Così dichiarava il trailer per la riedizione del 1974 di Alice nel paese delle meraviglie, che non era mai stato visto nei cinema fin dalla sua versione originale del 1951. La retrospettiva di prestigio della Disney del 1973 della Film Society of Lincoln Center's  conteneva delle proiezioni di Alice, e le proiezioni facevano il tutto esaurito così in fretta che delle proiezioni aggiuntive furono aggiunte, un'indicazione concreta della domanda del film. Il film selvaggiamente fantasioso ebbe una grande popolarità con le proiezioni in 16mm nei campus universitari e questo ha portato ad una campagna di pubblicità "psichedelica" tra cui quella "Fat Cat" con lo stregatto che stando in piedi teneva un cartello, che veniva posizionata nella hall dei cinema. Dall’archivio fotografico della Disney, ecco l’arte sensazionale in bianco e nero utilizzata come base per la persona in piedi; strisce viola allucinatorie del Gatto sono stati aggiunte nel processo di stampa.

Alice nel paese delle meraviglie vanta il maggior numero di canzoni di qualsiasi lungometraggio d’animazione della Disney, e non c'è da meravigliarsene. Il libro di Carroll è ricco di parodie, di rime e recitazioni che erano familiari ai bambini vittoriani e agli adulti che una volta erano stati scolari. Eppure, la maggior parte delle canzoni del film sono originali, tra cui una delle più famose: " I’m Late" con cui si lamenta il Coniglio Bianco, "La versione originale era un po' diversa, non così veloce", ha affermato il cantautore Sammy Fain. "L’avevamo suonata per Walt e gli piaceva. Ma quella notte ho continuato a pensarci e alla fine ho scritto una seconda versione. Il giorno dopo ho avuto modo di vedere Walt, e l’ho interpretata per lui, e lui era felice. Ci sono pochi studi che conosco dove si può entrare per vedere il capo si può fargli cambiare idea su una canzone. "

Per la scena della "Marcia delle Carte" Sammy Fain ricorda, "avevo questa introduzione a due barre, o 'vamp,' che stavo usando per un'altra canzone, e Walt un giorno l’ha sentita. Si avvicinò e disse: 'Sammy, mi piace. Penso che si adatterebbe bene con la marcia delle carte. Pensi di poter farne qualcosa? ' Così ho preso questa vamp, una linea usa e getta, e ho lavorato sulla marcia. Walt mi impressionò con il suo orecchio inquietante che aveva e che riusciva a capire quale tipo di musica poteva funzionare nei suoi film. "Le canzoni per Alice nel paese delle meraviglie sono state per anni l’eredità più duratura del film, e sono state coverizzate da molti artisti come Mary Martin, Robert Smith dei The Cure, Dave Brubeck, Rosemary Clooney, e Barbra Streisand. La fantastica colonna sonora di Oliver Wallace venne nominata per un Academy Award.

Un esempio di molti dipinti di ispirazione creato da Mary Blair per Alice nel paese delle meraviglie . L’uso audace di Mary dei colori e delle forme, i personaggi e le ambientazioni non solo hanno profondamente influenzato la grafica vibrante del film, ma hanno in un certo modo reso possibile il film stesso. "Ci sono voluti 20 anni (per Walt e i suoi artisti) per arrivare finalmente al punto in cui erano soddisfatti (del progetto)", ha osservato l’esperto e collezionista di Alice Matt Crandall, "ed è stato davvero tutto a causa dello stile di Mary Blair".

Walt ha notoriamente sfruttato il nuovo mezzo della televisione per promuovere Alice con la sua prima produzione televisiva, One Hour in Wonderland interpretato da Edgar Bergen e Charlie McCarthy in onda sulla NBC (non la ABC, come viene a volte riportato) il giorno di Natale del 1950, ma il grande uomo dello spettacolo ha anche usato il mezzo stabilito della radio per festeggiare il suo nuovo film. Per esempio, gli ospiti del 24 dicembre 1950 della trasmissione radio di Bergen e di McCarthy sono stati le star Disney Bobby Driscoll e Kathryn Beaumont, che dovevano apparire con Edgar e Charlie il giorno dopo nello speciale televisivo Disney. In Inghilterra, Walt ha creato due programmi radiofonici per la BBC: in onda il 4 luglio 1951, un'ora di drammatizzazione radio con Walt Disney e Kathryn Beaumont, e per Natale 1951 uno show pre-registrato in California, in cui Walt (e Topolino) presentavano le canzoni Disney. Questo spettacolo, infatti, ha un formato simile a quello dello speciale televisivo di Natale.

Alice nel paese delle meraviglie ebbe la anteprima il 26 luglio 1951, pochi giorni dopo che il libro originale festeggiasse il suo 86° anniversario, al Leicester Square Theater di Londra. Walt Disney e Kathryn Beaumont erano presenti al debutto di gala. Il film d'animazione fantasmagorico è stato rilasciato negli Stati Uniti due giorni dopo il 28 luglio insieme a Nature Half Acre, il documentario cortometraggio che avrebbe vinto un Oscar per il miglior cortometraggio. Anno dopo anno, sempre più persone apprezzavano le delizie caleidoscopiche di questo film surreale. Sessant’anni dopo, possiamo essere sicuri che, come Alice stessa, sempre più appassionati Disney scopriranno tutte le meraviglie e il divertimento demenziale del film animato più unico di Walt Disney.

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email