lunedì 26 settembre 2011

Nel 2012 partiranno le riprese di 'The Lone Ranger'; al più presto un annuncio dalla Disney

 

lone_ranger_disney_logo Dopo che era arrivata la notizia scioccante il 12 agosto che la Disney aveva staccato la spina a The Lone Ranger per problemi di budget siamo felici ora di anticiparvi tramite Deadline che che lo studio risolverà tutto entro la prossima settimana, e che potrà iniziare la riassunzione di tutta la troupe in modo che sarà pronta per iniziare la produzione tra gennaio e febbraio. Siccome partono in ritardo le riprese il cambio di data d’uscita del 21 dicembre 2012 resta da vedere, ma Johnny Depp interpreterà Tonto (la Disney non avrebbe fatto il film senza di lui), e Armie Hammer tornerà nel ruolo del protagonista. Ruth Wilson è attesa come protagonista femminile.

La Disney ha ottenuto fino a questo punto, dopo una revisione dolorosa del film dal produttore Jerry Bruckheimer e dal regista Gore Verbinski per portare a 215 milioni dollari un budget che lo studio temeva potesse raggiungere i 250 milioni o anche di più. La sfida di Verbinski è stata quella di raggiungere quella cifra, pur mantenendo abbastanza dello spettacolo che li ha portati a dire di sì, in prima istanza. Il processo di taglio del budget ha incluso la rielaborazione delle offerte per Depp, Verbinski e Bruckheimer, e il taglio al budget di produzione e le riprese lunghe. Questo permette a Depp, Gore e Bruckheimer di ri-unirsi dopo aver fatto i primi tre film dei Pirati dei Caraibi insieme. The Lone Ranger è uno dei tanti progetti dal budget enorme che Rich Ross e Sean Bailey stanno gestendo. Gli altri sono John Carter, l'adattamento diretto da Andrew Stanton di John Carter of Mars con Taylor Kitsch nel ruolo del protagonista, che ha un budget di circa 250 milioni di dollari; e Oz, the Great and Powerful, il progetto diretto da Sam Raimi con James Franco a capeggiare il cast, il cui budget si aggira intorno ai 200 milioni di dollari.

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email