giovedì 1 settembre 2011

Il Dilemma della Disney: Johnny Depp non farà 'Lone Ranger' senza Gore Verbinski

depp-verbinski-281110901130014-275x206 Deadline riporta in esclusiva un articolo interessantissimo che ci aggiorna sullo stato delle cose sul fronte 'The Lone Ranger'.

Il presidente dei Walt Disney Studios Rich Ross ha una decisione da prendere molto pubblica riguardo al fatto se proseguire o meno con 'The Lone Ranger'.

Da quanto si apprende il produttore Jerry Bruckheimer e il regista Gore Verbinski stanno presentando alla Disney un nuovo budget "nei pressi dei 215 milioni di dollari" a Ross dopo alcune settimane di tagli al budget inizialmente presentato, che ammontava a 275 milioni di dollari, che ha causato lo stop da parte della Disney.

Non sono ancora i 200 milioni di dollari sperati dallo studio ma è meno dei 220 milioni che la Disney indicava per poter raggiungere un compromesso. Ora però si aggiunge un altro fattore di complicazione: gli insider riferiscono che Johnny Depp, che è legato da anni al progetto e deve interpretare il personaggio di Tonto, vuole davvero fare questo film ma non lo farà se non si sarà Verbinski a dirigerlo. Depp ha mostrato una lealtà inusuale ai suoi registi preferiti come Tim Burton e non solo ha fatto i tre film di successo dei Pirati dei Caraibi con Gore ma è anche stato il p146616-actor-clayton-moore-85-best-known-as-the-lone-rangerrotagonista di Rango di Verbinski che è uno dei favoriti per l'Oscar come Miglior Film Animato dell'anno. E Depp ora come ora è la star più grande al box office al mondo con due recenti successi mondiali da oltre un miliardo di dollari di incasso, Alice in Wonderland e Pirati dei Caraibi 4, guarda caso entrambi film Disney.

Questo lascia la Disney senza possibil ità se non quella di tenere Verbinski se lo studio vuole tenersi anche Depp - e di sicuro lo vuole! La Disney sta contando su Johnny Depp per fare il film con un tocco comico. Questo tradotto significa che lo studio e Gore devono accordarsi sulla cifra finale del budget.

Gli insider riferiscono che Verbinski ha detto chiaramente alla Disney che "non porterà il budget al di sotto un certo punto dove il film non sarebbe più quello che ha iniziato a realizzare". E Verbinski potrebbe lasciare se lo studio lo spinge troppo oltre e anche Depp si sfilerebbe dal progetto a quel punto. Ecco appunto perché il povero Ross è nel bel mezzo di un grande dilemma in questo momento.

Un insider ha riferito a Deadline che "a questo punto non si parla più di un numero specifico che si sta cercando di raggiungere. Riguarda la visione del film e qual è il prezzo per questa visione." La Disney in privato ammette che non farà mai The Lone Ranger senza Depp ma non sapeva del punto di vista di Johnny su Verbinski fino a pochissimo tempo fa, e cioè che senza il regista non avrebbe mai fatto il film.

Questo rende ancora tutto più cruciale  per lo studio e il regista, con Bruckheimer, per vedere cosa possono fare per ridurre il budget esaminando ogni scena e discutendo le opzioni. Ma c'è anche un altro nodo: la data d'uscita. "Le riprese comunque non comincerebbero per altre settimane  così la Disney non ha pensato che una risposta definitiva era necessaria per il progetto," ha riferito un insider. The Lone Ranger era programmato per uscire il 21 dicembre del 2012, proprio contro a The Hobbit: An Unexpected Journey, che apre il 14 dicembre, e il film con Brad Pitt Worl War Z, che è appena stato messo in programma per il 21 dicembre.

La Disney ha reso chiaro che è "ancora nel mercato di Jerry Bruckheimer e in quello di Johnny Depp". E in un'intervisa con Pete Lone-Ranger-LogosHammond di Deadline durante il D23 Expo, Rich Ross ha fatto il suo primo commento su The Lone Ranger confermando di non essere contrario al progetto: "Spero di poterlo fare. Lo spero di certo. Credo sia una storia avvincente e nessuno vuole lavorare di più di me con Jerry e Johnny, così vedremo come andranno le cose." Ma non ha menzionato Gore. Questo perché, come spiega un altro  insider, "spendere 275 milioni su un western non importa chi c...o hai come protagonista significa che devi fare soldi a palate per trarne un profitto. E Gore Verbinski è noto per i suoi budget." Nonostante tutto il suo successo, Verbinski ha la reputazione di uno che spende molto e di mantenere tutto invariato quando gli studi vogliono tagliare i costi, e questo non è molto popolare al momento. The Lone Ranger è già un rischio grandissimo di per sé visto che i western non vanno bene tradizionalmente a livello internazionale. In un mondo in cui il mercato dei DVD sta collassando, un film di 275 milioni di dollari necessita di incassare 3 volte il suo budget per guadagnarci, e questo non può avvenire senza un grande incasso al box office straniero.

Motivo per cui Verbinski e Bruckheimer hanno lavorato duramente per abbassare o perdere alcune delle scene ad alto budget nella sceneggiatura di Justin Haythe. Allo stesso tempo, il produttore Bruckheimer così come i rappresentanti di Depp e Verbinski hanno discusso sulle modalità per sospendere o dilazionare i loro grossi compensi. I salari tra tutti e tre è probabile che si aggiri attorno ai 30 milioni di dollari  se non di più. E se gli accordi salariali non erano a rischio prima, probabilmente lo saranno ora se il film dovesse veramente proseguire. Perché rivedere semplicemente i salari non è sufficiente per portare il budget al ribasso. La questione principale è se Verbinski non solo può stare nei 215 milioni di budget ma anche se riuscirebbe a tenere abbastanza fattori spettacolari per dare a The Lone Ranger una possibilità per incassare bene oltreoceano e per avere dei sequel.

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email