giovedì 22 settembre 2011

Altri dettagli sul parco a tema di Avatar

Avatar1-550x283

Dopo il primo annuncio dell’altro ieri, ecco arrivare nuovi dettagli sui piani della Disney, della Fox e della Lighstorm Entertainment per portare in vita Pandora nella prima di una serie di attrazioni dedicate ad Avatar che verrà costruita a Disney World nel 2013.

Tom Staggs, capo di Walt Disney Parks and Resorts, ha svelato alcuni dettagli sul Disney Parks blog, per rispondere ad alcune delle domande più comuni emerse dopo il comunicato:

  • L'attrazione di Avatar sarà una novità molto importante per Animal Kingdom a Disney World, ma non è stata ancora scelta la location.
  • Il progetto ha appena fatto il suo ingresso nella fase di progettazione, la costruzione inizierà nel 2013. Ci vorranno in totale 5 anni per progettare e costruire l'intera attrazione: difficilmente, quindi, aprirà prima del 2016.
  • Ci saranno diverse attrazioni, ristoranti, negozi, intrattenimento e altri "elementi immersivi". Un vero parco a tema, insomma.
  • Anche se si parla di altri parchi, per ora si sta lavorando solo al primo.

Intanto, il super regista James Cameron ha commentato su Hero Complex l'annuncio di ieri:

Voglio assolutamente che una delle attrazioni sia dedicata al volo, in qualche modo. Volare è una parte importante del film. Una delle cose che piacevano di più al pubblico, durante i test screening, erano le scene di volo sulle montagne galleggianti. Potrebbero esserci i Banshee, i Leonopteryxes, forse qualche creatura volante di quelle che non vedremo fino al secondo o terzo film.

I maghi della Disney dovranno portare in vita la cultura e il mondo di Pandora, ma anche dare un senso generale di "futuro":

Deve essere fatto tutto dello stesso "tessuto". Se faremo qualcosa di coerente a livello tematico, che abbia lo stesso odore e lo stesso aspetto di quello che si possa immaginare, allora ce l'avremo fatta.

Fonte: Slash Film, Hero Complex, Bad Taste

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email