mercoledì 10 agosto 2011

'Once Upon a Time': 'Lost' ha aiutato i creatori a vedere la storia fiabesca diversamente

once-upon-a-time-abc-tv-show I creatori di Once Upon a Time Edward Kitsis e Adam Horowitz hanno avuto l’idea di scrivere una serie drammatica ambientata nel mondo delle favole otto anni fa quando stavano lavorando a Felicity, ma è stato durante la loro esperienza con Lost che l’idea è divenuta chiara.

Il duo, che ha lavorato nel ruolo di produttore esecutivo a Lost insieme a Damon Lindelof, ha immediatamente consultato il co-creatore di Lost dopo aver venduto lo show alla ABC.

“E’ stato davvero una sorta di padrino per noi, aiutandoci a realizzarlo,” ha affermato Kitsis, notando che Lindelof, che ha avuto il ruolo di produttore esecutivo nell’episodio pilota.

Once Upon a Time gira intorno a Biancaneve/Sister Mary Margaret (Ginnifer Goodwin) e il Principe Azzurro/John Doe (Josh Dallas) e racconta la storia di come la loro figlia Emma, da lungo perduta (Jennifer Morrison), viene portata dal "mondo reale" a Storybrooke in un tentativo di liberare i famosi personaggi delle favole da una maledizione da parte della malvagia Regina (Lana Parrilla), che lascia le persone intrappolate nel tempo, incapaci di invecchiare e inconsapevoli di chi sono in realtà.

I produttori hanno detto che le domande relative alle regole dei mondi multipli visti nel pilota – compreso il perché la Strega Cattiva odia Biancaneve – saranno spiegate negli episodi seguenti, ma che lo show parla principalmente dei famosi personaggi delle fiabe e li ritrae in un modo che non è mai stato fatto finora.

“La Disney è stata di gran supporto nel lasciarci creare la nostra interpretazione dei personaggi,” ha dichiarato Kitsis. “Questa è la prima volta che viene mostrata Biancaneve con una spada e incinta.”

Horowitz e Kitsis hanno notato che lo scopo finale della serie non è necessariamente quello di liberare i personaggi amati dalla maledizione della Regina e invece è più un discorso su chi sono questi personaggi come individui e le crisi che ognuno dei personaggi affronta. “Per noi, lo show non è rompere la maledizione,” afferma Horowitz. “E’ parte della serie; lo show parla di questi personaggi e che cosa stanno attraversando.”

“Siamo più interessanti nel perché Strega Malvagia odia Biancaneve; perché Brontolo è scontroso,” afferma Kitsis. “Ci piace l’idea di passare da un un universo all’altro e rendendo noto ciò che il personaggio vuole nella vita.”

Per quanto riguarda l’opportunità di incorporare altri, personaggi più recenti dall’universo Disney, Kitsis è aperto al concetto.

“Amiamo mescolare,” afferma delle scene in cui Geppetto interagisce con Brontolo, ecc. “Abbiamo dei piani se siamo abbastanza fortunati di avere più di 12 episodi per mostrare che c’è un sacco di materiale anche non si riesce a immaginare quanto.”

Once Upon a Time va in onda domenica 23 ottobre alle 20:00 sul canale ABC.

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email