giovedì 11 agosto 2011

La Disney riporta dei buoni risultati finanziari per il trimestre nonostante un po’ di flop allo studio

Bob Iger, President and CEO of The Walt Disney Cie attends the ceremony to honor movie mogul Michael D. Eisner by a star on the Hollywood Walk of Fame in Hollywood, California, April 25, 2008. AFP PHOTO  GABRIEL BOUYS (Photo credit should read GABRIEL BOUYS/AFP/Getty Images) 

"Cars 2" e "Thor" non hanno retto il confronto con "Toy Story 3" e "Iron Man 2" un anno fa.

La Walt Disney ha superato le attese per il terzo trimestre riportando un guadagno di 77 centesimi per azioni, un miglioramento del 15 percento rispetto all’anno scorso e 4 centesimi meglio delle previsioni degli analisti, ma l’annuncio martedì non ha aiutato il titolo in borsa.

Anche le entrate hanno superato le aspettative, arrivando a 10,7 miliardi di dollari, in su del 7 percento. L’utile netto si è attestato su 1,5 miliardi di dollari, un aumento dell’8 percento.

L’amministratore delegato Robert Iger ha dato credito al reparto dei media networks, specialmente l’ESPN, insieme ai parchi tematici e al reparto dei prodotti di consumo per i forti risultati, ma non lo studio, che è stato responsabile per una perdita di 34 milioni di dollari.

Dei cinque segmenti della Disney, solo lo studio ha conseguito dei minori ricavi in questo trimestre rispetto allo stesso periodo l’anno scorso. I ricavi sono scesi dell’1 percento a 1,62 miliardi di dollari, e l’utile operativo allo studio è sceso del 60 percento a 49 milioni di dollari.

Cars 2 e Thor non hanno potuto reggere il confronto con i film dell’anno scorso Toy Story 3 e Iron Man 2, ma Pirati 4 ha limitato i danni.

Le azioni della Disney stavano salendo del 2 percento nel dopo sessione dopo l’annuncio dei risultati, ma sono scese dell’1 percento durante la conference call con gli analisti.

Le azioni della Disney, che sono salite del 9 percento nell’anno, hanno cominciato a perdere insieme al resto del mercato. Nel solo agosto, lo stock ha perso il 10 percento. Martedì durante le trattazioni regolari, però, le azioni sono salite del 5 percento a 34,70 dollari con un rimbalzo di mercato, anche se lo stock è rimasto sotto dell’8 percento nell’anno. The Walt Disney Company Logo - sm

Iger ha affermato martedì che i violenti oscillamenti – per la maggior parte verso il basso – a Wall Street in questi giorni non hanno intaccato la Disney, e non si aspetta che questo possa accadere. “Restiamo ben posizionati per qualsiasi condizione affronteremo in futuro,” ha dichiarato.

Iger è parso maggiormente entusiasta per ESPN, che a suo dire attrae un pubblico di 107 milioni ogni settimana quando si contano TV, radio e sito internet. Ha detto che ESPN e Disney resteranno diligenti con le offerte per i diritti sportivi

ESPN è parte del reparto media networks, che è stato di nuovo il segmento più grande della Disney, riportando 4,9 miliardi di dollari di entrate e 2.1 miliardi di dollari in utile operativo, un incremento del 5 e dell’11 percento rispettivamente.

Iger ha anche riscontrato un aumento del 24 percento degli ascolti per il canale Disney XD, e ha lodato il film TV recentemente trasmesso di Phineas and Ferb: Across the 2nd Dimension, basato sulla serie di grande successo di Phineas and Ferb, un “successo fenomenale.” 

Tutta la crescita nel settore media networks è stata attribuita ai canali via cavo, dove le entrate sono aumentate del 7 percento a 3,5 miliardi di dollari. Nel settore delle trasmissioni, le entrate sono scese dell’1 percento a 1,43 miliardi.

I parchi a tema, il secondo segmento più grande della Disney, ha postato una crescita delle entrate del 12 percento a 3,2 miliardi di dollari, con il prestigio dei parchi americani, il business delle navi da crociera e l’Hong Kong Disneyland Resort. Invece, Disneyland Paris ha deluso, come ha fatto anche il Tokyo Disney Resort, il secondo a causa del terremoto di marzo in Giappone.

Le entrate del reparto dei prodotti di consumo sono salite del 13 percento a 685 milioni di dollari grazie ai giocattoli associati a Cars 2 e ai supereroi della Marvel. Il reparto interattivo, l’unico segmento che mostra una perdita operativa, ha fatto crescere le sue entrate del 27 percento a 251 milioni di dollari.

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email