mercoledì 13 luglio 2011

Winnie the Pooh, quattro nuove immagini e nuova clip

Walt Disney Animation Studios ha pubblicato quattro nuove immagini dal nuovo film che segna il ritorno nel Bosco dei Cento Acri, Winnie the Pooh, che questo venerdì, 15 luglio uscirà anche in America, finalmente. Le immagini ne includono una tratta da una nuova clip.

Nella clip, intitolata ‘Pooh’s Note,’ (La nota di Pooh) Winnie the Pooh arriva a casa di Uffa con una nota che ha trovato sulla porta di Christopher Robin. Uffa, che ha appena vinto il premio per aver trovato il rimpiazzo ideale per la coda di Ih-Oh, decodifica il messaggio per i suoi amici, che sembra non portare niente di bene per il loro buon amico.

WINNIE THE POOH WINNIE THE POOH WINNIE THE POOH WINNIE THE POOH

tmb_winnie_the_pooh_ver2 Walt Disney Animation Studios torna nel Bosco dei 100 Acri con “Winnie the Pooh”, la prima avventura dell’orsetto Pooh realizzata in oltre 35 anni dagli animatori Disney per il grande schermo. Con il fascino, l’ingegno e la fantasia dei cortometraggi originali, grazie a questo nuovissimo film il pubblico ritrova il filosofico “orsetto dal cervello molto piccolo” e i suoi amici Tigro, Tappo, Pimpi, Kanga, Ro e per ultimo, ma non certo in ordine di importanza, Ih-Oh, che ha smarrito la sua coda. “Bene, una coda o c’è o non c’è”, ha detto Pooh “e la tua… non c’è”. Il gufo Uffa spedirà l’intero gruppo di amici in una avventurosa ricerca per salvare Christopher Robin da un pericolo immaginario. La giornata diventerà piuttosto impegnativa per un orsetto che era partito per cercare solo del miele. Ispirato a cinque racconti tratti dai libri di A.A. Milne e realizzato attraverso lo stile Disney dell’animazione tradizionale, “Winnie the Pooh” arriva nelle sale americane venerdì 15 luglio dopo essere già uscito in Italia il 20 aprile al cinema, e l’8 giugno in DVD.

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email