lunedì 25 luglio 2011

Quella città del Missouri tanto amata da Walt Disney

g2e22e20000000000009c046b75e87db5cd6ecc732fb20e5e699af1249d Main Street USA è òa piccola città con le rotaie resa famosa da Walt Disney.

Nel 1888, il primo lotto della città venne venduto nella nuova divisione della piana che più tardi sarebbe stata conosciuta come Marceline, presso l’imminente nuova ferrovia. La storia popolare è che la città venne così chiamata in onore di Marcelina, la moglie di un pioniere ufficiale ferroviario. Una meravigliosa piccola città che ha il merito di essere stata la casa dell’infanzia di Walt Disney e il modello di una perfetta cittadina americana.

Marceline è la fine del viaggio dopo aver serpeggiato attraverso le colline ricurve vicino al tracciato di Lewis e Clark a nord di Boonville nel Missouri. Marceline è una sorta di città di gente comune e ha poco più di 2.500 abitanti.

Casa dell’amato americano Walt Disney, i suoi punti focali sono la Main Street, il Walt Disney Home Town Museum, il parco della città, la fattoria della famiglia Disney e il Dreaming Tree (L’albero sognante).

Walt Disney era uno dei cinque figli di Elias e Flora Disney. Nato a Chicago nel 1901, Walt ha vissuto la maggior parte della sua infanzia a Marceline. Morì nel 1966 in California. Al tempo della sua morte era ancora attivamente parte della società di produzione da lui fondata. Dato che aveva soltanto 16 anni, venne rifiutato dall’ingaggio per la Prima Guerra Mondiale. Si unì poi alla Croce Rossa, venne mandato in Francia, e divenne un guidatore di ambulanze e un autista. La sua ambulanza era intelligentemente dipinta, non con strisce per il camuffamento, ma con i personaggi dei cartoni animati.

Nel 1919, ritornò a Kansas City, nel Missouri, facendo degli spot pubblicitari basati sull’animazione. Disney decise di diventare un animatore. Alla fine, i cartoni di Disney divennero piuttosto popolari attraverso la loro presentazione al Newman Theater in Kansas City.

Attraverso il suo successo, fu in grado di acquistare il suo personale studio chiamato Laugh-O-Gram. Incapace di gestire con successo il denaro, lo studio Disney andò in bancarotta. Walt e suo fratello, Roy, spostarono i suoi affari a Hollywood. Nel 1925 Walt sposò una delle sue primi impiegate, Lillian Bounds.

03152007at1053_Disneyland_Main_Street

Ad ogni parco Disney c’è solo un’entrata: sotto la stazione della vecchia ferrovia a vapore, attraverso una piazza di una città, e lungo la Main Street di una nostalgica cittadina americana del 19° secolo. Il tema è ripetuto in tutti i parchi Disney: tutti sono progettati come cittadine in miniatura con un’entrata e includono una ferrovia.

Visitando la città natale di Walt Disney sarete in grado di tornare indietro nel tempo all’era pacifica che circondava i suoi anni di crescita. Cosa è cambiato? Be’, quello che un tempo era un trafficato deposito di treni ora è un museo. Ora i treni non si fermano più al deposito, ma continuano a passare nelle vicine rotaie ferroviarie. Il Ripley Park Gazebo che influenzò il cortometraggio del 1935 “The Band Concert” con Topolino e Paperino è ora la sede della locomotiva di un treno di Disneyland. Nel 1960 alla scuola locale venne cambiato il nome in Walt Disney Elementary. L’attrazione di Disneyland “Midget Autopia” che una volta dava passaggi nel parco ai bambini ora saluta i visitatori del museo. L’Uptown Theater, dove venne mostrata l’anteprima del film del 1966 di Walt Disney “The Great Locomotive Chase”, ha ancora la sua semplice eleganza. La drogheria del 1946 ha un nuovo nome e c’è ora un antico negozio il cui logo include le fate e un po’ della loro polvere magica.

La casa della famiglia Disney era a nord della città su 45 acri di fattoria. Il sentiero porta al “Dreaming Tree” di Walt e conduce alla fattoria di famiglia ricreata. L’interno è vuoto eccezion fatta per la moltitudine di messaggi personali lasciati dai precedenti visitatori. Gli ospiti di oggi sono invitati a lasciare un messaggio sulle mura di legno della fattoria.

5196TS1278L._BO2,204,203,200_PIsitb-sticker-arrow-click,TopRight,35,-76_AA300_SH20_OU01_Disney spiegò uno sei suoi primi piani per le sue attrazioni in questo modo, "Voglio solo che assomigli a qualcosa che non c’è in questo mondo. E dovrebbe essere circondato da un treno." Walt amava intrattenere le sue figlie e gli amici nel cortile di casa portandoli in giro con la miniatura della sua Carolwood Pacific Railroad.
Disneyland aprì ufficialmente il 17 luglio del 1955. Walt diede il seguente discorso di dedicazione: A tutti quelli che vengono in questo posto felice: benvenuti. Disneyland è la vostra terra. Qui il tempo porta a galla cari ricordi del passato … e qui la giovinezza possa gustare le sfide e le promesse del futuro. Disneyland è dedicata agli ideali, i sogni e i fatti difficili che hanno creato l’America … con la speranza che sia una fonte di gioia e d’ispirazione per tutto il mondo.”­

>> Vi consigliamo di leggere Walt Disney's Missouri: The Roots of a Creative Genius di Brian Burnes, Dan Viets, e Robert W. Butler.

Questo libro vi farà scoprire centinaia di connessioni di Disney con il Missouri. Con più di 200 pagine a colori, questo lavoro riccamente illustrato racconta la storia della crescita del giovane Walt Disney in Marceline e Kansas City. Introduzione speciale della figlia di Walt Disney, Diane Disney Miller.

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email