venerdì 17 giugno 2011

Peluche di Winnie the Pooh in edizione limitata per il Disney Store!

winniepoohlimitededitionplush

Per il suo primo compleanno, Christopher Robin Milne ricevette un orsacchiotto della Harrods di Londra di nome Edward. L'orso, in seguito ribattezzato Winnie the Pooh - in onore di un orso vero e proprio allo Zoo di Londra e un cigno reale di nome Pooh - è stato un regalo da parte di suo padre, l’autore AA Milne e ben presto è stato affiancato da un pupazzo di tigre, un asino, un maialino e una cangura con il suo piccolo. Con l'aiuto della fantasia di Christopher Robin, che ha ispirato una serie di storie alle quali si sono aggiunti un gufo e un coniglio, entrambi interamente creazioni di AA Milne. Oggi le versioni peluche di Pooh, Tigro, Ih-Oh, Pimpi e Kanga risiedono nella Biblioteca Pubblica di New York, dove sono permanentemente in mostra al pubblico.

Per celebrare gil amati animali, di Wolfgang ‘Woolie’ Reitherman, regista della featurette originale e del film del 1977, ha avuto una serie di peluche commissionati per essere utilizzati nelle iconiche scene d’apertura che avrebbero dovuto svolgersi nella camera da letto di Christopher Robin. All'insaputa di Reitherman, Burny Mattinson (che ha iniziato presso la Disney nel 1953 e continua a lavorare per la Disney oggigiorno, e ha anche lavorato come supervisore alla storia per il film del 2011) fece creare a sua moglie un Pooh da utilizzare per il film. Anche se ormai era troppo tardi per questo Pooh per poter essere utilizzato nel film, invece, fa ora il suo debutto in Winnie the Pooh nei cinema americani dal 15 luglio (da noi è già disponibile in DVD dall’8 giugno).

Per commemorare l'apparizione di Pooh e i suoi amici nel nuovo film, il Disney Store presto offrirà in edizione limitata un set composto dalle repliche del peluche effettivamente utilizzato nella scena d’apertura del film. L’edizione è limitata a soli 300 pezzi.

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email