mercoledì 22 giugno 2011

Cars 2, la recensione dalla premiere di Monza

Scritto da Leotruman su blog.screenweek.it

L’altra sera si è tenuta la premiere italiana di Cars 2 e la Walt Disney ha scelto per l’evento una cornice d’eccezione: sto parlando dell’Autodromo di Monza, il tempio della Formula 1 (e non solo) più importante d’Italia e tra i più conosciuti al mondo che da oltre 60 anni ospita tante appassionanti gare automobilistiche.

Cars 2 non poteva essere proiettato in una sede migliore e si sono presentate alla serata circa mille persone, ospiti della tribuna d’Onore dell’autodromo. Tante le famiglie e tantissimi i bambini, che hanno potuto toccare con mani alcuni dei loro idoli come Luigi o Cricchetto.

La serata è cominciata con una gara di auto, trasformate per l’occasione in Saetta McQueen e negli altri bolidi protagonisti della pellicola: tre giri di pista per un’entusiasmante corsa vinta ovviamente al photofinish da Saetta.

E’ proseguita con una dimostrazione di drifting in stile Fast & Furious, il momento più amato dagli spettatori sugli spalti, a cui è seguita una parata di auto d’epoca con gli inconfondibili occhioni made by Pixar disegnati sul parabrezza.

Ospiti d’onore della serata alcuni tra i doppiatori del film, come il pilota Alex Zanardi (Guido), Marco della Noce (Luigi), Tiberio Timperi (Mel Dorado), e la proiezione di Cars 2 è stata anticipata da un videomessaggio, girato in 3D come il film, della madrina d’eccezione dell’evento: Sophia Loren, il due volte premio Oscar simbolo del cinema italiano nel mondo che nel film doppia Mamma Topolino, la zia di Luigi. L’attrice ha salutato il pubblico presente e ci ha augurato una buona visione.

Gli ospiti si sono messi gli occhialini e la vera premiere è potuta cominciare, ovviamente preceduta da un cortometraggio prodotto dalla Pixar, come da tradizione. Il corto di quest’anno si intitola Vacanze Hawaiiane e non può essere amato visto che tornano in pochi minuti tutti i protagonisti dell’amatissimo Toy Story 3.

Ken e Barbie sperano di andare in vacanza con la loro padroncina visto che sta partendo per le Hawaii. Ma uno zainetto dimenticato sarà fatale per il piano di Ken, che aveva programmato nei minimi dettagli la loro romantica fuga d’amore. Saranno i loro più cari amici a trasformare la camera della bambina nel resort che hanno sempre sognato, regalando loro momenti da sogno.

Divertentissimo il cortometraggio, ma ben lontano dai gioiellini degli scorsi anni come Presto e Day&Knight. Questo doveva far già far ipotizzare che il 12esimo lungometraggio della Pixar avrebbe battuto questa volta una strada totalmente inedita per l’acclamato studio d’animazione.

Cars 2 è il terzo sequel che produce la Pixar dopo Toy Story 2 e 3, di certo non abituata ai prodotti seriali, ma a differenza delle altre due pellicole più che portare avanti la storia iniziata con il primo Cars nel 2006 ne crea una totalmente nuova sconvolgendo gli stessi meccanismi a cui siamo abituati per un seguito cinematografico.

Infatti la trama vede Saetta McQueen andare in giro per il mondo a gareggiare contro altri veicoli da corsa correndo nel Grand Prix Mondiale, una gara che deciderà chi sarà l’auto più veloce del pianeta.

Ma Seatta non è il protagonista di questa pellicola, lo è Carl “Cricchetto” Attrezzi! Infatti è lui l’unico presente in entrambe le storyline, quella del Gran Premio e soprattutto quella che lo vedrà diventare una vera e propria spia al servizio di Sua Maestà Brittanica, proprio come James Bond. Alcuni importanti personaggi come Sally (e quasi tutti gli altri amici di Radiator Spring) a sorpresa non fanno parte della pellicola ma si limitano ad una comparsata iniziale e finale mentre grande spazio viene dato alle due spie,

Cars 2 è il film che non ti aspetti. La Pixar non ci ha abituato solo a pane e capolavori (Ratatouille, Wall-E, Up, Toy Story 3) ma ha creato in questi ultimi anni una serie di favole moderne che sono state ormai impresse nell’immaginario collettivo al pari delle più importanti fiabe classiche.

Cars 2 Brescia Concept Art

Anche il primo episodio di Cars era una bellissima favola moderna, che non tutti hanno apprezzato. Trattava alcuni temi importanti come l’amicizia e la lealtà con la profondità tipica delle pellicole Pixar senza mai cascare in banalità o moralismo a comando. Ma il suo seguito è totalmente un’altra cosa: non è un favola, ma un bellissimo film d’azione realizzato con la tecnica di animazione CG.

La trama di Cars 2 potrebbe essere tranquillamente adattata in una pellicola live-action con attori in carne ed ossa al posto delle auto parlanti, e correggendo alcune parti della sceneggiatura ovviamente dedicate ai bambini potrebbe essere diretta ad esempio da Paul Greengrass (The Bourne Ultimatum) per farte un blockbuster estivo. Per non parlare del “messaggio ecologista”, non di certo lo scopo del film ma utilizzato come mezzo, proprio come in alcune spy-story viste in questi ultimi anni (Quantum of Solace ad esempio).

Incredibili le scene d’azione, rese ancora più spettacolari dal 3D (il migliore fino ad oggi in un prodotto Pixar) e sono tantissimi i dettagli animati e registici da farti spesso pensare “Sì, ci sono. Ecco i geni della Pixar all’opera“. Le riprese delle gare automobilistiche e soprattutto la prima scena iniziale coinvolgono e divertono.

Il miglior personaggio esordiente è soprattutto la giovane agente Holley Shiftwell, doppiata magnificamente da Paola Cortellesi, mentre a dir poco irritante il personaggio di Francesco Bernoulli per come è stato interpretato da Alessandro Siani: sono decisamente curioso di sentire il doppiaggio originale di John Turturro per capire se bocciare definitivamente il personaggio o solo il modo in cui è stato proposto. Tutti le altri voci del cast si limitano a semplici camei vocali (la Loren e Vanessa Redgrave dicono due battue. Due.)

Se si vuole mettere sullo stesso piano Cars 2 con i suoi fratelli animati della Pixar, si rischia seriamente di rimanere delusi. Ma il confronto non esiste semplicemente perché non può essere fatto essendo Cars 2 un film completamente diverso. Non è stato prodotto il sequel che tutti si aspettavano e ancora una volta il merito dello studio d’animazione è di sorprende e spiazzare, battendo strade nuove anche quando si pensa stiano semplicemente continuando a percorrere le vecchie come nel caso dei più classici sequel hollywoodiani.

Ripeto, Cars 2 è un bellissimo film d’azione animato, questa volta focalizzato soprattutto sul pubblico deibambini più di quanto lo fossero le altre pellicole. Non posso negare che spero con Brave il prossimo anno un ritorno ad una nuova favola moderna da poter aggiungere alla collezione.

Voto: 7.5

Cars 2 uscirà in ben 900 sale italiane da oggi, mercoledì 22 giugno, di cui 425 in 3D e una in IMAX 3D. Per tutti i numerosi materiali sul film vi rimando alla nostra scheda sul database (cliccate qui sotto) mentre a questo link potete trovare la pagina Facebook ufficiale del film. Ricordo inoltre che Disney ha i suoi canali ufficiali su YouTube: WaltDisneyStudiosIT e CinemaeCinema. Visitali per non perdere tutte le ultime video-novità targate Walt Disney Pictures!

Fonte: blog.screenweek.it

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email