mercoledì 11 maggio 2011

Speciale: ‘Winnie the Pooh sul canale Disney Junior’ – parte 2

L’evento speciale di sabato sta per arrivare, e intanto noi continuiamo con la seconda parte di questo speciale. In questo appuntamento scopriamo qualcosa di più dei nostri amati personaggi, che ritornano sullo schermo dopo tanti anni di assenza, e che sabato a mezzogiorno e mezzo saranno anche sui vostri schermi TV sul nuovo canale Disney Junior.

CHI PRENDE PARTE A ‘Winnie the Pooh – Nuove Avventure nel Bosco dei Cento Acri’

Il ritorno dei personaggi amati da tutti

WINNIE THE POOH

Winnie the Pooh e gli amici del Bosco dei Cento Acri sono tra i personaggi d'animazione Disney più amati e conosciuti nel mondo”, spiega l'executive producer John Lasseter. “Questo nuovo film eccitante e ricco d’immaginazione è un’ottima opportunità che i filmmaker hanno per poter mostrare la loro personale visione del materiale di Winnie the Pooh”.

“Prendendo letteralmente in prestito qualche pagina dal grandioso e premiato cortometraggio del 1960 creato da Walt Disney e dalla sua leggendaria squadra di disegnatori e narratori, Don Hall e Steve Anderson, hanno fatto un lavoro fantastico raccontando una nuova storia divertente ed emozionante”, continua Lasseter. “È una vera gioia vedere di nuovo questi personaggi sul grande schermo e sono certo che colpirà il bambino che è dentro ognuno di noi”.

WINNIE THE POOH

WINNIE THE POOH (voce di Jim Cummings)

Winnie the Pooh è come si definisce egli stesso un orsetto tontolone, ma il cui spirito e la cui filosofia di vita è amata e ammirata in tutto il mondo. “C’è una saggezza di fondo in Winnie the Pooh che esce fuori in modo molto sottile”, afferma Peter Del Vecho. “Si tratta della gioia di stare con gli amici, di stare in famiglia, di godersi la vita. Un messaggio che ci colpisce in modo semplice”. “È un incrocio tra il più felice gentiluomo e il più dolce bambino”, aggiunge Jim Cummings, che presta la voce all’orsetto. “Credo che Pooh veda il mondo attraverso lenti colorate di miele”.

Pooh è un amico fedele ai suoi amici del Bosco dei Cento Acri. È sempre pronto a prestare il suo aiuto ed è ancora più felice di condividere un barattolo di miele con chiunque sia interessato. Infatti, Winnie the Pooh, ha un’insaziabile desiderio di miele e di qualunque cosa sia utile a calmare quest’insaziabile mormorio nella sua pancia”. Ed è proprio quel mormorio che da il via all’avventura di Winnie the Pooh quando si trova di fronte un barattolo vuoto di miele. “Oh, peccato”, dice Pooh che deve avventurarsi alla ricerca del suo cibo preferito.

WINNIE THE POOH

• Il personaggio è ispirato all’orsetto del figlio di A.A. Milne, Christopher Robin, che ha dato questo nome al pupazzo dopo aver visto un orso allo zoo di Londra. Quel Winnie, donato da Harry Colebourne direttore dello zoo Canadese, era stato chiamato in quel modo in onore del suo paese d’origine Winnipeg.

• A.A. Milne ha scritto per la prima volta di Winnie the Pooh in un articolo del London’s Evening News nel lontano 1925. I personaggi del Bosco dei Cento Acri sono stati introdotti l’anno successivo.

• Dietro la storica immagine di Winnie the Pooh, c’è l’artista e la sua personale interpretazione dell’orsacchiotto di suo figlio.

• Tra le principali caratteristiche di Winnie the Pooh ci sono l’amore per il miele, il suo calmo stile di vita.

• La battuta: “Qualche cosa è divertente, ma devo pensare troppo”.

WINNIE THE POOH PIMPI (voce di Travis Oates)

Pimpi è un tipo pacato e poco volubile, la cui generosità ed umiltà supera di gran lunga la sua esile stazza. I suoi movimenti fastidiosi, il suo sfregare con ansia le mani e il suo adorabile saletellare “O cielo”, mostrano bene il suo nervosismo e i suoi timori davanti alle cose ignote. “La cosa più bella riguardo a Pimpi è che sebbene lui sia spaventato di tutto, comunque affronta il mondo al fianco dei suoi amici”, secondo Travis Oates, che presta la sua voce al personaggio. All’interno del piccolo Pimpi c’è un grande cuore, che lo porta ad assumersi grandi responsabilità nelle sue più recenti avventure. C’è una buca da scavare? Pimpi è pronto a dare una mano. Una roccia da spostare? Pimpi è la persona giusta. Certo non si tira indietro davanti alle sfide, anche quando significa sfidare il buio della foresta e trovarsi di fronte una creatura spaventosa chiamata Backson che ha quasi certamente rapito

Christopher Robin. (Almeno ciò è quanto afferma Uffa).

“Pimpi è la spalla di Pooh, il suo braccio destro”, spiega il supervisore all’animazione Bruce Smith. “Ma in questo caso è lasciato da solo per combattere Backson. Pimpi non ha mai avuto un incarico del genere prima. Deve darsi da fare. Vederlo in assetto di combattimento è divertente”.

Il Pimpi originale era tra i giocattoli del Christopher Robin di Milne ed è oggi conservato alla New York Public Library al fianco dell’orsacchiotto originale, insieme a Tigro, Ih Oh e Kangu.

• Pimpi è stimato per la sua lealtà nei confronti di Winnie the Pooh.

• La battuta: “Oh cielo, non deeeeevo aver paura. Ci sono cose molto importanti da fare”.

WINNIE THE POOH TIGRO (voce di Jim Cummings)

Tigro è esuberante, il particolare animale con la sua famosa coda elastica. Ad ogni stimolo parte in quarta e spesso questi suoi modi chiassosi lo portano a saltare ancora prima di vedere. Il rimbalzare continuo di Tigro è la pura espressione della sua gioia per la vita, una gioia che vuole sempre condividere con i suoi amici anche se qualcuno, come ad esempio Tappo, non ha voglia di condividere. Altri come Ih Oh, trovano che è più facile andare in giro quando c’è Tigro che insiste. “Tigro cerca sempre di fare tutto a modo suo”, spiega Andreas Deja, il supervisore all’animazione del personaggio di Tigro. “Cerca di convincere Ih Oh che per trovare Backson, la creatura che si suppone abbia rapito Christopher Robin, è necessaria l’energia di Tigro. Cerca di trasformare Ih Oh, questo triste, traumatizzatos asinello in un saltellante Tigro”.

La personalità unica di Tigro si estende anche al suo modo di parlare, che spesso risulta essere il suo marchio di fabbrica, con le sue frasi spesso enigmatiche. Rivolgendosi a Ih Oh “Hai solo bisogno di essere Tigrizzato!”

WINNIE THE POOH

• Tigro è stato introdotto da A.A. Milne nel 1928 in “The House at Pooh Corner”.

• Dice Tigro: “La cosa più bella di Tigro è che io sono unico”.

• Tigro è noto per il suo spirito divertente, il suo rimbalzare di qua e di la (è quello che Tigro fa meglio).

• La battuta: “Il Bosco di Cento Acri ha bisogno di un eroe ed io sono l’unico”.

WINNIE THE POOH IH OH (voce di Bud Luckey)

Ih Oh è il divertente asinello preferito da tutti. Ma Ih Oh vede se stesso come un personaggio triste e non ha alcuna aspettativa. È letteralmente rimasto meravigliato e forse in qualche modo anche arrabbiato, quando ha saputo che è al centro della scena in Winnie the Pooh. Secondo quanto afferma il supervisore all’animazione Randy Haycock, “Ih Oh in verità interpreta un ruolo nel film molto importante, forse più di quanto non abbia già fatto in altri film, perché la storia ruota intorno al fatto che ha perso la sua coda e tutti tentano di aiutarlo nel cercarne una nuova”.

Lo sguardo di Ih Oh sulla vita non è tutta rosa e fiori, ma in alcuni casi mostra un po’ di felicità. Gesti carini dei suoi amici e sgranocchiare cardo elevano lo stato del suo umore che è spesso cupo. Ma nonostante il suo modo d’essere, Ih Oh ha conquistato il cuore di molte persone. Spiega Haycock: “Credo che la cosa che rende Ih Oh divertente sia il fatto che non sa di essere divertente”.

A prestare la voce ad Ih Oh c’è Bud Luckey, un veterano dell’animazione che ha lavorato a film come Toy Story, Monster&Co. e Alla ricerca di Nemo. Ha anche diretto il corto della Pixar Boundin, per il quale ha ottenuto la nomination agli Oscar®. Luckey impersonifica alla perfezione il personaggio di Ih Oh, il suo spirito sincero e il suo essere molto alla mano. “E un tipo molto rilassato e i suoi amici si prendono cura di lui”.

WINNIE THE POOH • Ih Oh non ama molte cose, ma mangiare cardi gli da molto piacere.

• Descritto da A.A. Milne come un vecchio asinello grigio, Ih Oh con il suo approccio triste alla vita, ha dimostrato di essere uno dei personaggi preferiti.

• La battuta: “Potrebbe essere peggio”, dice Ih Oh. “Non sono sicuro come ma potrebbe esserlo”.

WINNIE THE POOH UFFA (voce di Craig Ferguson)

Tutti sanno che i gufi sono i più saggi tra le creature, e Uffa sa tutto, almeno lui crede di sapere ciò, anche se le sue informazioni (e il suo spelling) spesso risultano essere non sempre giuste. “C’è un messaggio trovato sulla porta di Christopher Robin,” spiega il regista Don Hall. “Pooh non riesce a raggiungerlo e così tocca a Uffa, che interpreta le parole sono

fuori, occupato, ritorno subito (Back Soon) come se Christopher Robin fosse stato rapito da una creatura chiamata Backson.

Quanto riferito da Uffa porta tutti a cercare questo Backson, che esiste solo nell’immaginazione di Uffa e di nessun altro. Racconta Craig Ferguson, che presta la voce al personaggio del gufo: “Uffa è uno di quei personaggi, Dio li benedica, che non sanno come dire non lo so. Per questo improvvisa senza mostrare agli amici quanto invece sia in difficoltà, proprio come faccio io”.

• Uffa è un personaggio di fantasia. Mentre Winie the Pooh, Tigro, Pimpi, Ih Oh sono ispirati ai giocattoli del bambino di A.A. Milne, Uffa è stato creato dalla pura immaginazione.

• Uffa è famoso per la sua autodichiarata saggezza. Nonostante reclami di conoscere molte cose, scandire le parole non è certo tra queste. Uffa spesso salta i punti.

• La battuta: “Il talento artistico corre tra i miei familiari”, afferma Uffa. “Di fatto è praticamente in fuga”.

WINNIE THE POOH

TAPPO (voce di Tom Kenny)

Tappo è forse il personaggio più intelligente del Bosco di Cento Acri (almeno lui pensa ciò) e spesso si autoproclama capo del gruppo. Afferma Tom Kenny, che presta la sua voce al personaggio del coniglio: “Se dovessi definire Tappo con aggettivi allora direi che è esigente e organizzato, ama il giardino a modo suo, ama la casa a modo suo, non è mai in attesa di ospiti. Chi si presenta alla sua porta è solo qualcuno che disturba la sua routine e per lui la routine è tutto”.

Tappo in alcuni casi è testardo e burbero, ma i suoi amici sanno che ha un gran cuore e sempre spera di poter entrare in azione. “È in realtà Tappo che ha l’idea di un possibile piano per poter catturare Backson e poter liberare Christopher Robin”, specifica il regista Stephen Anderson.

“Egli escogita un piano strampalato di lasciare cose in giro che possano attirare Backson in modo da poterlo mettere in trappola”, aggiunge il supervisore all’animazione Eric Goldberg. “Tappo è anche più teso rispetto al personaggio dei film originali. Abbiamo deciso di fare in questo modo per poter spingere più avanti il divertimento dei personaggi”.

• Tappo è un altro personaggio che non è nato dall’ispirazione di uno dei giochi di Christopher Robin, ma introdotto da Milne per completare il gruppo di amici.

• Tappo è conosciuto per il suo comportamento impulsivo, ma sa conquistare i fan che come lui hanno bisogno di

ordine.

• La battuta: “L’ultima cosa di cui ho bisogno è una visita di quell’orsetto”, afferma Tappo.

WINNIE THE POOH KANGA (voce di Kristen Anderson-Lopez)

Kanga, mamma di Ro, è un canguro affettuoso e protettivo. Certamente ha le mani (ed il marsupio) occupate dal piccolo Ro, e lo tratta con amore e pazienza.

Quando Uffa suggerisce una gara per trovare una nuova coda per Ih Oh, gli amici del Bosco di Cento Acri discutono su cosa avrebbe ricevuto il vincitore. Ro suggerisce qualcosa di grande, come un petardo. Ma dice mamma Kanga: “Ho no piccolino, perché invece qualcosa di più carino come un tenero abbraccio”.

WINNIE THE POOH

• Se Kanga fosse una persona, sarebbe stata una mamma casalinga, indaffarata per raggiungere la perfezione.

• Kristen Anderson-Lopez presta la voce a Kanga e interpreta la canzone originale (al fianco del compositore e marito Robert Lopez).

• La battuta: “Cosa ne pensate di un qualcosa di carino come un tenero abbraccio”.

WINNIE THE POOH

RO (voce di Wyatt Hall)

Ro è un piccolo e giovane avventuriore desideroso di andare in giro e sperimentare sempre cose nuove. Non importate in che situazione si trovi, o i divieti che la madre gli impone, Ro si lancia sempre al centro dell’azione. Alcune volte l’affetto iperprotettivo di mamma Kangu mette a dura prova la pazienza di Ro, ma alla fine non c’è posto migliore per esser coccolati che nel marsupio di mamma.

- Mentre tutti i pupazzi che hanno ispirato Winnie the Pooh, Pimpi, Tigro, Ih Oh e Kanga sono conservati alla New York Public Library, quello di Ro è andato perso nel lontano 1930 in un meleto.

- Wyatt Hall, il figlio di 7 anni di Don Hall, è stato all’inizio scritturato per dare voce al personaggio di Ro. Racconta Hall che all’inizio il figlio non era interessato, ma dopo una piccola corruzione in termini di giocattoli, ha accettato e ha ottenuto la parte del piccolo Ro. “Abbiamo forse creato un mostro. Cercavamo di spiegargli come dire una battuta e lui rispondeva che forse Ro non l’avrebbe detta in quel modo”.

- Ro è un giovanotto che ha conquistato parecchi fan.

- La battuta: “Qualcosa di grande, come un petardo!”

WINNIE THE POOH

CHRISTOPHER ROBIN (voce di Jack Boulter)

Christopher Robin è il solo personaggio umano nel Bosco di Cento Acri e sebbene sia un ragazzino, tutti i personaggi lo cercano per chiedergli consigli e per ottenere la sua amcizia. Nessuno, comunque, gli è così vicino come Winni the Pooh e i due insieme hanno affrontato moltissime avventure Christopher Robin è consapevole dell’abitudine Pooh di cacciarsi sempre in situazioni “appiccicose”, spesso sente chiamare il suo amico “vecchio orsetto sciocco”.

Ma non importa quello che il gruppo dice, Christopher Robin è sempre pronto a giocare con loro, anche se questo significa correre in loro aiuto. Naturalmente, anche loro sono sempre pronti per aiutare lui. Di fatto, Christopher Robin non potrebbe immaginare amici migliori.

• Christopher Robin prende il nome dal Christopher Robin figlio dell’autore A.A. Milne. È il suo amico orsetto, chiamato Winnie dopo una visita allo Zoo di Londra ad aver ispirato le storie narrate.

• Il vero Christopher Robin è nato nel 1920.

• L’amore e la devozione di Christopher Robin per i suoi amici ha ispirato i lettori e il pubblico sin dal 1926.

• Dal film: “Sciocco di un orsetto”

WINNIE THE POOHBACKSON (voce di Huell Howser)

Backson è una orribile, malefica e feroce creatura che ha rapito Christopher Robin, almeno questo è quanto Uffa riporta agli amici del Bosco di Cento Acri. Secondo quanto afferma Uffa, Backson è una creatura gigante munito di coda, corna e rossi capelli. Non ha un buon odore, a meno che i piedi di scimmia non profumino, e va oltre le più grandi frustrazioni della vita, come gli orologi fermi, i calzini bucati, i pastelli spezzati e il the rovesciato. Ma esiste realmente qualcosa che sia Backson….o è frutto di un fraintendimento di Uffa della frase “Gone out. Busy. Back soon”?

Eric Goldberg è stato il supervisore all’animazione della canzone di Backson. “Per far capire ai suoi amici cosa è Backson e cosa è in grado di fare, Uffa inizia a disegnare sulla lavagna”, spiega Goldber. “Una volta iniziato, siamo nel mondo della lavagna, animato in tal modo che il pubblico pensa che sia realmente Uffa a disegnare ciò. Una volta che il gufo riesce a convincere gli amici, ci allontaniamo dalla lavagna e seguiamo loro che si avventurano alla ricerca della creatura che ha con se Christopher Robin.”

• “The Backson Song” è interpretata dalla voce di Uffa, Craig Ferguson, al fianco delle voci del grupp odi amici.

• Animare la musica richiede un buon orecchio, che per ammissione stessa di Goldberg, egli non ha. Ma ha saputo trovare il modo di rendere tutto credibile, proprio come ha fatto per La Principessa e il Ranocchio.

Domani vi presenteremo la terza e ultima parte di questo speciale. Parleremo della musica del film e di tutta la squadra che ha lavorato per portare di nuovo Winnie the Pooh sullo schermo. A domani, con la parte 3 del nostro speciale…

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email