venerdì 14 maggio 2010

La Disney annuncia i guadagni per il secondo trimestre

image La Walt Disney Company ha riportato dei risultati finanziari più bassi del previsto nel settore televisivo, e le azioni sono precipitate del 3,3 percento.

Una buona performance nella neo-riorganizzata divisione cinematografica, grazie agli ottimi risultati di ‘Alice in Wonderland’ ha fatto sì che i risultati finanziari globali della società battessero le aspettative di Wall Street.

“Lo studio cinematografico è stato la vera sorpresa e il fattore dietro al sorpasso delle previsioni di Wall Street, mentre il reparto televisivo è stato deludente,” ha affermato David Bank, un analista della RBC Capital.

Gli analisti dicono che il reparto televisivo Disney è andato peggio delle aspettative con delle entrare per un totale di 1,3 miliardi di dollari, a fronte delle aspettative che erano per 1,34 miliardi di dollari.

Il secondo trimestre 2010 ha visto una crescita dei guadagni del 55 percento a 953 milioni di dollari, 0 48 centesimi per azione, a fronte dei 163 milioni, o 33 centesimi per azione, nello stesso periodo dell’anno scorso. Gli analisti si attendevano un guadagno di 45 centesimi per azione.

Le entrate sono salite del 6 percento a 8,58 miliardi di dollari, anche qui superando le previsioni di Wall Street che erano di 8,4 miliardi.

Le entrate dell’apparato televisivo, il più grande in termini di entrate e profitto, e casa del potente canale ABC, sono cresciute del 6 percento a 3.8 miliardi di dollari, ma i guadagni operativi sono stati bassi.

La Disney giustifica i risultati con l’innalzamento dei costi dei programmi.

Le entrate per lo studio, che ha appena completato una grande riorganizzazione, sono cresciute del 7 percento a 1,5 miliardi di dollari. Le azioni della Disney sono scese a 34,59 dollari presso la borsa di New York.

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email