sabato 24 aprile 2010

Pixar Canada si stabilisce a Vancouver, e vuole espandersi

image Pixar Canada, lo studio di Vancouver satellite della Pixar , che ha il quartier generale in California, comincerà ad addestrare il nuovo staff nel tardo mese di maggio, e comincerà a lavorare al suo primo cortometraggio verso l’inizio di agosto. Amir Nasrabadi, il general manager di Pixar Canada dice che la compagnia ha 20 impiegati di Vancouver, e ha pubblicato delle inserzioni per 15 posti di lavori su PixarCanada.com, e pianifica di assumere 35 nuove persone entro i prossimi 18 mesi.

La società ha sede su una superficie di 7.000 metri quadrati, ma Nasrabadi non sa ancora se questo sarà la base definitiva per lo studio. Il Premier Gordon Campbell sarà presente all’inaugurazione e probabilmente anche ad un atteso annuncio. La Pixar sta negoziando con il proprietario per poter ottenere più spazio. Nasrabadi afferma che Pixar Canada sarebbe contenta con 20-25 mila metri quadrati per la sua sede di Vancouver.

Dei 20 impiegati attuali, 16 s0no canadesi e 13 di questi sono o residenti in Vancouver o ex-residenti dell’area che hanno appena fatto ritorno.

La squadra dirigente è formata dal general manager Nasrabadi, un ex vice presidente delle operazioni e della finanza dei Disney Toon Studios; il direttore creativo Dylan Brown, che è con la Pixar dal 1995 e il capo tecnico Darwyn Peachey, un ventiduenne impiegato della Pixar. Lavorano a Vancouver dall’autunno scorso.

“Il nostro sito è il nostro principale canale per nuove assunzioni,” suggerisce Nasrababi a tutti coloro che vorrebbero unirsi al team Pixar. “Tendiamo a ricercare persone di talento e persone che hanno grandi attitudini. Con questo intendo che vogliamo persone che hanno un forte desiderio di dare e ricevere in cambio e sono pieni di voglia di imparare. La forza della nostra organizzazione è la collaborazione creativa, e questi sono gli attributi chiave che stiamo cercando.”

Lo studio di Vancouver produrrà cortometraggi animati usando i personaggi dei film della Pixar, che continueranno ad essere realizzati presso lo studio principale ad Emeryville, California. Le star dei film prodotti a Vancouver saranno personaggi esistenti come Buzz Lightear e Woody da Toy Story, e Saetta McQueen e Cricchetto da Cars.

“La nostra missione qui è di mantenere vivi i personaggi tramite la creazione di cortometraggi,” afferma Nasrabadi, insistendo che lo studio non creerà film nuovi che conterranno nuovi personaggi. I corti prodotti qui andranno in onda su Disney Channel e sui siti Disney e possibilmente in compilation in DVD. Potranno magari anche essere mostrati al pubblico dei parchi a tema in giro per il mondo.

Squadre di 30-35 persone lavoreranno a un cortometraggio, che richiede dai tre ai nove mesi per essere realizzato. Tramite il sistema di fruizione della compagnia, il lavoro svolto a Vancouver può essere visto immediatamente ad Emeryville. Tutto il lavoro di post produzione dei corti di Vancouver verrà effettuato in California.

image

La Pixar, fondata da John Lasseter, ha cominciato come un piccolo studio indipendente che realizzava cortometraggi animati. Il suo primo film degno di nota è stato Luxo Jr., un corto del 1986 con protagonista una lampada da scrivania, che rimane tuttora il simbolo icona della società.

Come tutti sappiamo da allora di strada ne è stata fatta parecchia, e i film usciti al cinema sono già dieci. L’ultimo, Up, ha ottenuto addirittura una nomination agli Oscar come miglior Film, fatto capitato finora soltanto nel 1992 con La Bella e la Bestia.

Chi può dirlo che un piccolo studio che produce cortometraggi non possa trasformarsi nel più grande studio d’animazione del terzo millennio!

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email