giovedì 4 marzo 2010

Tron Legacy, il trailer è nei cinema

image Grande campagna virale per promuovere il film Disney
Assieme alle copie di Alice in Wonderland verrà mostrato in anteprima il primo trailer ufficiale di Tron Legacy, l’atteso sequel di Tron.

Il trailer è già stato presentato in pochissimi cinema IMAX in 3D lo scorso sabato alla fine di una caccia al tesoro globale creata durante il secondo atto della campagna virale del film dalla Walt Disney Pictures, cominciata a luglio a San Diego in concomitanza con il Comic-Con. Nel primo atto della campagna virale erano stati spediti in giro dei gettoni della Flynn’s Arcade, la sala giochi creata da Kevin Flynn in Tron, e una memory stick contenente una gif animata con del codice. Diversi siti web avevano ricevuto il medesimo pacco ma con codici differenti, che messi insieme ne hanno creato uno unico che una volta decifrato ha permesso la scoperta due siti web e un conto alla rovescia per un appuntamento a San Diego alle 21,30.

L’incontro si è trasformato in una caccia al tesoro che si è conclusa con la scoperta di una ricostruzione della Flynn’s Arcade a San Diego, e di una porta segreta che ha permesso di vedere in anteprima la nuova Lightcycle del film Tron Legacy a grandezza naturale. Il 15 febbraio alcune persone in tutto il mondo hanno cominciato a ricevere dal gruppo di Flynn Lives, una scatola contenente o una stella rossa, ovvero un bit negativo di Tron, o il bit positivo a forma di diamante giallo o il bit neutrale a forma di una palla blu e una nota scritta a mano che diceva “/ZeroHour”. I fan hanno scoperto velocemente un nuovo sito web a flynnlives.com/zerohour, in cui era presente una griglia con i bit positivi e negativi, che nella parte destra si trasformavano o in stelle rosse (0) o in diamanti gialli (1) formando così un conto alla rovescia in codice binario per il 24 febbraio alle 8:00 am Pacific Time.

imagePochi giorni dopo sotto il conto alla rovescia si sono cominciati a vedere alcuni pixel che lentamente hanno formato una lista di 25 città sparse in tutto il mondo: Sydney, Denver, Madrid, Parigi, Boston, Washington DC, Orlando, Atlanta, Raleigh, San Diego, New York, Philadelphia, Toronto, Austin, Minneapolis, Nashville, Chicago, Salt Lake City, Los Angeles, San Francisco, Portland, Seattle, Las Vegas, Phoenix e Londra.

Inoltre alcune persone hanno ricevuto una mail da FlynnLives.com intitolata “La lotta continua...” in cui veniva riportato il messaggio: “A tutti coloro che con passione credono che Kevin Flynn, pioniere digitale e leggendario game designer, è ancora vivo... ASCOLTATE! Il nostro ultimo evento alla Flynn’ Arcade era una chiamata alle armi per quelli di noi che non si fanno comprare dalla propaganda pubblica della Encom su quanto accaduto. Noi non siamo pazzi - c’è più di questa storia di quanto stiano facendo trapelare. Oggi, abbiamo la possibilità di saperne di più... per avvicinarci alla verità. Abbiamo bisogno del tuo aiuto! PREPARATEVI per la prossima fase della nostra missione. Abbiamo bisogno di operatori in 25 diverse città in tutto il mondo Mercoledì, 24 Febbraio”.

Scaduto il conto alla rovescia è apparsa una nuova pagina su Zero Hour con una griglia formata da 66 rettangoli per dei codici, mentre sulla destra erano riportate le città coinvolte nell’evento. I partecipanti della campagna virale dotati della t-shirt di Flynn Live ottenuta durante il primo atto svoltosi San Diego, dovevano aspettare che si illuminasse la città in cui avrebbero partecipato all’evento, per poter avere l’indirizzo del luogo d’incontro dove veniva consegnato alla prima persona che si presentava all’appuntamento e diceva la password riportata sul sito un pacco contenente un cellulare speciale e un caricabatterie.

L’operativo doveva poi chiamare un numero e seguire altre istruzioni che lo mandavano in un luogo segreto lì vicino a prendere un altro pacco che conteneva un portafogli blu con una chiusura in velcro in stile anni ’80, con dentro due gettoni, delle trading cards di Tron, che avevano un codice da inserire nel sito che faceva apparire un’immagine di Tron in una delle 66 caselle della griglia centrale, che girate creavano una nuova foto di Tron Legacy. Ma il piatto forte è stata la creazione di un evento esclusivo organizzato in cinque città: New York, Los Angeles, Londra, Toronto e Sydney in cui è stato mostrato lo scorso sabato in anteprima mondiale il trailer di due minuti e mezzo del film in alcuni cinema IMAX. Durante la premiere del trailer il regista Joseph Kosinski ha rivelato che la pellicola avrà cinque scene d’azione che verranno mostrate in formato 1.7:1 solamente nei cinema IMAX, mentre il resto della pellicola verrà mostrato in formato 2.35: 1, ovvero il normale widescreen anamorfico. Il fatto che queste scene avranno un rendering ad un formato diverso significa che si vedrà molto di più sia sopra che sotto il fotogramma, come è già accaduto con alcune scene del Cavaliere oscuro e di Transformers: La vendetta del caduto.

La maggior parte del film in cui si seguirà Sam Flynn nel mondo reale verrà presentata in 2D, mentre il mondo di Tron sarà in 3D. Oggi Blue Sky Disney riporta inoltre che se Tron Legacy andrà bene, il film potrà diventare la prima pellicola di una trilogia, che non includerà il primo film Tron, e che dal mondo di Tron si sposterà da qualche altra parte, creando una franchise simile a quella di Pirati dei Caraibi. Pare che la Disney stia anche progettando una serie animata in computer grafica di Tron che dovrebbe uscire negli schermi televisivi americani tra la fine del 2011 e l’inizio del 2012 e degli eventi e delle giostre dedicate a Tron Legacy nei parchi Disney. Al momento gli esecutive stanno considerando se trasformare la sala giochi accanto alle Space Mountain in Tomorrowland nella Flynn’s Arcade.

Fonte: My Movies

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email