venerdì 26 febbraio 2010

Il trailer di Waking Sleeping Beauty

Nel documentario Waking Sleeping Beauty, il produttore Don Hahn ha dipinto il dietro le quinte dei Disney Animation Studios durante gli anni '80, fra problemi economici, tensioni e giochi di potere. Ecco il trailer!

A partire da metà degli anni '80, i Walt Disney Animation Studios sono tornati alla ribalta con una sfilza di successi incredibili, dalla Sirenetta, alla Bella e la bestia, al Re Leone.
Se il pubblico ha visto soltanto il risultato di questa sfolgorante rinascita, solo chi ha lavorato attivamente a quei film sa come la casa di animazione sia passata da una grave crisi al grande successo fra litigi, giochi di potere e problemi economici.
Don Hahn, produttore della Bella e la bestia, ha deciso di raccontare gli anni dal 1984 al 1994 nel documentario Waking Sleeping Beauty, che descrive la Disney dall'interno grazie a interviste e filmati d'archivio, realizzando quello che è già stato definito un capolavoro imperdibile per i seguaci della Disney.
Sullo sfondo della rinascita si delinea così lo scontro fra gli esecutivi Jeffrey Katzenberg, Michael Eisner e Roy Disney per il controllo della compagnia, eimage la rivalità fra i giovani creativi (come Tim Burton) e i vecchi animatori.

Il film/documentario è apparso per la prima volta in alcuni festival cinematografici dell’animazione nel 2009, e il 26 marzo 2010 debutterà in alcuni cinema americani. Speriamo di poterlo vedere distribuito al più presto anche qui da noi perché è un prodotto molto valido, e spiega i retroscena più segreti della terza epoca d’oro dell’animazione Disney.

Credo che il film, soprattutto ora dopo la sua scomparsa, sia anche un definitivo tributo all’uomo che ha salvaguardato con più affetto il reparto d'animazione della Disney, Roy E. Disney.

MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email