venerdì 15 gennaio 2010

Rich Ross nomina Sean Bailey capo della produzione

Bailey rimpiazza Oren Aviv, che si è dimesso questa settimana dopo una lista di flop della Disney al botteghino. Lo studio annuncia inoltre altri cambiamenti che risulteranno in circa 80 licenziamenti.

image
Due mesi fa, il neo Chairman dei Walt Disney Studios Rich Ross affondava il progetto da 150 milioni di dollari del produttore Sean Bailey di “Captain Nemo: 20,000 Leghe Sotto i Mari”.
Ma ciò non ha fatto inabissare il rapporto d’amicizia tra i due. Ieri, Ross ha scelto Bailey come nuovo capo della produzione dello studio di Burbank, facendolo succedere ad Oren Aviv, che ha lasciato la Disney questa settimana dopo una lista di insuccessi al botteghino.
Bailey, che non ha nessuna esperienza come dirigente di uno studio, si dovrà darsi da fare per rinvigorire il listino dei film prodotti dalla Disney e avrà a che fare con dozzine di esecutivi e cineasti. E’ anche il secondo outsider scelto per una posizione chiave allo studio: Ross, scelto appena tre mesi fa, ha speso la sua carriera nel settore televisivo, e più di recente al Disney Channel.
Sebbene la Disney abbia il suo listino di film pronti per quest’anno, con film rilevanti come “Alice in Wonderland” e “L’Apprendista Stregone” in uscita, i due esecutivi dovranno muoversi velocemente per mettere in coda i progetti per il 2011.
Da quando ha preso le redini in ottobre dal veterano Dick Cook, Ross sta ristrutturando drasticamente le operazioni dello studio, licenziando alcuni capi di divisione di alto livello e sta accorpando diverse divisioni come modo di tagliare i costi e per adattarsi all’era digitale.
Allo stesso tempo che la Disney ha annunciato il suo nuovo capo di produzione, la società ha confermato che sta continuando la sua “riorganizzazione della forza lavoro”, e ciò risulterà nel licenziamento di circa 80 licenziamenti, principalmente nel settore home video.
“La nostra industria si sta evolvendo rapidamente,” ha affermato Ross in un comunicato. “Per restare al passo, stiamo adattando la nostra organizzazione per essere più agili, creativi e reattivi.”
Ieri, Ross ha continuato le ristrutturazioni dando a Chuck Viane, capo della distribuzione domestica, ulteriori responsabilità come la supervisione delle vendite internazionali. Un' altro veterano dello studio, Heidi Trotta, vice presidente senior delle comunicazioni dello studio, passerà a un ruolo di consulenza. con l’ex pubblicista dei parchi a tema John J. Nicoletti che prenderà il posto come vice presidente delle comunicazioni globali.
Ross sta facendo anche dei cambiamenti nel gruppo del marketing, ma deve ancora nominare un nuovo capo che succederà all’ex presidente Jim Gallagher e al suo capo, Mark Zoradi, entrambi licenziati l’anno scorso.
Il capo dello studio all’inizio aveva approcciato il capo della produzione della Summit Entertainment Erik Feig, l’esecutivo dietro al successo di “Twilight”, per il posto di Aviv, ma ha respinto l’offerta. L’accordo con Bailey è stato raggiunto subito e si è concluso ieri mattina, secondo il suo agente, Patrick Whitesell della William Morris Endeavor.
“La cosa che non ha mai fatto è gestire un gruppo di persone – questa è la parte in cui dovrà provare a mettersi alla prova,” ha affermato Whitesell, aggiungendo,"Credo che abbiano pensato sia una persona completa che sarà un ottimo dirigente.”
Bailey è venuto alle attenzioni di Ross nei primi giorni dopo che lui ha preso il posto di lavoro più in alto allo studio.
Essendo produttore del film ad alto budget dello studio pianificato per uscire a Natale “Tron: Legacy",” Bailey e i cineasti hanno imbastito una presentazione marketing per il nuovo capo dello studio. Bailey apparentemente ha impressionato Ross con i suoi colpi e le sue intenzioni di sfruttare il film attraverso le varie sezioni della Disney, secondo una persona familiare con la situazione.
Bailey “ha cominciato come uno scrittore, così questo gli dà un particolare punto di interesse d’ingresso nella sua entrata in una posizione così importante", ha affermato il regista McG, che stava lavorando con lui su “Captain Nemo” prima che lo studio lo abbandonasse a causa di problemi creativi. “Arriva dalla comunità creativa ed è molto apprezzato, così attrarrà sicuramente talento.”
L’attore-regista Ben Affleck, che ha co-fondato la compagnia di produzione multimediale LivePlanet con Bailey, Matt Damon e Chris Moore, predice che il suo ex partner di produzione farà bene il suo lavoro. I due hanno anche lavorato insieme nel thriller del 2007 di Affleck “Gone Baby Gone” per il brand della Disney, la Miramax Films.
“Mi sono fidato dei suoi istinti creativi,” ha affermato Affleck. “Ha portato il progetto attraverso il processo creativo, del marketing e della distribuzione e ha capito fino in fondo i meccanismi e la politica del sistema dello studio.”
Affleck e Bailey hanno compreso che bisognava combinare i media tradizionali con quelli emergenti, citando la loro collaborazione nella serie della LivePlanet nominata all’Emmy “Project Greenlight”, in cui degli aspiranti cineasti hanno sottoposto le loro sceneggiature online per la possibilità di realizzare un film da un milione di dollari. Il canale ha seguito il vincitore attraverso il processo creativo  e lo ha filmato come una serie TV.
Questo potrebbe aiutare Bailey alla Disney perché la tecnologia gioca un grande ruolo nella visione per lo studio del Presidente della Walt Disney Company, Robert Iger.
Questo mese, per esempio, alcuni esecutivi della Disney hanno mostrato KeyChest, una nuova tecnologia che permetterà ai consumatori di comprare un film una volta ma di verderlo ovunque, sia in televisione, che sul computer, oppure anche sugli apparecchi portatili. Iger ha anche parlato di abbreviare il tempo tra l’uscita di un film nei cinema e la sua disponibilità in home video.
MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email