martedì 17 novembre 2009

Recensione Blu-ray: Monster & co.

Monsters & co. (Monsters, Inc.)

Data d'uscita: 2 Novembre 2001 (USA)
Durata: 93 minuti
Regia: Pete Docter
Co-Registi: David Silverman, Lee Unkrich
Scrittori: Pete Docter, Jill Culton, Jeff Pidgeon, Ralph Eggleston (storia), Andrew Stanton, Daniel Gerson (sceneggiatura)

Cast vocale: John Goodman (James P. "Sulley" Sullivan), Billy Crystal (Mike Wazowski), Mary Gibbs (Boo), Steve Buscemi (Randall Boggs), James Coburn (Henry J. Waternoose), Jennifer Tilly (Celia), Bob Peterson (Roz), John Ratzenberger (lo Yeti), Frank Oz (Fungus), Daniel Gerson (Needleman & Smitty), Steve Susskind (Floor Manager), Bonnie Hunt (Flint), Jeff Pidgeon (Bile), Sam Black (George)

Compra su: DVDweb.it a soli € 24,90.

Sono solo io che la pensa che Monsters e Co. sia stato un po' trascurato? Lo so è una cosa sciocca da dire, è il loro quarto incasso più alto alla Pixar e ha goduto di un'acclamazione universale da parte della critica e del pubblico sin dalla sua prima uscita cinematografica otto anni fa. Ma questo è stato anche il quarto film della Pixar, e solo il secondo, senza Woody e Buzz. Nel dopo Nemo.
Mentre Monster e co non è il film più trascurato dello studio (lo è di più il bellissimo A Bug's Life), non l'ho mai nemmeno visto in cima alla loro lista del più bel film Pixar di qualcuno.

In realtà, è nella metà inferiore. Perché? E' un ottimo film che non può non piacere - cosa allora non funziona? La risposta è niente. I film della Pixar sono semplicemente così forti fino ad oggi che le produzioni in uscita vengono confrontate con quelle precedenti e ogni volta ogni film nuovo è sempre migliore del precedente.

Naturalmente, la filmografia dello studio è molto giovane - e solo in via eccezionale film recenti ricevono così velocemente una riedizione così speciale. Dove ognuno di questi film alla fine resteranno nella memoria collettiva resta da vedere. La Disney reintrodotto, Monster & co in una edizione doppio disco un paio di mesi fa e ho colto così l'occasione per fare ancora un altro sguardo a suoi molti punti di forza.

Per coloro che in qualche modo non hanno ancora visto il film, ecco un piccolo riassunto: James P. Sullivan è un mostro, uno dei tanti che vivono in un universo alternativo, che assomiglia ad una città, Monstropolis. La sua professione è quella dello spaventatore, un lavoro importante che lo manda negli armadi delle camere da letto dei bambini addormentati, emergendo nel mondo umano, giusto il tempo sufficiente per catturare un urlo. Questa urli sono l'energia che dà ai mostri il loro potere. La paura è il loro petrolio, e le urla sono proprio come la nostra energia elettrica. Sullivan, meglio noto come "Sulley", raccoglie queste urla per il suo datore di lavoro: la Monster & co.

Il suo assistente è Mike Wazowski, uno mostro più divertente che pauroso; è verde e ha un occhio solo ed è piuttosto abile nel motivare il suo collega Sulley e a tenerlo in forma. Insieme, lavorano per battere il rivale di Sulley, Randall, un mostro camaleonte e non proprio un bravo ragazzo. Tra le responsabilità di Mike c'è tenere Sulley al sicuro dal mondo molto pericoloso dei bambini, perché i bambini sono umani, e a quanto pare, sono estremamente tossici per il genere dei mostri. Una sera, Sulley porta accidentalmente una bambina adorabile - che alla fine verrà soprannominata "Boo" - nella città di Monstropolis. Mentre si genera il caos, e Mike & Sulley tramano di tenere Boo al sicuro per mantenere i loro posti di lavoro.

Come ci suggerisce la premessa, si tratta soprattutto di una commedia. Più in particolare, si tratta di una commedia tra migliori amici, lo stesso tipo che la Pixar aveva già fatto prima con Toy Story e a cui sono tornati più volte. Come è tipico di questo studio, però, l'attenzione non è sul genere, ma sulla storia. Ci sono molte cose affascinanti nel film, ma tutto è in funzione della narrazione. La trama è sempre in movimento, c'è sempre qualcosa che accade o che si muove. Mike porta la sua ragazza a cena e la storia ce lo fa trovare lì. La sua vita apparentemente banale e le difficoltà che incontra sul lavoro svolgono un ruolo importante e sembrano quelle di qualsiasi persona reale. Il film non si ferma mai e non smette mai di impiegare il suo tempo per caratterizzare i personaggi o per die momenti comici. Invece, fa tutto questo, sempre quando è in movimento. Questo, più che qualsiasi altro, sembra essere il segreto della Pixar. Nulla coinvolge tanto il pubblico come una storia ben congegnata, a ritmo costante, che premia i suoi gli spettatori per il tempo che hanno trascorso in ogni scena, lungo il film.

L'universo costruito in Monster & co. è uno che intriga subito. Il concetto di un mondo inverso non è nulla di nuovo. I mostri vivono come noi, solo che apprezzano le cose che noi troviamo ripugnanti (Mike e Sulley tengono dei deodoranti nei loro armadietti, ad esempio). L'idea comunque non è soltanto che i mostri sono reali e che di fatto vengono a trovarci attraverso i nostri armadi. La Pixar porta la cosa ad un livello superiore e si sviluppa un'intera infrastruttura che spiega il motivo per cui i mostri si prendono la briga di fare ciò che fanno, conferendo credibilità a questo mito, che ci ha perseguitato tutti fin dall'infanzia. Con l'idea alla base e una spiegazione attendibile, si procede a costruire una storia interamente su questo sistema.

Il fatto che per loro si tratta di una fonte di energia che li spinge a farci paura rende l'intera nozione molto più comprensibile per gli esseri umani e pertinente ai tempi moderni. La storia è così deliziosa, perché il mondo in cui si svolge è così affascinante.

Ma per paura che non capiate che è totalmente una commedia, vorrei solo dire che questo è un film davvero molto divertente. Cartoonisti nel cuore, la gente della Pixar lavora in un concentrato di gag visive e situazionali. Il dialogo è ricco di battute veloci che producono grandi risate senza l'aiuto di nessun tipo di umorismo nero o di doppi sensi. Forte come la storia sono le voci dei personaggi che rendono Monster & co un vero successo. John Goodman e Billy Crystal sono immediatamente riconoscibili come Sulley e Mike, ma entrano davvero molto bene nei personaggi per i quali sono stati entrambi perfettamente scelti. Lo stesso vale per Steve Buscemi come opportunamente scelto per interpretare il meschino e insolito Randall Boggs. Il lavoro più rilevante, però, arriva dal supervisore della storia Bob Peterson nel ruolo femminile di Roz, la precisa e seria responsabile delle scartoffie.

Oltre ad essere divertente, il film è anche molto eccitante. C'è un vero senso di avventura che permea l'intera storia. Mike e Sulley sono perennemente in fuga da una serie di vicende e la stessa Boo, davvero molto movimentata, li tiene su di giri. Il culmine è rappresentato dalla coppia mentre compie un giro come fossero sulle montagne russe nel deposito delle innumerevoli porte, una delle scene più memorabili d'animazione di questo decennio.

Parlando dell'animazione, farei un grave errore se parlassi a lungo di Monsters, Inc. e non menzionerei l'eccellente lavoro sui personaggi e il design che la Pixar raggiunge con questo film, come hanno già raggiunto nelle altre nove loro produzioni. Mentre la magnificenza grafica dello studio in generale è migliorata con il tempo, il lavoro sul Sulley e sulla sua pelliccia sta insieme alle migliori di sempre. Non sono sicuro che niente mi abbia mai impressionato tanto quanto la padronanza sorprendentemente realistica della folta pelliccia di Sulley.

Questa attenzione al dettaglio è più evidente che mai nella nuova versione del film in Blu-ray, la prima uscita del film in alta definizione. Monsters & co è stato pubblicato su DVD solo una volta prima d'ora, in una edizione speciale a due dischi e una monodisco nel 2002, poco meno di un anno dopo l'uscita americana del film nelle sale. Questo nuovo Blu-ray ricicla in gran parte i contenuti del DVD precedente, ma con un nuovo transfer HD e alcune aggiunte e alcuni tagli di rilievo nel reparto dei contenuti speciali. Un esame molto dettagliato dei dischi di questa nuova edizione, così come un confronto con l'edizione del 2002 la potete trovare solo qui.

Dettagli del Blu-ray Formato video: 1.85:1 Widescreen

Audio: DTS-HD 5.1 (inglese), DTS 5.1 (Ita, Ing, Ted)

Data d'uscita: 2 settembre 2009

Due dischi singolo lato (2 BD-50s)

Custodia blu in plastica con due spazi per i dischi. Nessuna slipcover cartonata (purtroppo!)


Video e Audio

Mentre Monster & co non è visivamente complesso come i più recenti film della Pixar, la sua animazione stupisce ancora oggi. Non è mai sembrato migliore di ora che è in 1080p ad alta definizione. I transfer della Pixar da digitale a digitale sono sempre stati perfetti, anche nella definizione standard in DVD e il Blu-ray garantisce un livello di qualità ancora più alto. I dettaglio è fenomenale. Si può vedere proprio ogni singolo poro della pelle di Mike! Il film è vivace e colorato, in maniera appropriata. I colori neri sono profondi e vistosi. Non ho rilevato nessuna anomalia o indesiderati disturbi visivi di qualsiasi tipo.

Guardando il precedente DVD dopo il Blu-ray, si nota che una perdita di dettaglio è immediatamente evidente. Ciò, ovviamente, è dovuto esclusivamente alla differenza di formati e non ha nulla a che fare con il transfer, che è superiore alla linea dei DVD comuni. I dettaglio sono estremamente impressionanti per essere una definizione standard, il quadro è completamente pulito, ed i colori sono vivaci. Nonostante la sua età, il video è di qualità in riferimento al suo formato, così come il transfer in HD lo è per il Blu-ray.

Il Blu-ray è dotato di una colonna sonora in 5.1 DTS-HD Master Audio, che offre un incredibile qualità del suono. Tutti e cinque i canali audio esplodono in questo mix, evidenziando la separazione dei canali dinamici e un suono cristallino. La direzionalità è impeccabile. Gli effetti di zoom audio passano da un angolo della stanza ai successivi, sempre a caso, e gonfia con entusiasmo la sonorità del film. E' un'esperienza euforica di audio home theater. Sono impressionato.

Alcune contenuti speciali sono in Dolby Digital 5.1, altri in Dolby Digital 2.0, e praticamente tutti i bonus sono disponibili in inglese con i sottotitoli. I sottotitoli sono disponibili in inglese, italiano e tedesco.


Contenuti Speciali

I tantissimi contenuti speciali cominciano sul disco numero 1. Un'introduzione tutta nuova di Pete Docter (HD, 1:31) parte automaticamente, il regista dà una panoramica dei contenuti dei due dischi.

Il contenuto speciale più consistente del Disco Uno è il commento audio con Docter, il co-regista Lee Unkrich, lo scrittore Andrew Stanton, e il produttore esecutivo John Lasseter. Questa è lo stessa traccia registrata per il DVD del 2002. La conversazione è estremamente interessante, coinvolgente, e in gran parte molto specifica. Anche coloro che di solito non sono predisposti al gradimento dei commenti audio dovrebbero trovare questa conversazione stimolante.

Nuovo in questa versione Blu-ray è il "Filmmakers 'Round Table" (HD, 21:35), una conversazione registrata di recente in un coffe house tra Docter, Unkrich, il produttore Darla Anderson, e il supervisore della storia / voce di Roz Bob Peterson. Lontano da una ricostruzione del commento, questo video da uno sguardo riflessivo, e beneficia del passaggio di un po' di tempo dal lancio del film. La conversazione è vivace, organica e completa. Particolarmente interessante è una candida discussione dell'impatto che l' 11 settembre ha avuto sulla troupe, il cui progetto era a pochi mesi d'uscita nei cinema al momento. C'è un video dietro le quinte della squadra al lavoro quel giorno e una clip di una scena che è stata rimossa dalla versione finale, a causa della sua somiglianza inquietante agli attacchi delle Twin Towers. Ancora, sempre degno di nota: un suggerimento, non in modo criptico ai piani per un sequel. Senza dubbio, questa è forse il miglior contenuto speciale dell'intera edizione.

Un altro eccezionale, extra tutto nuovo è "Monsters, Inc. Ride and Go Seek: Costruire Monstropolis in Giappone" (HD, 7:58). Questo dà uno sguardo alla nuova attrazione di Tokyo Disneyland. Una versione del dark rade di Monster & co. al California Adventure Park, questa versione aggiunge una componente interattiva con le torce. Nonostante la sua breve durata, la featurette copre molto terreno, con particolare attenzione non solo all'attrazione, ma anche sulle particolarità di Tokyo Disneyland, come resort. Gli appassionati dei Parchi Disney apprezzeranno la visione di filmati del parco, modelli 3D del parco, e anche alcuni filmati di attrazioni classiche Disney in gloriosa qualità HD. Peccato che qualcosa di simile non è stata prodotto per l'attrazione di Disneyland e del Walt Disney "Monsters World's, Inc. Laugh Floor".

I restanti contenuti speciali sul Disco Uno sono stati presi dal DVD del 2002, a partire Pennuti Spennati (HD, 3:28), che accompagnava nelle sale Monsters & co. e che ha vinto l'Oscar 2001 per il Miglior cortometraggio d'animazione. Questa è la storia di un grande uccello ostracizzato da una massa di altri uccelli, tutti arroccati su una linea di alta tensione, che subisce dei dispetti, ma che alla fine sarà quello che riderà per ultimo.
Mentre forse non è il loro meglio, Pennuti Spennati è molto divertente e molto breve, e in fin dei conti del tutto degno del nome Pixar. Il regista Ralph Eggleston presenta anche un commento audio opzionale, offrendo molta conoscenza aggiuntiva per un così breve periodo di tempo.

Il secondo corto, La Nuova Macchina di Mike (HD, 3:47), è stato creato appositamente per le edizioni home video nel 2002. In esso, Mike dimostra la sua vistosa macchina nuova a Sulley e, nello spirito dei cartoni animati della Disney del passato, finisce in una battaglia uomo (o meglio,) mostro contro macchina. E 'una storia molto semplice ma estremamente comica e i personaggi (ancora una volta doppiati da Billy Crystal e John Goodman) rimangono fedeli ai loro personaggi filmici. Un commento audio opzionale è riportato dal DVD del 2002.

Nessun cortometraggio fa qui il suo debutto in hi-def, siccome sono già precedentemente apparsi nella collezione Pixar Short Films Collection: Volume 1 in Blu-ray. Coloro che sono rimasti lontani da quel disco saranno felici di vederli finalmente nella loro gloria HD splendida.

Il secondo disco Blu-ray ha una tonnellata di contenuti speciali in serbo per voi, accessibili attraverso tre porte diverse: La Sfida delle 100 porte di Roz (un gioco virtuale elaborato), Solo esseri umani (un menu enorme di contenuti speciali per appassionati), e solo mostri (una zona più leggero, più su misura per bambini).

La prima porta e la meno importante è La Sfida delle 100 porte di Roz. All'interno c'è un gioco che consiste in un centinaio di mini-giochi, tutti derivanti da una porta. E' un gioco elaborato molto ben fatto che alterna domande che sembrano scontate ma che in realtà ti fanno veramente pensare a lungo, a quelle che sono veramente banali ma che in realtà ti ingannano.

La porta soltanto degli esseri umani dispone di 13 sotto-sezioni al suo interno. Diamo un'occhiata a ciascuno di essi.



(1) Pixar contiene un solo oggetto, ma è un ottimo strumento. Il "Pixar Fun Factory Tour" (SD, 3:46) mette in mostra l'allora nuovo edificio dello studio e dimostra quanto sia divertente lavorararci. Non c'è da meravigliarsi che i loro film sono pieni di così tanto divertimento.

(2) All'interno della sezione Storia, si trova "Story Is King" (SD, 2:03), un pezzo che evidenzia l'importanza suprema della narrazione come qualità nei film Pixar. Le interviste con il personale abbondano. Lo stesso vale per "I mostri sono veri" (SD, 1,31), in cui la gente della Pixar riflette sul concetto che i mostri potrebbero essere reali e che cosa significa per i loro film. "Il trattamento originale" (HD, 13:43) mette insieme alcuni concept art molto impressionanti, musiche di scena, e narrazione per costruire la concezione originaria della trama di Monsters & co., è interessante notare molte cose divergenti dal prodotto finale. E 'un piacere, come "Story Pitch: Back to Work" (SD, 4:39), che prende gli spettatori dietro le quinte per far loro osservare alcuni storyboard per il film.



(3) La sezione successiva è etichettata "Concetti abbandonati". Il primo è un'introduzione di Unkrich (SD, 0:32), che spiega che i cinque concetti scartati qui dovevano essere animati per il film finale, ma finirono sul pavimento della sala da montaggio (ma non spiega il perché). Quattro di questi sono visti nella loro fase iniziale, sotto forma grezza: "Assistente Sulley" (HD, 2:14), "End of Day" (HD, 2:35), "Bad Scare" (HD, 3:00), e "Scream Factory" (HD, 1:07). L'ultimo - "Original Sulley Intro" (HD, 0:59) - appare in forma di animazione finita per gran parte di essa.

(4) Il prossimo è a storyboard e Film finito a confronto, che offre una scena del film (HD, 5:42) in tre forme: Storyreel, colore finale, e un confronto tra i due a schermo diviso. Se il vostro lettore supporta la visione ad angolo, si può alternare senza interruzione di continuità tra i tre, premendo col telecomando.


(5) La Galleria Artistica (HD) prende tutti i vari artwork sparsi nelle numerose gallerie del DVD del 2002 e li mette comodamente in un unico posto. La galleria è divisa in quattro categorie: i personaggi, il set dei colori, Concept Art, e i Poster. Centinaia di immagini (circa un migliaio) si possono vedere qui. Ogni sezione ha la propria opzione "Play All". Purtroppo, le immagini non si aprono a piena dimensione per conto proprio. Non importa cosa si fa, per vedere queste immagini è richiesto un grande investimento di tempo (in particolare siccome il Blu-ray non è la tecnologia più veloce di caricamento). È un po' sciocco ma avrei desiderato qualcosa di più; speravo di trovare qualche foto in HD delle attrazioni dei parchi in California, Florida, e Giappone di Monsters & co.

(6) Il design di Monstropolis contiene solo una featurette con lo stesso nome (SD, 2:51). Questa è un'intervista alla Pixar sul compito affrontato in modo credibile per la creazione di un mondo abitato da mostri.

(7) Set Dressing contiene anch'esso solo una featurette omonima (SD, 3:22).

(8) La sezione successiva, Flyarounds Location, presenta una delle caratteristiche più interessanti del disco. Ecco un tour digitale (SD, 7:25) di cinque diversi set del film: Downtown, l'appartamento, la Monsters & co., Simulatore, e La stanza di Boo. Questi invitano gli spettatori a scoprire il mondo di Monstropolis senza tutte le distrazioni della trama e dei personaggi, anche se ci sono alcune sorprese. Gli ambienti del film sono ancora più impressionanti qui. Nota che il semplice clic sul nome della sezione fa partire tutti e cinque i flyarounds in un colpo solo (non sono individualmente classificati come era sul DVD).



(9) La sezione che segue è Monster File, dedicata ai personaggi del film. La primo è "Cast of Characters" (SD, 5:54), che evidenzia il cast vocale di Monsters e co., con delle interviste e delle riprese dallo studio di registrazione. "Che cosa rende un mostro grande?" (SD, 1:27) ritiene che tutti i modi con cui si potrebbe immaginare un mostro e la creatività che c'è stato un attento e fantasioso design del personaggio.

(10) La sezione dell'Animazione è stata riempita di featurette. La prima è "Animation Process" (SD, 3,14), che come ci si aspetterebbe parla in dettaglio del processo di creazione di un film CGI. "I primi test" (SD, 8:05) mostra alcune delle prime scene animate per esplorare le possibilità del film e siccome non c'è l'audio, sono accompagnati da un commento molto informativo di Thomas Porter, Steve May, e Michael Fong. In "L'Animazione dei titoli di testa" (SD, 2:09) si discute dell'idea per la creazione della sequenza crediti d'apertura in stile jazz. "Parti difficili" (SD, 5:01) spiega i metodi utilizzati per raggiungere le più difficili (e le più impressionanti) porzioni del film, come la stazione delle porte e il pelo di Sulley. "Shots Department" (SD, 2:15) approfondisce in modo simile la creazione delle riprese difficili e i movimenti dei personaggi.

All'interno della sezione animazione c'è una sotto-sezione intitolata Production Demo. Un introduzione di Unkrich (SD, 0:42) porta a quattro diverse presentazioni della stessa scena del film ("23-19", SD, 1:50), ogni volta in un diverso stadio di sviluppo. Ciascuna delle quattro fasi (Storyreel, layout, animazione e colore finale) può essere guardata nella sua interezza o - meglio ancora - chi ha un telecomando dotato di capacità di commutare la visione ad angolo può alternare tra di loro.



(11) Musica e Suono comprende due elementi. "Monster Song" (SD, 3:17) è un dietro le quinte del duetto di Goodman e Crystal scritto da Randy Newman, "If I Didn't Have You", con interviste da tutte e tre le parti. "Sound Design" (SD, 4:16) è un contenuto tradizionale, ma sufficiente a spiegare molto bene gli effetti sonori del film e la colonna sonora, che parla sia la tecnica che la creatività.

(12) La sezione Release contiene il materiale promozionale che ha accompagnato il debutto cinematografico del film. Il primo è "la Premiere" (SD, 0:58), un montaggio di brevi filmati dall'anteprima mondiale all'El Capitan Theatre di Hollywood. Poi c'è una collezione sia dei trailer che di quattro diversi spot televisivi (tutti in formato SD e la durata è di poco meno di cinque minuti in tutto, senza un "Play All"). "Inserti International" (HD, 1:08) documenta gli sforzi della Pixar per far vedere il loro film in diverse parti del mondo con dei conseguenti adattamenti, e continua con la "Clip multi-lingua" (HD, 3:47) dove una scena del film si piò sentire con il doppiaggio dei diversi attori internazionali. "I giocattoli" (SD, 1:32) è una featurette sui prodotti di consumo del film. Infine, ci gli "Errori di scena e la recita aziendale" (HD, 5,27), con diversi segmenti originari del fine che imitano il tipo di bloopers che sono comuni nelle produzioni live-action. Il filmato è brillante e ispirato, e mostra l'ingenuità del marchio Pixar. Ci sono anche alcuni filmati dalla produzione finale del musical di Mike "Su riporta quell'affare dove stava, dà retta a me! Da non perdere.

(13) L'ultima sezione dietro la porta solo gli esseri umani è il Wrap-Up, che accede direttamente a un breve video clip con lo stesso nome (SD, 0:46). Questo è un piccolo segmento video lasciato dal DVD del 2002, che era la conclusione di tour della Pixar.

La porta molto più piccolo "Solo mostri" ha tre sotto-sezioni al suo interno.

(1) Due featurette e un video musicale era in sono contenute qui. "Monster TV treats" (SD, 1:13) è una clip di varie inserzioni animate per promuovere il film, la maggior parte legate ad una festività o ad un evento sportivo.
Infine, c'è un video musicale (HD, 1:12) per la canzone interpretata da Goodman e Crystal "If I Didn't Have You," un ottimo numero per i titoli di coda che fa vedere l'amicizia dei protagonisti. Il video non necessariamente migliora la canzone premio l'Oscar, in quanto contiene solo filmati con degli estratti audio che di tanto in tanto non riguardano la musica, ma sono sapientemente adattate per creare l'illusione che i personaggi cantino insieme, a volte.

(2) La sezione successiva, Dietro le urla, contiene solo una cosa: "Al con Mike & Sulley" (SD, 2:33), un'intervista molto piacevole fittizia. Originariamente creata per il DVD del 2002, questo è un prodotto di qualità che solo la Pixar produce.

(3) L'ultima sezione è dietro la porta dei mostri è l'Orientamento. Funziona proprio, come sembra, sarà probabilmente il più divertente per i bambini, ammesso che sia possibile gestire l'interattività richiesta. Il primo è "Benvenuti alla Monsters, & co." (SD, 0:56), e anche le pubblicità della fabbrica della paura che ci sono all'interno del film. E' fantastico poter vedere questo in pieno schermo da solo e lavora bene come introduzione a questa sezione. "Il vostro primo giorno" (SD, 3:37) dà ai nuovi dipendenti un'efficace panoramica della società e delle sue strutture. E' seguita da "Storia del Mondo dei Mostri" (HD, 1:36), uno sketch/cortometraggio animato che dà un resoconto umoristico della storia del genere dei mostri.

Cosa manca dal DVD?

La maggior parte delle cose di cui vale la pena preoccuparsi sono stati riportate dall'edizione del 2002 a due dischi in questa versione Blu-ray. Quelli che stanno meditando un upgrade e che vogliono sapere ogni piccola cosa che venire a mancare può guardare qui:

Come accennato in precedenza, la traccia in Dolby 5.1 EX con soltanto gli effetti audio non è stata riportata nel Blu-ray. Mentre questo non è un crimine capitale, è frustrante.

La cosa più notevole che è sparita sono i venti minuti del Tour della Produzione. Questo era una sorta di panoramica divertente degli studi Pixar e dei diversi luoghi della produzione. Le porzioni sostanziali sono state mantenuti sul Blu-ray, come la chiusura "Wrap-Up", ma alcune altri pezzi di transizione soo andati perduti.

Il DVD aveva una "Sessione Binaural", per la quale gli spettatori erano stati incoraggiati ad utilizzare le cuffie. Attraverso un video introduttivo, un video in studio con John Goodman e Billy Crystal, e una miscela di tre suoni differenti, gli spettatori si sono divertiti con una gag audio che li faceva passare dall'orecchio sinistro a quello destro in un'esplorazione sonora divertente.

In aggiunta alle due trailer e ai quattro spot televisivi sul Blu-ray, il DVD del 2002 conteneva anche un teaser trailer (1:53). Perché non è stato riportato qui è un mistero.

"Storytime", il libro virtuale che dava il Benvenuto a Monstropolis, non è stato riportato. Non è una grande perdita.

Ci sono altre parti minori che mancano ma di importanza assolutamente minore.



Menu, packaging e design

I due dischi Blu-ray sono contenuti nella classica custiodia blu in plastica, non più sottile come i primi tempi. I due dischi sono inseriti in questo modo: il secondo disco dove di solito va a finire il disco quando si tratta di edizioni a disco singolo, mentre il primo disco lo si trova sopra, a mò di libro. All'interno della confezione non c'è nessun inserto di alcun tipo, ci sono solo i dischi.

I menu del Blu-ray usano il motivo delle porte, simile a quello del DVD. Di certo la qualità ora è ben diversa.
La Disney ha fatto un grande sforzo in modo significativo migliorando l'organizzazione dei contenuti supplementari questa volta, l'area di debolezza eccessivamente ingombrante nell'edizione del 2002. Una nota: il menù completo non è disponibile come un pop-up, mentre si è nella modalità di riproduzione, ma richiede di ritornare alla schermata del menu principale.

Le anteprime sono individualmente o collettivamente, disponibili dal menu principale delle Anteprime Esclusive. Le anteprime sono per Up, al cinema, Biancaneve e i sette nani in DVD e Blu-ray, Trilli e il Tesoro Perduto, i Disney Blu-ray, Corsa a Witch Mountain, Supercuccioli a Natale e infine per Disneyland Paris.


Riflessioni conclusive

Ci sono due tipi di persone che leggono questa recensione: quelli che già possiedono Monsters & co. e quelli che non ce l'hanno. Per questi ultimi, vi consiglio di porre rimedio a questo grave errore al più presto possibile. O con il DVD del 2002 (che ancora si trova in catalogo) o con questo nuovo Blu-Ray.

Per chi già possiede il DVD del 2002, un aggiornamento è raccomandato nel merito anche soltanto del transfer straordinario in alta definizione e per la traccia audio in HD. Supponendo che abbiate un lettore Blu-ray o che pianificate di acquistarlo per un futuro prossimo, vi consigliamo di acquistarlo.

Io l'ho già visto più di una decina di volte e lo riguarderei ancora anche tre volte senza problemi. Raccomando assolutamente questo film. Non può non essere visto e non dovrebbe mancare in nessuna collezione di amanti del cinema, per non parlare di quelle degli appassionati Disney. La quantità di materiale bonus è stupefacente, tra cui alcune nuove aggiunte eccezionali e una serie di supplementi che ora appare in HD. Questa è facilmente una delle migliori uscite home video del 2009 e un acquisto che va fatto senza pensarci due volte

Voto: 10
MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email