domenica 15 novembre 2009

Aumentano le presenze nei parchi Disney

Le presenze ai parchi a tema della Disney sono cresciute del 15 per cento negli ultimi mesi, in quanto la società ha creato delle offerte per attirare più clienti.

L'ultima relazione finanziaria della Walt Disney Company ha dimostrato che nei due parchi del Disneyland Resort californiano è aumentato il numero delle visite anche con la recessione economica in corso. Nel pomeriggio di giovedi, la società ha rilasciato i suoi dati per la fine dell'anno fiscale, che si è concluso 3 ottobre.

Da luglio a settembre, Disneyland e il Disney California Adventure hanno avuto il 15 per cento in più dei visitatori rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, ha detto Thomas Staggs, capo della finanze della Disney, nel corso di una conferenza con gli azionisti. Allo stesso tempo, le visite nei parchi Disney in Florida sono scese del 3 per cento.

Nel complesso, tuttavia, i turisti hanno acquistato meno "orecchie da Topolino" e abiti da principessa (prodotti tipici che la clientela acquista di solito nelle loro visite): i visitatori spendono circa il 10 per cento in meno per la merce presso i parchi nazionali, Staggs ha detto.

Entrambe le sedi visto le prenotazioni alberghiere affondare nel corso di questo periodo di tre mesi.

I tre hotel del Disneyland Resort hanno avuto dei soggiorni del 4 per cento più bassi rispetto all'anno precedente, Staggs ha affermato. Ciò significa un 84 per cento di occupazione complessiva - la stessa della proprietà della Disney in Florida.

I soggiorni presso gli hotel per il prossimo anno sono già in ritardo, con prenotazioni di circa il 5 per cento in meno. Tuttavia, le prenotazioni hanno iniziato a crescere quando la Disney ha annunciato le nuove promozioni di questa settimana. Disneyland, per esempio, offre due notti gratuite all'hotel per i visitatori che fanno soggiorni di tre notti e comprare cinque giorni di ingressi per i parchi in primavera.
MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email