martedì 13 ottobre 2009

Up Week - Gli Easter Eggs del film


Ogni film della Pixar è ricco di citazioni ad altre pellicole, e Up non è da meno. Sono ricchissimi gli Easter Eggs di Up, e grazie a /Film, gli abbiamo tutti raccolti in quest'articolo, non sono degli spoiler ma bensì delle piccole annotazioni e curiosità che vi potranno accompagnare in una più approfondita visione del film.


John Ratzenberger è considerato il porta fortuna della Pixar, è comparso in tutte le pellicole d'animazione dello studios dal primo Toy Story, e poteva mancare in Up?
Infatti nel film doppia il lavoratore edile in una delle prime scene di Up, Tom Foreman.




La sequenza A-113, che si ripete in tutti i film Pixar, compare anche in Up, nell'immagine a seguire.
A-113 per chi non lo sapesse è la sigla di aula universitaria della CalArts, dove hanno studiato animatori e registi come John Lasseter, Brad Bird, Pete Docter, Andrew Stanton e molti altri.
La sigla compare anche in Lilo e Stitch, Il Gigante di Ferro, I Simpson, Griffin, South Park, Tiny Toons, American Dad, Le Superchicce e anche nei Pokemon.


Nel documento che ha in mano Carl compare la siglia 94070, che è il codice di avviamento postale di San Carlos, California, una città non tanto distante dalla sede delle Pixar, luogo di nascita di Brad Lewis, attualmente a lavoro come regista in Cars 2.




Mentre Carl guarda la televisione prima che Russel suoni alla sua porta, è in onda una pubblicità televisiva di marketing molto particolare, diventata famosa perchè il conduttore ha scambiato una fotografia di una farfalla per un di un cavallo.
Potete vedere lo spot televisivo qui sotto, subito dopo la scena del film dove si sente la pubblicità.






Se guardate molto attentamente alle macchine edili all'inizio del film, noterete il logo della Buy and Large, famosa compagnia in WALL-E, inoltre una targa di queste macchina porta la sigla L-R 1572, data di nascita dell'Art Director, Lou Romano.


Carl ha sulla giacca una spilletta di un tappo di bottiglia della Grape Soda, la stessa apparsa durante la pubblicità a casa di Sid, in Toy Story.


E come poteva mancare il camion del Pizza Planet? In Up comparirà ben due volte, la prima quando la casa di Carl prende il volo e la seconda... bè tocca a voi scoprirla.




La Pixar è solita a includere nelle loro pellicole, personaggi che compariranno in film futuri, è successo in Monsters & Co, Alla Ricerca di Nemo, Ratatouille, e nel corto Your Friend the Rat.


In Ratatouille era apparsa un'ombra di Dug, il cane parlante del film, mentre in Up apparirà un nuovo personaggio di Toy Story 3, già individuato e confermato dal produttore Jonas Rivera, e visibile nell'immagine sottostante.


Nell'immagine sopra se notate c'è il famoso pallone del corto Pixar, Luxo Jr., e appeso al muro, il disegno di Kevin, il pennuto gigante che comparirà nel corso della pellicola.



E per ora ci fermiamo qui, per chi, una volta visto il film, nota qualche altra apparizione o cameo di altri personaggi Pixar e non, ce li segnali nei commenti qui sotto.

"Carl Fredricksen è un anziano signore che per tutta la vita ha sognato di girare il mondo, ma ha dovuto scontrarsi coi problemi della realtà quotidiana come le bollette e gli acciacchi dell'età. Quando a 72 anni la vita sembra non offrirgli più tempo per realizzare il suo sogno bussa alla sua porta Russell, un boyscout di 8 anni che deve fare la sua buona azione. Sarà con lui che Carl Fredricksen intraprenderà il viaggio dei suoi sogni in Sud America, dove incontreranno animali selvaggi e persino degli inaspettati nemici."

Up è prodotto dalla Pixar Animation Studios e distribuito dalla Walt Disney Pictures, e uscirà in Italia il 15 Ottobre 2009 anche in Disney Digital 3D.
Il film è diretto da Pete Docter e prodotto da John Lasseter.
Up è doppiato in italiano da Giancarlo Giannini - Edward Asner, Arturo Valli - Jordan Nagai, Arnoldo Foà - Christopher Plummer e Neri Marcorè - Bob Peterson.
La Colonna Sonora è composta da Michael Giacchino.
MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email