martedì 22 settembre 2009

61esimi Emmy Awards - I Vincitori

Neil Patrick Harris, star di HYMYM e conduttore dei 61esimi Emmy Awards

Prevedibile, è questa la parola che può definire la 61esima edizione degli Emmy Awards, l'Academy della televisione, che ripremia per la quarta volta consecutiva gli stessi telefilm per la categoria, Miglior comedy e miglior serie drammatica, 30 Rock e Mad Men. Insomma i premi in fin dei conti non so immeritati, ma ci sono delle serie sia comedy come How I Met your Mother, The Big Bang Theory, che drammatici come Lost, House o Dexter, che non devono essere trascurate per premiare il solito duetto telefilmico.

Comunque per quanto rigurda la ABC, sia aggiudica almeno il premio per il miglior attore non protagonista in una serie drammatica, il fantastico e amatissimo dal pubblico Michael Emerson di Lost, e la migliore attrice non protagonista in una serie comedy, Kristin Chenoweth (foto) per il ruolo di Olive Snook nel compianto Pushing Daisies, cancellato alla sola seconda stagione per mancanza di ascolti.
Grande protagonista è Disney Channel nella categoria miglior telefilm per ragazzi dove trionfa la serie comedy, I Maghi di Waverly con Selena Gomez.

  • Miglior comedy:
  • 30 Rock (Nbc);
    Entourage (Hbo);
    Weeds (Showtime);
    How I met your mother (Cbs);
    Flight of the Conchords (Hbo);
    The Office (Nbc);
    I Griffin (Fox).


  • Miglior Drama:
  • Mad Men (Amc)
    Big Love (Hbo);
    Breaking Bad (Amc);
    Damages (Fx);
    Dexter (Showtime);
    House (Fox);
    Lost (Abc).


  • Miglior attore per una serie comedy:
  • Alec Baldwin per il ruolo di Jack Donaghy in “30 Rock” (Nbc);
    Jim Parsons per il ruolo di Sheldon Cooper in “The big bang theory” (Cbs);
    Jemaine Clement per il ruolo di Jemaine in “Flight of the Conchords” (Hbo);
    Tony Shalhoub per il ruolo di Adrian Monk in “Monk” (Usa Network);
    Steve Carell per il ruolo di Michael Scott in “The Office” (Nbc);
    Charlie Sheen per il ruolo di Charlie Harper in “Due uomini e mezzo” (Cbs).


  • Miglior attore per una serie dramma:
  • Bryan Cranston per il ruolo di Walter White in “Breaking Bad” (Amc);
    Michael C. Hall per il ruolo di Dexter Morgan in “Dexter” (Showtime);
    Hugh Laurie per il ruolo di Gregory House in “Dr. House” (Fox);
    Gabriel Byrne per il ruolo di Paul in “In Treatment” (Hbo);
    Jon Hamm per il ruolo di Don Draper in “Mad men” (Amc);
    Simon Baker per il ruolo di Patrick Jane in “The Mentalist” (Cbs).


  • Miglior attrice per una serie comedy:
  • Toni Collette per il ruolo di Tara Gregson in “The United States of Tara” (Showtime);
    Julia Louis-Dreyfus per il ruolo di Christine in “La complicata vita di Christine” (Cbs);
    Christina Applegate per il ruolo di Samantha Newly in “Samantha chi?” (Abc);
    Sarah Silverman per il ruolo di sè stessa in “The Sarah Silverman program” (Comedy Central);
    Tina Fey per il ruolo di Liz Lemon in “30 Rock” (Nbc);
    Mary-Louise Parker per il ruolo di Nancy Botwin in “Weeds” (Showtime).


  • Miglior attrice per una serie dramma:
  • Glenn Close per il ruolo di Patty Hewes in “Damages” (Fx);
    Sally Field per il ruolo di Nora Walker in “Brothers and sisters” (Abc);
    Kyra Sedgwick per il ruolo di Brenda Leigh Johnson in “The Closer” (Tnt);
    Mariska Hargitay per il ruolo del Detective Olivia Benson in “Law & order:
    unità speciale” (Nbc);
    Elisabeth Moss per il ruolo di Peggy Olson in “Mad men” (Amc);
    Holly Hunter per il ruolo di Grace Hanadarko in “Saving Grace” (Tnt).


  • Miglior attore non protagonista per una serie comedy:
  • Jon Cryer per il ruolo di Alan Harper in “Due uomini e mezzo” (Cbs);
    Kevin Dillon per il ruolo di Johnny Drama in “Entourage” (Hbo);
    Neil Patrick Harris per il ruolo di Barney Stinson in “How I met your
    mother” (Cbs);
    Rainn Wilson per il ruolo di Dwight Schrute in “The Office” (Nbc);
    Tracy Morgan pr il ruolo di Tracy Jordan in “30 Rock” (Nbc);
    Jack McBrayer per il ruolo di Kenneth Parcell in “30 Rock” (Nbc).


  • Miglior attore non protagonista per una serie dramma:
  • Michael Emerson per il ruolo di Ben Linus in “Lost” (Abc);
    William Shatner per il ruolo di Denny Crane in “Boston Legal” (Abc);
    Christian Clemenson per il ruolo di Jerry Espenson in “Boston Legal” (Abc);
    Aaron Paul per il ruolo di Jesse Pinkman in “Breaking Bad” (Amc);
    William Hurt per il ruolo di Daniel Purcell in “Damages” (Fx);
    John Slattery per il ruolo di Roger Sterling in “Mad Men” (Amc).


  • Miglior attrice non protagonista per una serie comedy:
  • Kristin Chenoweth per il ruolo di Olive Snook in “Pushing Daisies” (Abc);
    Amy Poehler per vari personaggi in “Saturday night live” (Nbc);
    Kristin Wiig per vari personaggi in “Saturday night live” (Nbc);
    Jane Krakowski per il ruolo di Jenna Maroney in “30 Rock” (Nbc);
    Vanessa Williams per il ruolo di Wilhelmina Slater in “Ugly Betty” (Abc);
    Elizabeth Perkins per il ruolo di Celia Hodes in “Weeds” (Showtime).


  • Miglior attrice non protagonista per una serie dramma:
  • Cherry Jones per il ruolo di Allison Taylor in “24″ (Fox);
    Rose Byrne per il ruolo di Ellen Parsons in “Damages” (Fx);
    Sandra Oh per il ruolo di Christina Yang in “Grey’s anatomy” (Abc);
    Chandra Wilson per il ruolo di Miranda Bailey in “Grey’s anatomy” (Abc);
    Dianne Wiest per il ruolo di Gina in “In treatment” (Hbo);
    Hope Davis per il ruolo di Mia in “In treatment” (Hbo).


  • Miglior show animato (della durata inferiore ad un’ora):
  • South Park, episodio “Margaritaville” (Comedy Central);
    American Dad, episodio “Sixteen-Hundred Candles” (Fox);
    Robot Chicken, episodio “Robot Chicken: Star Wars Episode II” (Cartoon
    Network);
    I Simpson, episodio “Gone Maggie Gone” (Fox).


  • Miglior show animato (della durata di un’ora o più):
  • Destination Imagination- Foster’s Home For Imaginary Friends (Cartoon Network);
    Afro Samurai: Resurrection (Spike Tv).


  • Miglior cast per una serie comedy:
  • 30 Rock (Nbc);
    Californication (Showtime);
    The office (Nbc);
    United States of Tara (Showtime);
    Weeds (Showtime).


  • Miglior cast per una serie drama:
  • True Blood (Hbo);
    Damages (Fx);
    Friday Night Lights (Nbc);
    Mad Men (Amc);
    The Tudors (Showtime).


  • Miglior doppiatore/voice over:
  • Dan Castellaneta per il ruolo di Homer Simpson ne “I Simpson”, episodio “Father Knows Worst” (Fox);
    Ron Rifkin per il ruolo del Narratore in “American Masters”, episodio “Jerome Robbins: Something To Dance About” (Pbs);
    Seth MacFarlane per il ruolo di Peter Griffin ne “I Griffin”, episodio “I Dream of Jesus” (Fox);
    Seth Green per vari ruolo in “Robot Chicken”, episodio “Robot Chicken: Star Wars Episode II” (Cartoon Network);
    Hank Azaria per il ruolo di Moe Syzlak ne “I Simpson”, episodio “Eeny Teeny Maya, Moe” (Fox);
    Harry Shearer per vari ruoli ne “I Simpson”, episodio “The Burns And The Bees” (Fox).


  • Miglior miniserie:
  • Little Dorrit (Pbs);
    Generation Kill (Hbo).


  • Miglior film per la tv:
  • Grey Gardens (Hbo);
    Coco Chanel (Lifetime);
    Into the storm (Hbo);
    Prayers for Bobby (Lifetime);
    Taking chance (Hbo).


  • Miglior regia per una serie comedy:
  • Jeff Blitz per The Office, episodio “Jeff Blitz” (Nbc);
    Julian Farino per Entourage, episodio “Tree Trippers” (Hbo);
    Tree Trippers per Flight of the Conchords, episodio “The Tough Brets” (Hbo);
    Millicent Shelton per “30 Rock”, episodio “Apollo, Apollo” (Nbc);
    Beth McCarthy per “30 Rock”, episodio “Reunion” (Nbc);
    Todd Holland per “30 Rock”, episodio “Generalissimo” (Nbc).


  • Miglior regia per una serie dramma:
  • Rod Holcomb per “E.R.”, episodio “And in the end” (Nbc);
    Michael Rymer per “Battlestar Galactica”, episodio “Daybreak- parte 2″ (SyFy);
    Bill D’Elia per “Boston Legal” , episodi “Made in China” e “Last call” (Abc);
    Todd A. Kessler per “Damages”, episodio “Trust me” (Fx);
    Phil Abraham per “Mad men”, episodio “The jet set” (Amc).


  • Miglior regia per una miniserie o film-tv:
  • Dearbhla Walsh per “Little Dorrit- prima parte” (Pbs);
    Susanna White per “Generation Kill”, episodio “Bomb In The Garden” (Hbo);
    Michael Sucsy per “Grey gardens” (Hbo);
    Thaddeus O’Sullivan per “Into the storm” (Hbo);
    Ross Katz per “Taking Chance” (Hbo);
    Philip Martin per “Wallander: One Step Behind” (Pbs).


  • Miglior attore per una miniserie o film-tv:
  • Brendan Gleeson per il ruolo di Winston Churchill in “Into the storm” (Hbo);
    Kevin Kline per il ruolo di Cyrano de Bergerac in “Cyrano de Bergerac-Great Performances-” (Pbs);
    Sir Ian McKellen per il ruolo di King Lear in “King lear- Great Performances” (Pbs);
    Kevin Bacon per il ruolo di LtCol Mike Strobl in “Taking Chance” (Hbo);
    Kiefer Sutherland per il ruolo di Jack Bauer in “24: Redemption” (Fox);
    Kenneth Branagh per il ruolo di Kurt Wallander in “Wallander: one step behind” (Pbs).


  • Miglior attrice per una miniserie o film-tv:
  • Jessica Lange per il ruolo di Big Edie in “Grey gardens” (Hbo);
    Chandra Wilson per il ruolo di Yvonne in “Accidental Friendship” (Hallmark);
    Shirley MacLaine per il ruolo di Coco Chanel in “Coco Chanel” (Lifetime);
    Drew Barrymore per il ruolo di Little Edie in “Grey gardens” (Hbo);
    Sigourney Weaver per il ruolo di Mary Griffith in “Prayers for Bobby” (Lifetime).


  • Miglior sceneggiatura per una serie comedy:
  • 30 Rock, episodio “Reunion” (Nbc);
    Flight Of The Conchords, episodio “Prime Minister” (Hbo);
    30 Rock, episodio “Apollo, Apollo” (Nbc);
    30 Rock, episodio “Mamma Mia” (Nbc);
    30 Rock, episodio “Kidney Now!” (Nbc).


  • Miglior sceneggiatura per una serie dramma:
  • Mad Men, episodio “Meditations In An Emergency” (Amc);
    Lost, episodio “The Incident” (Abc);
    Mad Men, episodio “A Night To Remember” (Amc);
    Mad Men, episodio “Six Month Leave” (Amc);
    Mad Men, episodio “The Jet Set” (Amc).


  • Miglior sceneggiatura per una miniserie o film-tv:
  • Little Dorrit (Pbs);
    Generation Kill, episodio “Bomb In The Garden” (Hbo);
    Grey gardens (Hbo);
    Into the storm (Hbo);
    Taking chace (Hbo).


  • Miglior programma per ragazzi:
  • “I maghi di Waverly ” (Disney Channel);
    “Hanna Montana” (Disney Channel”;
    “iCarly” (Nickelodeon).


  • Miglior reality:
  • The Amazing Race (Cbs);
    American Idol (Fox);
    Dancing With the Stars (Abc);
    Project Runway (Lifetime);
    Top Chef (Bravo).

    MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
    Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

    Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

    Per informazioni contattate:
    email