sabato 27 dicembre 2008

La Disney non salpa con il Veliero

La Walt Disney Pictures non ha rinnovato il contratto di produzione con la Walden Media per la realizzazione de Il Viaggio del Veliero, terzo capitolo delle Cronache di Narnia, che dovrebbe uscire per Maggio 2010.
Questo è "il regalo di Natale" da parte della Disney, per i fan di Narnia, che ha lasciato sola la Walden Media con un Kolossal in produzione per questa primavera senza nessun produttore e finanziatore, la cosa più probabile è che chieda la co-produzione del terzo film alla 20th Century Fox, altro motivo per cui questa è una terribile notizia.
La principale causa potrebbe essere proprio il box office de Il Principe Caspian, 420 milioni di dollari, metà del primo film, contro un budget di 200 milioni, non un flop, ma sicuramente una delle maggiori delusione del 2008 per la Disney.
Comunque la Disney dovrebbe rilasciare un comunicato stampa dopo le feste per spiegare il motivo di questa scelta, che non è tanto chiara.

"I due fratelli più giovani dei due racconti precedenti, Lucy ed Edmund Pevensie, sono mandati in vacanza alla casa del loro odioso cugino Eustachio Clarence Scrubb. Sia per possibilità o per fato, i tre ragazzi sono attirati simultaneamente da un dipinto di tema marittimo che è un portale verso il mondo di Narnia. La nave dipinta nel quadro è il Veliero dell'Alba. All'improvviso i ragazzi vengono proiettati dentro al dipinto e vivranno una spettacolare avventura marittima insieme al giovane Re Caspian, diretti verso l'ignoto. L'odioso Eustachio uscirà molto cambiato da quest'avventura, e non sarà più l'antipatico ragazzino che era stato fino a quel momento."

Le Cronache di Narnia: Il Viaggio del Veliero è prodotto e distribuito dalla Walden Media, e uscirà in Italia entro la fine del 2010.
Il film è diretto da Michael Apted, e interpretato da Skandar Keynes, Georgie Henley e Ben Barnes.
MyNewAnimatedLife è un sito indipendente e non autorizzato dalla Walt Disney Company, e rappresenta le opinioni di conoscitori e appassionati dell'arte e tecnologia Disney con le loro quisquilie e pinzillacchere.
Ci riserviamo tutto il diritto di rispondere male a chi si lamenta che è finita la fantasia a Hollywood solo perché stanno facendo un sequel di Mary Poppins. Che poi voglio dire, è tratto dai romanzi originali di P.L. Travers, sono passati più di cinquant'anni, e c'è Lin-Manuel Miranda che farà cose, che problema avete?

Il sito utilizza il Programma affiliazione Amazon.

Per informazioni contattate:
email